SANT’ONOFRIO/ Santo del giorno, il 12 giugno si celebra il protettore di tutte coloro che vorrebbero sposarsi

- Alessandra Pavone

Sant’Onofrio è il santo che viene celebrato nella giornata di oggi, lunedì 12 giugno. Per quanto riguarda la sua vita terrena non si sa molto, la sua storia

croce2_pixabay_2017
Santo del giorno: San Lanfranco Beccari

Il 12 giugno la Chiesa Cattolica e il mondo cristiano in generale festeggiano sant’Onofrio, che alternativamente è noto come Eremita o Anacoreta. Per quanto riguarda la sua vita terrena non si sa molto, essendo personalità vissuta nell’antichità. Secondo alcune fonti non confermate sarebbe stato figlio di un re persiano vissuto più o meno nel corso del V secolo. Tuttavia non si può definire con certezza la data di nascita e nemmeno il luogo in cui egli venne alla luce. Qualche dato, non verificabile in modo approfondito, risulta esservi solo per quanto concerne la data di morte, che va collocata intorno al 400. Interessante è l’etimologia del nome, che è legato alla tradizione egizia e che indica qualcuno che è sempre felice. Del santo si sa di un suo periodo trascorso in un monastero nella regione della Tebaide. Ad un certo punto però si sarebbe reso conto che per riuscire a rafforzare la propria fede avrebbe dovuto vivere da solo: sarebbe stato per questo motivo che si sarebbe deciso a vivere nel deserto, dove avrebbe dimorato per circa 70 anni, scegliendo una caverna come luogo della propria quotidianità e di preghiera. Tutte queste informazioni sono state ricavate sulla base di parole lasciate scritte da Pafnuzio, che volle approfondire la vita di questa importante personalità per il mondo cristiano. Stando ad altre informazioni, sant’Onofrio sarebbe stato seppellito in una piccola oasi. Altre fonti sostengono che Pafnunzio stesso volesse seguire le sue orme eremitiche ma si ritrovò costretto a promettergli che avrebbe divulgato a tutti le modalità di vita da asceta di sant’Onofrio. E fu proprio il voler mantenere questa promessa che diede il là alla popolarità di quello che è divenuto il santo che si festeggia nella giornata del 12 giugno. 

Per quanto riguarda l’Italia la figura di sant’Onofrio è particolarmente importante in Sicilia, ma vi sono anche altre realtà come ad esempio Umbria e Liguria, dove si celebra la sua figura nella giornata del 12 giugno. Tra le feste di maggior importanza a lui dedicata si può senza dubbio ricordare quella che si svolge ogni anno a Palermo. L’importanza del santo per la città siciliana è data dal fatto che ne è uno dei patroni oltre che protettore, tanto che vi è anche un luogo di culto a lui specificatamente dedicato. Tra le iniziative vi è un concerto di musica sacra che si svolge solitamente la sera precedente al giorno in cui vi è la ricorrenza dedicata a sant’Onofrio, giorno in cui si svolge una affascinante processione. Inoltre si può ricordare come vi sia una preghiera in dialetto siciliano a lui indirizzata. Tra le altre realtà in cui lo si festeggia nella giornata in cui la Chiesa Cattolica lo ricorda vi è Casalvecchio. Qui onorare questa figura così importante per la cristianità è in realtà qualcosa di molto antico e socialmente radicato. Basti pensare che le prime iniziative in questo senso qui risalgono addirittura al secolo successivo all’anno 1000. Anche in questo luogo nella giornata del 12 giugno ha luogo una processione, mentre le iniziative collaterali si sviluppano lungo l’arco di una settimana e solitamente coincidono temporalmente sempre con la fine del periodo estivo. Infine, prima di prestare attenzione agli altri santi e beati che si ricordano il 12 giugno, va detto che sant’Onofrio è anche conosciuto come protettore di tutte coloro che vorrebbero sposarsi e di coloro che hanno perso qualcosa. 

Per quanto riguarda le altre figure importanti per la storia della cristianità che si festeggiano e ricordano nella giornata del 12 giugno, si possono rammentare San Basilide e San Placido di Ocre tra i Santi, mentre tra i Beati si possono rammentare Beata Florida Cevoli e Beato Guido da Cortona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori