Rinviato sciopero mezzi 26 Giugno 2017/ Oggi non c’è, Atac e Atm regolari: ecco perchè (ultime notizie)

- Niccolò Magnani

Rinviato sciopero mezzi 26 giugno, ultime notizie: Mit differisce protesta trasporto pubblico locale a Milano, Roma, Napoli, Torino, Firenze, Bologna. Motivazioni, Atm e Atac news live

delrio sea watch 3
Graziano Delrio (Lapresse)

A causa dello sciopero dei mezzi di trasporto pubblico locale era prevista un’altra giornata particolarmente difficile per chi doveva spostarsi in città, e per ben più delle 4 ore di astensione dal lavoro proclamate per le maggiori città italiane, con i mezzi che si sarebbero fermati in fasce orarie diverse a seconda delle città. Dal Ministro dei Trasporti è arrivata però l’ordinanza che ha di fatto costretto le sigle sindacali a differire lo sciopero a data da destinarsi. I tanti disagi dell’agitazione di due venerdì fa avevano scatenato polemiche riguardo la decisione di ripetere lo sciopero: sulla decisione del Ministero ha pesato però anche il maltempo che nella giornata di domenica si è abbattuto sul Nord Italia, rendendo così potenzialmente letale per i cittadini una giornata con l’impossibilità di spostarsi in zone che hanno subito ingenti danni. Senza considerare l’emergenza siccità al centro-sud: condizioni climatiche sfavorevoli che hanno portato alla decisione di far rinviare lo sciopero dei mezzi a data da destinarsi.

Non tutte le sigle sindacali hanno preso bene la decisione del Governo sull’ordinanza di rinvio dello sciopero dei mezzi, sancita dal Ministero dei Trasporti. In particolare il Sindacato USB, che aveva proposto l’agitazione, si è detto preoccupato per la crescente precarietà della libertà di sciopero in Italia. “Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio ha precettato i lavoratori del trasporto pubblico locale che avevano deciso di scioperare il 26 giugno per 4 ore. Uno sciopero che lo stesso ministero e la commissione di garanzia hanno ritenuto invece legittimo e regolare. Siamo ormai agli atti autoritari degni dei peggiori anni di questo paese. Se si vieta un diritto costituzionale senza alcuna reale motivazione vuol dire che stiamo andando verso un qualche cosa che somiglia molto a un regime. Il ministro sappia che non sta facendo gli interessi dei cittadini: sta tutelando soltanto aziende e privatizzazioni». Nei prossimi giorni dovrebbe essere comunicata la nuova data dello sciopero di 4 ore del trasporto pubblico.

Il ricordo dei disagi registrati nelle passate settimane in occasione dello sciopero nazionale dei trasporti di 24 ore, è ancora vivido nella mente dei viaggiatori, i quali tuttavia, per la giornata di domani potranno tirare un sospiro di sollievo. Il ministro dei Trasporti Delrio, infatti, ha confermato il rinvio a nuova data dello sciopero di 4 ore inizialmente indetto per lunedì 26 giugno dalle sigle sindacali Usb Lavoro Privato, Faisa, Confail e SUL Comparto Trasporti. L’azienda di trasporto milanese, ATM, aveva confermato già ieri con un tweet la regolarità dei propri servizi, e lo stesso ha fatto anche l’azienda ATAC che garantisce i servizi di trasporto pubblico nella Capitale: “#sciopero trasporti Atac e #RomaTpl di lunedì 26 differito con ordinanza ministro Infrastrutture e Trasporti”, ha annunciato nella serata di ieri l’account ufficiale con un tweet. Tutto regolare, dunque, soprattutto per viaggiatori, turisti e pendolari che domani saranno chiamati, nonostante il caldo torrido, ad una nuova giornata da vivere anche in treno, metro o bus. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

Viene confermata la decisione del Ministero dei Trasporti arrivata ieri: lo sciopero mezzi previsto per domani 26 giugno 2017 è stato rinviato per il differimento ufficiale arrivato direttamente dal Ministro Graziano Delrio. Il lunedì nero previsto in tutte le città italiane, da Milano a Roma, da Napoli a Torino fino a Firenze e Bologna ritorna un normalissimo lunedì di fine mese: niente sciopero e soprattutto niente proteste a soli dieci giorni dallo sciopero nazionale che aveva bloccato tutte le maggiori città italiane per il medesimo motivo (privatizzazioni del trasporto pubblico locale e la riorganizzazione del settore tramite fusioni e liquidazioni). «Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio in attuazione dell’art. 8 della Legge 146/90 e successive modificazioni e degli Accordi in vigore , ha ordinato il differimento ad altra data degli scioperi nel settore del Trasporto pubblico locale indetti per lunedì 26 giugno 2017» scrive nell’inizio dell’ordinanza il ministro Delrio.

Fermati dunque sia lo sciopero del personale dipendente delle Aziende del Trasporto Pubblico Locale per il giorno 26 giugno 2017,  durata 4 ore,  proclamato dall’Organizzazione Sindacale Usb Lavoro Privato, ma anche lo sciopero del personale dipendente delle Aziende del Trasporto Pubblico Locale per il giorno 26 giugno 2017,  durata 4 ore,  proclamato dalle Organizzazioni Sindacali Faisa Confail e SUL Comparto Trasporti è stato differito. Le motivazioni sono dure e molto nette: «Il provvedimento si è reso necessario ed urgente allo scopo di evitare un pregiudizio grave ed irreparabile al diritto di libera circolazione costituzionalmente garantito». Atm, Atac e tutte le sigle della aziende municipali locali hanno dato la notizia del ritorno all’orario normale con lo sciopero dunque definitivamente cancellato.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori