Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora: Istat, Pil in rialzo nel 2017 (1 giugno 2017)

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: (1 giugno 2017). Il Governo incassa la fiducia sulla manovra. Confermata la decisione di Donald Trump di non rispettare gli accordi sul clima.

donald_trump_8_lapresse_2017
Donald Trump (Lapresse)

Secondo l’Istat il Pil va rivisto al rialzo, un +1,2% che significa il dato migliore dal 2010. Al momento la crescita è già dello 0,9%, molto vicina a quanto aveva stimato il governo cioè dell’1,1%. Il capo del governo Gentiloni ha commentato: “Riviste al rialzo le stime per il 2017. L’Italia cresce più del previsto e l’impegno continua. Renzi da parte sua dice che tale stima è “figlia degli anni di lavoro serio e rigoroso che abbiamo alle spalle. Ma io non sono soddisfatto perché so che non basta. L’unica strada è andare avanti, continuare ad abbassare le tasse, semplificando il sistema e incoraggiando gli imprenditori veri”. Particolarmente bene va il settore dell’agricoltura con una crescita del 4,2%, negativo invece quello dell’industria con lo 0,3% in neo.

Incredibile ma vero: dopo mesi, anni, a discutere senza trovare un accordo, Movimento 5 stelle, Forza Italia e Partito democratico hanno depositato la nuova proposta di legge elettorale, detta “alla tedesca” perché si ispira al modello in uso in Germania. In sostanza si userà l’impianto proporzionale con la soglia al 5% (cosa che ha fatto infuriare il ministro Alfano che chiede almeno l’8%) e i collegi uninominali, che in Germania però sono maggioritari, cioè vince il candidato più votato. In Italia saranno proporzionali, 303 collegi e 27 circoscrizioni. Si vota scegliendo il candidato del proprio collegio e la lista del partito a lui collegato, mentre in Germania si può votare in modo disgiunto. Si contano i voti in tutta Italia e si stabilisce, in base alla percentuale, quanti seggi spettano a ciascun partito a livello nazionale e poi a livello circoscrizionale. In ogni circoscrizione i partiti fanno una classifica dei propri candidati

Con 315 a 142 l’esecutivo incassa la fiducia alla Camera dei deputati sulla manovra finanziaria, una fiducia che per quanto scontata non è cosi sicura al senato. La manovra vede infatti la forte diffidenza dell’Mdp piccolo movimento a cui mal aggrada la reintroduzione dei sistemi di pagamenti alternativi, e che potrebbe far mancare i numeri nella camera alta. In Senato infatti la maggioranza di governo senza la formazione di Alfano avrebbe 11 voti in più rispetto alla maggioranza richiesta, ma all’interno del PD la frangia dei “bersaniani” consta di quindici senatori che a questo punto diventerebbero determinanti. In tale contesto pesante il NO alla fiducia di Forza Italia, movimento politico che altre volte aveva votato a favore del governo o comunque non contro. La votazione ultima è attesa per domani.

Sarà annunciata a breve la decisione a cui è giunto Donald Trump, una decisione che non farebbe altro che confermare l’inaffidabilità dell’alleato americano. Il magnate americano parrebbe infatti intenzionato a disattendere completamente gli accordi sul clima, siglati dall’amministrazione uscente retta da Barak Obama. La decisione se sarebbe confermata rappresenterebbe un duro colpo alle politiche climatiche mondiali, lasciando di fatto in balia del riscaldamento globale il pianeta terra. In tale contesto immediata la replica dell’Unione Europea, che per bocca del rappresentante dell’ambiente sottolinea che i 28 andranno avanti sulla strada tracciata dall’accordo di Parigi, e cercheranno un accordo più stretto con i cosiddetti paesi emergenti (Cina e India), accordo che potrebbe riconsiderare la politica economica dell’intera UE.

L’ennesima autobomba che ha fatto una strage, questo è quanto avvenuto ieri a Kabul, città nella quale stamattina un camion bomba è stato fatto saltare a Zanbaq Square, in una delle piazze più trafficate della città. La piazza è sede anche di numerose ambasciate, ed è forse proprio le attività consolari che gli attentatori volevano colpire. La deflagrazione ha causato una ottantina di morti e oltre trecento feriti, tra quest’ultimi molti sono riconducibile all’ambasciata tedesca, ubicata nelle vicinanze di dove il camion era parcheggiato. L’attentato che è stato immediatamente rivendicato dall’ISIS è stato duramente condannato dal presidente afgano, Ashraf Ghani.

Biglietti ormai introvabili, alberghi ormai tutti esauriti in tutto il Galles meridionale e tifosi impazziti che cercano metodi alternativi per raggiungere il Millenium Stadium di Cardiff. L’attesa per la sfida che coronerà la squadra più forte di tutta Europa è ormai alle stelle, e se i giocatori della Juventus appaiono concentrati e carichi, quelli del Real si presentano alla stampa con il solito atteggiamento spavaldo. Intanto reso noto il programma degli uomini di Allegri, Buffon e compagni si alleneranno domani per l’ultima volta a Torino, poi un charter noleggiato dalla società li porterà direttamente nella capitale gallese. Arbitrerà la gara il signor Felix Brych, direttore di gara tedesco che ha già diretto i bianconeri nella sfida vinta contro il Porto.

Il torneo più prestigioso del tennis sta regalando tantissime emozioni agli appassionati. Subito fuori dai giochi il campione degli internazionali di Roma Zverev per mano di Verdasco. Accedono poi al 2° turno Wawrinka , Del Potro e Kyrgios. Inoltre edizione fortunata per gli italiani, infatti sono ben 5 i tennisti italiani al 2° turno, evento che non accadeva dal 1978. Lorenzi, Seppi, Bolelli, Napolitano e Fognini cercheranno di dare speranze ai tifosi italiani, tentando di andare più avanti possibile nel torneo francese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori