Erika Preti/ Dubbi sul fidanzato Dimitri: nuovo sopralluogo dei Ris nella villa di San Teodoro (Pomeriggio 5)

- Emanuela Longo

Erika Preti, ultime news: dubbi sulla versione fornita dal fidanzato Dimitri. Ha mentito sui suoi movimenti? L’importanza dei risultati medico-legali.

erika_preti
Erika Preti, il fidanzato confessa l'omicidio

I Ris sono tornati nella villa di San Teodoro dove domenica scorsa è morta Erika Preti, la 28enne di Biella: lo ha annunciato Barbara d’Urso, mostrando in diretta a Pomeriggio 5 le immagini. Dopo i rilievi effettuati il giorno dell’omicidio e il sopralluogo di ieri, gli specialisti del Reparto Investigazioni Scientifiche stanno procedendo ad un’ulteriore ispezione proprio in questi minuti. Il fidanzato Dimitri Fricano è stato sottoposto ad un’accurata visita del medico legale, incaricato dalla procura di Nuoro di valutare se le ferite riportate dal giovane sono compatibili con la sua ricostruzione, secondo cui sarebbe stato vittima con la sua fidanzata di un’aggressione a scopo di rapina. Ha raccontato di essere stato colpito uscendo dal bagno e di aver riconosciuto un uomo con la carnagione olivastra, i capelli rasati e una canottiera. «Sicuramente è stata repartata una pietra con traccia ematiche», ha dichiarato invece l’inviata de La Vita in Diretta. «È anomalo essere colpiti frontalmente, l’aggressore tende a cogliere di sorpresa le vittime. Lei poi viene massacrata?», il commento della criminologa Roberta Bruzzone, che non crede alla versione raccontata dal fidanzato di Erika Preti. (agg. di Silvana Palazzo)

Chi ha ucciso Erika Preti e perché? Le domande sull’inquietante omicidio di San Teodoro, paradiso delle vacanze trasformatosi nei giorni scorsi in scena del crimine, tiene impegnati in queste ore gli inquirenti, a caccia di indizi e verità sulla fine terribile della giovane 28enne di Biella. La giovane è stata uccisa la scorsa domenica, dopo essere stata colpita mortalmente alla gola con un coltello. Lo stesso che la ragazza, fidanzata con Dimitri Fricano da dieci anni, stava utilizzando per preparare dei panini in vista di una gita in gommone all’isola di Tavolara. Anche il 30enne sarebbe stato colpito con una pietra al punto da perdere i sensi – almeno secondo il suo racconto – e si trova ora ricoverato in ospedale per un ematoma alla testa ed alcune ferite, indagato per l’omicidio volontario di Erika. L’inchiesta nel frattempo prosegue e le novità sul giallo di San Teodoro sembrano numerose. I Ris nelle passate ore sono ritornati nella villetta dove si è consumato il delitto di Erika Preti per terminare gli ulteriori accertamenti, prelevare alcuni oggetti, tra cui degli abiti e scattare delle fotografie, il tutto finalizzato alla ricerca di prove utili alla soluzione del giallo che sarebbe giunto in una fase cruciale.

Ascoltati anche i due amici della coppia, Donatella ed Alberto. Proprio a quest’ultimo, Dimitri aveva chiesto di controllare se dall’abitazione erano stati presi dai presunti rapitori 500 euro ed un Rolex. Alla trasmissione di Rai 1 aveva confermato l’assenza del denaro e dell’orologio di valore, ma successivamente su questo aspetto si è espressa di recente la Procura, precisando che dalla casa non mancherebbero soldi o oggetti ed aprendo così la strada a nuovi interrogativi. Anche l’orologio, dunque, sarebbe stato ritrovato così come i 500 euro già restituiti alla madre di Dimitri.

“L’ipotesi rapina direi che a questo punto sia priva di pregio dal punto di vista investigativo”, aveva commentato Roberta Bruzzone in merito alle ultime novità sul delitto di Erika Preti e legate alla smentita di una sottrazione di soldi ed oggetti dall’abitazione. La criminologa, tuttavia, aveva sollevato non pochi dubbi in merito alla lesione al capo lamentata da Dimitri domandandosi se a livello medico legale risultasse o meno questo quadro contusivo talmente grave da avergli fatto perdere i sensi. L’attesa è ora tutta legata proprio alla perizia affidata al medico legale e che potrebbe chiarire molti dubbi su quanto accaduto una settimana fa. Data la complessità della perizia, lo stesso medico legale ha richiesto più giorni, almeno 20, per giungere alla relazione finale. Gli accertamenti effettuati sull’ematoma riportato dal 30enne oltre che l’autopsia eseguita sul cadavere di Erika Preti e che ha confermato la sua uccisione dovuta a due coltellate alla gola potrebbero contribuire alla soluzione del giallo.

Dimitri, intanto, è stato trasferito nel reparto di Psichiatria dopo aver lasciato il reparto di Chirurgia. La sua versione, tuttavia, continua a non convincere gli inquirenti – a differenza dei due amici che si sono detti certi della sua innocenza – i quali non smettono di interrogarsi su quanto accaduto. Dal suo racconto sarebbero numerosi i punti che non tornerebbero, ma le ultime novità emerse ieri dalla trasmissione Pomeriggio 5 hanno riguardato nello specifico proprio la presunta sparizione dei soldi e del Rolex, poi smentita nei giorni scorsi dagli stessi inquirenti. In merito all’orologio, non si tratterebbe neppure di un vero Rolex ma solo di un’imitazione, quindi non di un oggetto di valore. Per gli inquirenti, dunque, avrebbe perso sempre più peso la pista dell’aggressione ai fini della rapina. Al vaglio, intanto, ci sarebbero anche le immagini della telecamera di una strada vicina che potrebbero confermare o smentire i racconti di Dimitri in merito ai suoi movimenti relativi alla mattina della scorsa domenica. Il dubbio è che potrebbe non essere neppure uscito dalla villetta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori