Domenico Diele / Arresti domiciliari con braccialetto elettronico: le parole della madre (ultime notizie)

- Morgan K. Barraco

Si sono svolti ieri i funerali di Ilaria Dilillo, la donna uccisa in un incidente stradale. Oggi l’udienza preliminare a carico di Domenico Diele, l’attore di 1992 

domenico_diele_1992_1993
Domenico Diele

Nella giornata in cui l’avvocato Viviana Straccia, subentrato all’avvocato d’ufficio Monica Salerno, ha ottenuto i domiciliari con braccialetto elettronico per Domenico Diele, il pm salernitano Domenica Cosentino non ha rilasciato dichiarazioni. Le indiscrezioni riportate dal Corriere.it però ci dicono che il pubblico ministero avrebbe chiesto una misura più severa per l’attore e cioè che rimanesse in carcere. Al carcere di Fuorni, dove si è tenuta l’udiienza, si è recata oggi la mamma dell’attore, che all’ingresso ha consegnato un borsone, molto probabilmente contente capi d’abbigliamento per il figlio. A informarla della decisione del gip sull’attore accusato di aver travolto e ucciso con la sua auto Ilaria Dilillo sono stati proprio i giornalisti e la madre ha commentato: “Niente, non sappiamo niente, ce lo state dicendo voi”.

Il gip del tribunale di Salerno, Fabio Zunica, ha convalidato l’arresto dell’attore Domenico Diele, accusato di omicidio stradale aggravato per la morte di Ilaria Dilillo, sbalzata dal suo scooter nei pressi dell’uscita autostradale di Montecorvino Pugliano dopo essere stata travolta dall’auto guidata dal 31enne, che nella notte tra venerdì e sabato guidava la sua Audi A3 sotto l’effetto di stupefacenti, senza la patente perché già ritirata proprio per la stessa infrazione al codice stradale e anche senza assicurazione. L’attore non resterà però in carcere: il gip ha infatti deciso di concedergli gli arresti domiciliari con braccialetto elettronico, come riportato dall’avvocato Viviana Straccia del foro di Roma. L’attore resterà quindi ai domiciliari nella sue casa di Roma. L’udienza per la convalida del suo arresto si è svolta nel carcere salernitano di Fuorni.

Sono ore cariche di sofferenza per Domenico Diele, in carcere a Salerno dopo aver investito e ucciso con la sua auto la 48enne Ilaria Dilillo, che viaggiava in scooter. Nel weekend il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli lo ha incontrato nell’ambito di una visita ispettiva nel carcere di Fuorni e queste, secondo quanto riporta il Corriere.it, sarebbero state le parole dell’attore mentre si tormentava le braccia con le dita: “«Sono dipendente da eroina, sono in crisi d’astinenza, ma è giusto così, è giusto che soffra”. Una domanda attanaglia Diele: “Secondo lei come potrei fare per aiutare la famiglia di quella donna? C’è qualcosa che posso fare?”. L’attore ammette la sua colpevolezza, anche se parla d’incidente: “Sono colpevole. Urlerò la mia colpevolezza con tutte le forze. Non ho scuse, ho sbagliato e devo pagare. Devo pagare quello che decideranno i giudici e se servisse a qualcosa pagherei di tasca mia anche qualunque cosa alla famiglia. Però non sono un criminale. In televisione si parla di me come un assassino drogato: non è così. La droga non c’entra niente, mi sono distratto con il cellulare. Non me ne sono nemmeno reso conto subito di quello che era successo. Solo quando sono sceso dall’auto ho visto e ho capito”.

Secondo i primi testimoni arrivati sul posto, Domenico Diele si è accorto solo dopo di quello che era successo e appariva sotto shock, e adesso, a un paio di giorni di distanza dall’incidente, l’attore torna finalmente a parlare. Secondo quanto riporta huffingtonpost.it sembra che l’attore abbia avuto modo di commentare l’accaduto con il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, al carcere di Fuorni per una visita ispettiva. L’attore ha dichiarato di non essere il drogato che tutti dipingono in tv e sui giornali e che si è trattato di un incidente e non di un omicidio visto che non si è messo alla guida dell’auto come un pazzo ma si è distratto con il telefonino. In particolare, Diele avrebbe rivelato: “Io non sono uno che prima si è drogato e poi si è messo a guidare come un pazzo finendo per provocare una tragedia. Sono dipendente da eroina, questo sì, ma la droga non c’entra con l’incidente. Mi sono distratto con il cellulare. Ho un telefonino che funziona male, c’è un tasto che non va, e io per cercare di fare una telefonata ho abbassato gli occhi”.

“Sei per noi la storia infinita”. Queste le parole di don Francesco durante il funerale di Ilaria Dilillo, la donna che secondo le ricostruzioni, sarebbe rimasta uccisa in un incidente stradale provocato da Domenico Diele. “Aveva una parola buona per tutti”, racconta invece un amico, descrivendo la solarità della donna e del suo passato difficile. Da poco tempo infatti aveva perso la madre, “ma si stava riprendendo. Aveva cominciato da poco ad uscire di nuovo, a frequentare gente e a vivere”. L’attore di 1992 e di altre serie Tv, si sarebbe messo alla guida della sua Audi A3 mentre era sotto l’effetto di stupefacenti ed avrebbe tamponato lo scooter su cui viaggiava la 48enne. L’associazione sostenitori della Polizia stradale (Asaps) avrebbe inoltre richiesto “di promuovere la costituzione di parte civile nel procedimento penale” per la morte di Ilaria Dilillo.

Come sottolinea Il Giornale di Sicilia, Domenico Diele non avrebbe dovuto nemmeno trovarsi alla guida del mezzo, dato che la patente gli era già stata sospesa. Dal momento dell’incidente in poi, l’attore 32enne avrebbe smesso di parlare, forse perché si stava rendendo conto di quanto era accaduto. Non è chiaro infatti se fosse sotto shock, come ha riferito Ferdinando Giordano all’Ansa, un ex concorrente del Grande Fratello e fra i primi a correre sul posto. Dalle prime ricostruzioni, sembra che Domenico Diele fosse di ritorno da Matera, dove aveva partecipato ad una festa. Attorno alle 2 del mattino, non si sarebbe accorto dello scooter della donna. Non è chiaro se per l’effetto degli stupefancenti presi, dato rilevato dai test effettuati in seguito dalla Polizia stradale di Eboli. Ora l’attore si trova in arresto ed è accusato di omicidio stradale aggravato. L’udienza preliminare della misura cautelare è prevista inoltre per oggi, data in cui potrebbe aggravarsi ulteriormente la posizione dell’artista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori