STRAGE CRISTIANI COPTI/ Il vescovo Angaelos ai terroristi: “vi amiamo nonostante tutto”

- Paolo Vites

Le straordinarie parole del vescovo capo della Chiesa ortodossa copta di Inghilterra, che dice di amare i terroristi nonostabnte gli atti orribili che compiono

attentato_manchester_terrorismo_preghiera_lapresse_2017
Foto LaPresse

Ci vuole una fede incredibile, una forza che solo lo Spirito può dare oggi che anche tanti cristiani parlano di guerra di religione per dire le parole che il vescovo cristiano copto, capo della Chiesa ortodossa coopta d’Inghilterra, ha detto dopo la strage dei suoi confratelli in Egitto, dove sono state uccise circa 40 persone tra cui anche bambini. A tutti era stato chiesto di convertirsi all’islam, loro da autentici martiri hanno rifiutato. Il vescovo dice parole inimmaginabili per chi non ha fede: “Vi amiamo, i crimini mortali che avete perpetrato sono orribili e indifendibili, ma voi siete amati”, ha detto. Anche coloro che hanno perseguitato Cristo, ha detto ancora, hanno finito per incontrare la Grazia perché “i cristiani credono nella possibilità del cambiamento”.

“Voi siete amati da Dio, il vostro creatore vi ha fatti a Sua immagine e messi al mondo per grandi cose, secondo il Suo piano per tutta l’umanità. Siete amati da me e da milioni come me non per quello che fate, ma per quello che potreste fare data la vostra natura. Siete amati perché io e tutti noi, crediamo nel cambiamento”. Ogni singolo giorno, ha detto ancora, veniamo cambiati da una vita di debolezza e peccato a una vita di giustizia. Gesù Cristo ha tolto l’umanità dalle catene del peccato e della morte. Vedere queste persone compiere questi atti pensando di fare qualcosa di glorioso e giustificato è una sofferenza, dice.

C’è una possibilità anche per gli autori degli atti più atroci: questa è la Misericordia di cui solo i cristiani sono capaci: “Questo messaggio va comunicato, capito da un’altra prospettiva, e anche se non intrapreso completamente almeno che lasci un’ombra di dubbio nelle menti di coloro che infliggono dolore e morte”. Oltre anche il concetto del perdono, è la concretezza che tutti siamo figli di Dio e che tutti possono cambiare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori