CANI ANTI-ANORESSIA/ Ragazze con disturbi alimentari tornano a mangiare grazie a piccoli labrador: ecco come

- Silvana Palazzo

Cani anti-anoressia: ragazze con disturbi alimentari tornano a mangiare con i nuovi psicologi della nutrizione. Le ultime notizie sul progetto dell’ospedale Mondino di Pavia

labrador_cane_web_2017
Immagini di repertorio (foto da Pixabay)
Pubblicità

I cani sono l’arma vincente per combattere l’anoressia: lo dimostra un progetto dell’ospedale Mondino di Pavia, curato dalle operatrici Antonella Mastrogiacomo e Monica Del Signore. Ragazze con disturbi alimentari riescono a riprendere a mangiare grazie all’amore e all’allegria degli amici a quattrozampe. Il progetto si chiama “AlimenTIAMOci con amore” ed è stato strutturato dalla cooperativa sociale Tempo per l’infanzia di Milano per dare alle pazienti gli strumenti necessari per aprirsi e risolvere i loro problemi. Partner del progetto il canile la Rocca degli Angeli.

I cani, come riportato da Libero, aiutano a rafforzare il senso di autonomia delle giovani pazienti, che devono acquistare le pappe dei piccoli pelosi. Appassionandosi al gusto dei cuccioli nel mangiare, le ragazze hanno riacquistato la dimensione del cibo, ripreso peso e sorriso. Per il progetto hanno “lavorato” tre cagnoline, il labrador Shieva con le volpine Molly e Trilly. Non tutti i simpatici pelosi possono praticare questa attività: devono essere in possesso di determinati requisiti sanitari e comportamentali.

Il cane si è trasformato dunque in uno psicologo della nutrizione in questa prima edizione di “AlimenTIAMOci con amore“, ma non è da escludere il coinvolgimento dei gatti nel prossimo progetto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori