INCIDENTE STRADALE/ Foggia, morto 21enne in via del Mare: 2 vittime anche a Caserta

- Dario D'Angelo

Incidente stradale: Foggia, un 21enne è morto dopo aver perso il controllo dell’auto su via del Mare. Due amici sono morti dopo essere finiti con la macchina contro un albero nel casertano.

incidente_stradale_schianto_auto_lapresse_2017
Incidente stradale (LaPresse)
Pubblicità

Tragico incidente stradale a Foggia, dove un ragazzo di 21 anni è morto ieri dopo aver perso il controllo della sua automobile in via del Mare. Come riportato da Foggia Today, il giovane Simone Leone, alla guida di una Peugeot 207, era da solo a bordo quando intorno alle 11:30, per cause ancora da accertare, è finito fuori strada all’altezza della progressiva chilometrica 2+800. La vittima, che si stava recando sul posto di lavoro, non ha avuto scampo: la sua vettura, infatti, dopo essere uscita fuori strada si è ribaltata più e più volte, finendo la sua corsa contro il muretto di una villa. Subito soccorso dai residenti dell’abitazione, come riportato da norbaonline.it, il 21enne è stato trasportato d’urgenza agli Ospedali Riuniti, ma è morto durante il trasferimento nell’ambulanza del 118.

Pubblicità

Sono due le vittime dell’incidente stradale verificatosi a Vairano Patenora, in provincia di Caserta, avvenuto nella giornata di ieri. Come riferito da Today.it, si tratta di Fabio Punzo e Gustavo De Iorio, rispettivamente di 28 e 44 anni, entrambi di Marzano Appio, due amici che hanno perso la vita nei pressi di un’officina sulla statale Casilina. L’autovettura sulla quale erano a bordo, per ragioni ancora da accertare da parte degli inquirenti, è finita nella scarpata attigua alla strada statale terminando la sua corsa contro un albero. Per i due uomini, morti sul corpo, non c’è stato nulla da fare: vani i soccorsi del personale del 118 giunto sul posto con un’ambulanza. Sul luogo dell’incidente stradale, oltre che i carabinieri e il personale dell’Anas, si sono recati anche gli amici e i familiari delle due vittime, letteralmente affranti da una tragedia di proporzioni simili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori