ULTIME NOTIZIE/ Di oggi, ultim’ora: Corea Nord, complotto per uccidere Kim Jong-un (5 maggio)

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: (5 maggio 2017). Cambia la legge sulla legittima difesa. Rissa tra i candidati delle presidenziali francesi. I viaggi di Donald Trump scuotono il mondo.

manichini_impiccati_coloseo_roma_giocatori_twitter_2017
Manichini della Roma impiccati al Colosseo (foto da Twitter)
Pubblicità

Un complotto ordito dalla Cia e dalla Corea del sud per eliminare il dittatore nordcoreano Kim Jong-un. E’ quanto annunciano fonti ufficiali del governo di Pyongyang, un attentato che si sarebbe dovuto tenere a metà dello scorso aprile, mentre erano in corso le celebrazioni per l’anniversario della repubblica. Secondo le stesse fonti, un nordcoreano assoldato dalla Cia avrebbe dovuto colpire il dittatore con una sostanza velenosa che provoca la morte nel giro di sei, dodici mesi. Ovviamente tale dichiarazione è accompagnata da nuove dichiarazioni di guerra nei confronti di Stati Uniti e Seul, aggiungendo che adesso anche loro agiranno allo stesso modo, inviando attentatori a colpire il nemico. Tutto il piano è abbastanza fantasioso e fa parte del classico repertorio di propaganda nord coreana per alimentare il clima di tensione. clicca su questo link per leggere la notizia approfondita

Domenica si vota in tutta la Francia per decidere chi sarà il nuovo presidente della repubblica. Al ballottaggio come si sa l’indipendente Macron e la frontista Le Pen. L’ultimo sondaggio in ordine di tempo eseguito dall’istituto Elabe per Bfm Tv dà il primo in vantaggio con il 62% delle preferenze, Marine Le Pen è ferma al 38% Sempre secondo i sondaggisti l’elettorato di Mélenchon che non ha dato nessuna indicazione di voto ai suoi, adesso sta andando verso Macron: il 54% contro il 33% che si asterrà.  La vittoria del centrista è ormai data per scontata tanto che nel Fronte Nazionale già si critica la leadership e ci si prepara alla battaglia interna.

Pubblicità

Facile fare i soldi senza pagare le tasse. I grandi gruppi che monopolizzano il web da tempo se la sono cavata così a lungo, almeno per quanto riguarda il nostro paese, con escamotage e trucchetti vari. Ma la pacchia adesso è finita. Grazie a un serio impegno di cui si è parlato anche a livello internazionale, il nostro fisco ha ha già obbligato Apple a versare all’Italia 318 milioni di euro di imposte mai pagate. Adesso è il turno di Amazon, Facebook e Airbnb. Google ha promesso il pagamento di 306 milioni di euro garantendo che continuerà a pagare le tasse mentre per gli altri soggetti citati sè è ancora alle trattaive. Tutti accusati d fare utili in Italia senza pagare le tasse o pagandone una minima parte rispetto agli utili effettivamente ricavati in Italia. 

Pubblicità

Episodio gravissimo accaduto nella notte al Colosseo, monumento simbolo della città di Roma: dalle ultime notizie che arrivano direttamente dal posto, sono stati trovati quattro manichini impiccati sulla passerella di fronte all’Anfiteatro Flavio con addosso le maglie riconoscibili di Salah, Nainggolan e De Rossi, tre simboli della squadra di Luciano Spalletti. Dietro ai fantocci impiccati e appesi l’aggiunta di uno striscione inquietante che recita «un consiglio senza offesa, dormite con la luce accesa». Episodio di una gravità allucinante che ancora non ha una spiegazione né un’origine certa, anche se si sospettano maggiormente i “tifosi” della Roma dopo le ultime prestazioni non brillanti e dopo il derby perso malamente domenica scorsa per 1-3 contro la Lazio di Simone Inzaghi. Indagini subito scattate e shock della società giallorossa che ancora non ha commentato ufficialmente il fattaccio avvenuto al Colosseo. (agg. di Niccolò Magnani)

Donald Trump sarà in Italia il 24 maggio proveniente da Bruxelles e diretto a Taormina per il G7, evento che si terrà sotto la presidenza italiana il 26 e 27 Maggio. Il portavoce presidenziale ha infatti reso noto il programmi dei primi viaggi del presidente americano, quest’ultimi inizieranno dall’Arabia Saudita per poi contemplare la Palestina e Israele, infine doveroso omaggio al Papa, che Trump incontrerà a Roma. Prevista nello stesso giorno anche una visita di cortesia al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, infine l’uomo più potente del mondo parteciperà al summit dei sette paesi più industrializzati, vertice che si terrà in Sicilia tra misure di sicurezza altissime. Non sono stati rese note date relativamente ad un incontro con Putin, anche se molti avevano ipotizzato un rendez vous tra i due leader in Slovenia, la patria di Melania Trump.

Una legge che di fatto ha quasi certificato un inversione di tendenza, quella che ieri è stata approvata alla camera grazie ai voti del PD, e contro il volere del centro destra. La legge nelle intenzione del legislatore dovrebbe facilitare la legittima difesa all’interno della propria abitazione, essa però è stata contestata dai partiti più duri dello scenario politico italiano, che la ritengono troppo morbida. Secondo la norma il cittadino potrà utilizzare le armi per difendersi da un aggressione durante la notte, aggressione che potrebbe interessare sia le “persone che le cose”, esclusa inoltre la colpa nel caso di uso delle armi per evitare situazioni di pericolo per la vita o per evitare un eventuale violenza sessuale, una volta riconosciuto innocente il cittadino si vedrebbe inoltre rimborsate le spese processuali patite durante l’iter di giudizio.

Un dibattito Televisivo che alla fine è stato vinto da Macron, ma che in alcuni momenti ha sfiorato la rissa verbale, questo il primo scontro tra i candidati alla poltrona di presidente francese. Il dibattito si è tenuto in diretta dinanzi a milioni di telespettatori, e se la Marine La Pen ha cercato di mettere in difficoltà il proprio avversario, quest’ultimo ha risposto per le rime sottolineando l’inadeguatezza di preparazione della leader del Front National. Prologo del dibattito la denuncia che stamani Macron ha presentato nei confronti della donna, rea di averlo accusato di avere dei “conti offshore”. Il dibattito è stato seguito da meno di diciassette milioni di telespettatori, all’ultime elezioni presidenziali essi erano circa venti milioni.

L’età si fa sentire anche per le teste coronate, questo è il caso che interessa il principe Filippo, consorte della Regina Elisabetta, che alla veneranda età di 96 ha deciso che da Agosto interromperà tutti i suoi impegni pubblici. La decisione ha sollevato una ridda di voci, voci che sono culminate nella notizia che il marito di Elisabetta fosse morto, la notizia pubblicata dal Sun è subito però stata smentita dalla casa reale, con il portavoce di Buckingham Palace che ha sottolineato che il duca di Edimburgo sta benissimo, ma che per scelta sua non se la sente di presenziare più alle tante manifestazioni nella quale è spesso invitato.

Cento anni della corsa rosa ma anche un secolo della storia del nostro paese: si partirà domani. Al via dalla Sardegna il centesimo giro d’Italia sotto il segno della memoria e del ricordo di Michele Scarponi. Sono stati presentati 22 team ma il cuore degli italiani batte per Vincenzo Nibali ma la realtà potrebbe orientare l’asticella verso temutissimi avversari. Lo scalatore messinese già due volte sul gradino più alto del podio senza troppi giri di parole punta direttamente al tris. L’incognita è la nuova squadra anche se Visconti già ha ricevuto precise disposizioni dal suo direttore sportivo: condurre Nibali in rosa fino a Milano. Mortirolo, Montegrappa al solo pensiero incutono timore ma per il messinese il vero pericolo è Nairo Quintana che con il giro ha un feeling particolare: dopo aver conquistato la Tirreno-Adriatica, il colombiano si è detto certo di poter conquistare anche il successo finale per poi dedicarsi al Tour. Nei favoriti rientra anche il gallese guiderà il team Sky insieme a Landa ed occhio a quest’ultimo. Occhio però anche a Contador e al francese Pinot. La prima tappa che assegnerà la maglia rosa avverrà sul traguardo di Olbia, l’atmosfera ad Alghero è vestita a festa e alla presentazione delle squadre e dei 197 corridori.

Non è stata di sicuro una gara facile Celta Vigo-Manchester United per José Mourinho che è stato costretto fino all’ora di gioco allo zero a zero dalla squadra di Berizzo. Nella ripresa ha segnato ancora Mark Rashford che ha regalato una vittoria esterna importante agli inglesi che però ovviamente non sono ancora certi della qualificazione al prossimo turno. Di certo però è un successo che da la possibilità di guardare a questa competizione con ancor più ottimismo in vista del ritorno che si giocherà la prossima settimana. E’ così che dopo l’ipotesi Real Madrid-Juventus per la Champions League si pensa a un Ajax-Manchester United per l’Europa League.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori