PADRI GAY/ Il mammo transgender incinto con la barba: è la famiglia “moderna”

- Paolo Vites

La famiglia moderna è aperta a tutto, ma proprio a tutto: anche cambiare sesso e restare incinto pur mantenendo le fattezze da uomo. Ma il problema è un altro. PAOLO VITES

TRYSTAN-GAY-FB
Il mammo Trystan, foto da facebook

Non è il primo caso del genere, ma ogni volta si rimane alquanto scioccati. Almeno per noi vecchi appartenenti a un mondo dove la mamma era una mamma e il papà un papà. Non stiamo parlando di semplice adozione gay, che già ci sarebbe da discutere parecchio della privazione della figura femminile per un bambino, cosa che qualunque psicologo di qualunque tendenza sa quanto sia dannosa per lo sviluppo di una personalità non traumatizzata, ma di una coppia in cui uno dei due è un trans e che è sfoggia un bel pancione da donna incinta.

Biff Chaplow e Trystan Reese, due uomini di Portland negli Stati Uniti, dopo aver già adottato due bambini, stanno per avere il loro primo figlio biologico. Uno die due infatti, il mammo, è incinto, ma non si è preoccupato di darsi quantomeno una apparenza femminile, per quel che può servire. Anzi, forse ha fatto meglio così per mostrare una bruttezza biologica che mette i brividi, anche senza essere bacchettoni moralisti. Capello corto, barbetta ben curata alla moda e un bel pancione. Trystan, il mammo, ha già avuto peraltro un aborto spontaneo lo scorso anno. Chissà come mai viene da chiedersi, ma ci riprovano e nelle foto pubblicate dal quotidiano inglese Daily Maila paiono contenti e soddisfatti.

Già perché avere un figlio a tutti i costi oggi è la nuova regola, e chissenefrega delle problematiche che i bambini potranno avere. «Sento che la gente mi guarda per individuare tratti femminili, nella sua testa prova a togliermi la barba, a farmi tornare indietro dalla transizione, ma chi ci conosce non ha battuto ciglio. Io non ho mai sentito il bisogno di cambiare il mio corpo, non lo odio, perciò non trovo strano avere un figlio di me» dice Trystan. Chi è che parlava di dittatura del desiderio?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori