Gli etero ubriachi diventano più gay?/ Lo studio (sbronzo) che collega drink e psiche

- Niccolò Magnani

Gli etero ubriachi diventano più gay: lo studio discutibile e discusso negli Usa che mostra come dopo vari drink aumenta interesse anche per il proprio stesso genere. La psiche e le critiche

drink_vino_bere_ubriachi_bicchiere_bar_lapresse_2017
Bicchiere di vino (LaPresse)
Pubblicità

Se sei etero e bevi un drink, occhio, potresti ritrovarti più gay di prima… Non siamo impazziti, riportiamo “semplicemente” uno studio (anche qui ci vorrebbero forse le virgolette, ndr) testato dal The Journal of Social Psychology in una cittadina del Midwest Usa, con campioni su 83 persone adulte tra uomini e donne. La dimostrazione dell’esperimento è semplice: un selezionato campione di persone è stato messo di fronte ad un video di 40 secondi con protagonisti un uomo e una donna che bevevano ad un bar. Dovevano poi valutare in un sondaggio cosa volessero fare con quei protagonisti delle immagini, con un “piccolo” dettaglio: ogni volta veniva offerto loro dell’alcol per verificare di volta in volta il grado di giudizio che potevano avere le “cavie” umane. E così, come riporta il portale Gay.it, la strana scoperta: più il livello alcolico cresce e più sia uomini che donne aumentavano il sentimento di “indifferenza” verso quale dei due attori poter desiderare, «Arrivati a dieci drink non c’erano più preferenze per le donne che per gli uomini», si legge nel report dello studio condotto in America.

Pubblicità

Riduzione del senso di inibizione e ora anche aumento del desiderio sessuale verso il proprio stesso genere. Dunque “in vino veritas?”: non esattamente, o quantomeno rendere il proprio corpo pieno zeppo di alcol e azzerare praticamente ogni capacità di giudizio e di discernimento potrebbe portare guai non solo nel riconoscere la propria attrazione, ma per una seria svariata di altri elementi, dal guidare un’auto fino alla proprietà di linguaggio oppure a scegliere quale persona frequentare. E inoltre, nello studio si “dimostra” che con l’aumentare dell’alcol si arriva ad una maggiore indifferenza verso l’attrazione e non all’aumento indiscriminato verso il proprio stesso genere. Insomma, siamo così certi che l’alcol sveli davvero il nostro “vero essere”, la nostra vera “psiche” e la nostra “vera natura”? A mo’ di provocazione, pensiamo se si guida meglio ubriachi o da astemi… 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori