Morto di solitudine/ 21enne chiede aiuto su Facebook, poi si lancia dalla terrazza del centro commerciale

- Morgan K. Barraco

E’ morto a causa della solitudine il giovane di Centocelle che ha scelto di suicidarsi dopo aver lanciato diversi appelli. Il corpo martoriato è stato ritrovato ore dopo. 

camper_rom_centocelle_sorelle_auto_parcheggio_centocelle_facebook_2017
Anche in America lamentele per i Rom

Una tragica fine per un ragazzo di 21 anni della provincia di Roma, che non ha retto alla solitudine e che fino all’ultimo ha continuano a gridare il suo disagio sui social. Una richiesta d’aiuto rimasta purtroppo inascoltata e che ha portato il giovane a lanciarsi dalla terrazza del Primavera di Centocelle, il centro commerciale, lo scorso lunedì notte. Il corpo, sottolinea La Repubblica, è stato trovato al mattino succesivo da una guardia giurata che stava iniziando il proprio turno di lavoro e riconosciuto da alcuni amici sopraggiunti sul posto in seguito all’allarme.

I testimoni hanno rivelato inoltre che il 21enne aveva inviato messaggi su Facebook fino alle 2 dello stesso giorno in cui ha scelto di morire, un ultimo tentativo per trovare un aiuto e che lo ha portato invece a fare i conti con un duro silenzio. Secondo le prime ricostruzioni sembra che il ragazzo avesse molte difficoltà a socializzare e che proprio per ovviare al problema aveva deciso di aprire una pagina sui social. La stessa a cui ha affidato il compito di urlare il suo dolore, non nascondendo l’intenzione di volersi uccidere. La morte del 21enne aggiunge dolore alla sofferenza già provata dalla comunità di Centocelle, provata dalla recente morte delle tre sorelline rom avvolte dalle fiamme mentre si trovava all’interno del loro camper. Una morte sopraggiunta inoltre nello stesso parcheggio che ospita la terrazza da cui il giovane ha deciso di lanciarsi. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori