San Pietro e Paolo/ Ultime notizie, festa Roma: la ‘barchetta’ dell’Apostolo (eventi e tradizioni)

- Fabio Belli

San Pietro e Paolo: tutti gli eventi a Roma. Dallo spettacolo pirotecnico della “Rievocazione storica della Girandola” agli stand lungo il fiume Tevere 

roma_colosseo_storia_arte_lapresse_2016
Il Colosseo (LaPresse)

Per i Santi Pietro e Paolo che vengono festeggiati in questi giorni a Roma, una delle tradizione più antica riguardante i due patroni della Capitale riguarda un uovo, dell’acqua e una barca. No, non stiamo impazzendo, si tratta della celebre leggenda della “barca” o “barchetta” di San Pietro, una sorta di oracolo per una vasta gamma di motivi (matrimonio, meteo, raccolto e chi più ne ha ne metta). In sostanza, la tradizione popolare pone nella notte tra il 28 e il 29 giugno, in prossimità della festa di San Pietro (e anche Paolo) una semplice usanza: si pone in un contenitore riempito d’acqua l’albume dell’uovo, tenuto poi a riposto per tutta la notte. Il giorno dopo si dovrebbero trovare nell’acqua delle “strutture” formate dall’albume che ricordano le vele di una nave, per l’appunto quella di San Pietro. Stando al folklore e tradizione popolare, queste vele sono prodotte proprio da San Pirtro che soffiando sul contenitore farebbe assumere all’albume la perfetta conformazione.

Come spiega “Aleteia”, l’usanza della barca di San Pietro aveva lo scopo di «decifrare il futuro, soprattutto meteorologico, semplicemente impiegando un vaso pieno d’acqua e un uovo. Dalla forma della barca e il numero di vele e di alberi si sperava di indovinare se le condizioni atmosferiche sarebbero state favorevoli ai raccolti o se i componenti della famiglia sarebbero stati in salute». (agg. di Niccolò Magnani)

Nella giornata in cui si festeggiano i Santi Patroni Pietro e Paolo, la città di Roma tra le varie tradizioni che accompagnano da secoli questa grande festa cittadina vede anche la consegna e benedizione dei Palli. Nel rito odierno, Papa Francesco ha benedetto i Palli presi dalla Confessione dell’Apostolo Pietro e destinati a tutti i 36 vescovi metropoliti nominati nel corso dell’anno. Per questo 2017, l’unico italiano è il nuovo arcivescovo di Messina, Monsignor Giovanni Accolla: come spiega Avvenire, il Pallio verrà poi imposto a ciascun arcivescovo metropolita dal Rappresentante Pontificio nella rispettiva Sede Metropolitana. Come vuole la tradizione della cristianità, alla consegna dei Palli di quella che fu un tempo la chiesa d’Occidente, è presente una delegazione del Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli (la Chiesa d’Oriente) a cui Papa Francesco ha rivolto un saluto caloroso e speciale. (agg. di Niccolò Magnani)

Per la grande festa patronale dei Santi Pietro e Paolo in tutta Roma non poteva mancare anche quest’anno la bella tradizione dell’Infiorata di Roma in Piazza San Pietro, all’ombra del Cupolone. Organizzata dalla Pro Loco di Roma Capitale, la festa storica prevede un trionfo di colori e fiori in tutti i vicoli del centro storico e del Vaticano. Nasce nella prima metà del XVII secolo in onore del Santo Padre e in ricordo dei Padri della Chiesa cattolica Pietro e Paolo; vengono da allora come oggi esposti quadri realizzati con petali di fiori freschi, legni, elementi naturali e materiali utilizzati per abbellire e ornare le vie del centro di Roma Capitale. Come riporta RomaToday questa notte i Maestri Infioratori da tutta Italia per realizzare quadri e altri elementi ornamentali in modo da presentare per il prossimo weekend tutta la bellezza dei tappeti floreali davanti al Cupolone e presso Via della Conciliazione. (agg. di Niccolò Magnani)

Il 29 giugno a Roma è sempre un giorno speciale: la festa di San Pietro e Paolo è quella dei Santi Patroni della Capitale, la città si ferma e darà vita ad un lungo ponte che per molti si prolungherà fino alla fine del weekend. Una buona opportunità per andare a passare una giornata al mare e vivere qualcosa di diverso. Ma per chi resterà in città, Roma come ogni anno presenterà un ampio ventaglio di eventi per chi vorrà vivere fino in fondo la Capitale nel giorno di San Pietro e Paolo. Per chi vorrà provare a combattere un po’ il caldo che sta attanagliando Roma in questi giorni (anche se proprio per la giornata di giovedì sembra sia previsto un leggero miglioramento) si potrà fare una bella passeggiata lungo il fiume Tevere apprezzando stand, ristoranti e bancarelle caratteristiche di “Lungo il Tevere di Roma”, per attraversare una delle zone più caratteristiche della Capitale.

Così come è classico l’appuntamento della “Rievocazione Storica della Girandola”, che si terrà a Piazza del Popolo. Si potrà così assistere ad uno degli spettacoli pirotecnici più spettacolari dell’anno nella Capitale, con fuochi d’artificio che vestiranno a festa tutta la città e che saranno apprezzabili in maniera particolarmente spettacolare dalla terrazza del Pincio nella parte alta di Villa Borghese, che si affaccia proprio nella centralissima Piazza del Popolo. Tutta la zona del centro sarà sicuramente affollata e da Piazza del Popolo la gente potrà passeggiare in una via del Corso illuminata dalle vetrine dei negozi e dei tanti bar e locali che resteranno aperti per assorbire anche il grande flusso turistico che un weekend lungo come si prospetta in questo San Pietro e Paolo 2017 porterà sicuramente nella Capitale.

Le iniziative per San Pietro e Paolo a Roma non si esauriscono però solamente nella zona centrale della città. Ci sarà anche ampio spazio per l’arte e per la cultura, con il concerto del maestro Ambrogio Sparagna e la sua Orchestra Popolare presso l’Auditorium Parco della Musica, nella zona del quartiere Flaminio-Prati. Per l’ottavo anno di fila l’Auditorium offrirà ai cittadini un concerto ad hoc per il giorno di San Pietro e Paolo, per chiudere al meglio la serata. Ci si aspetta un grande flusso di persone per tutta la città, e per questo il Comune di Roma ha diffuso l’ordinanza per la quale gli ambulanti non potranno bottiglie di vetro e lattine. Questo divieto viene esteso anche a tutti i commercianti, fatta eccezione per la consumazione al tavolo dove le bevande potranno essere servite anche nel vetro, ma non potranno in nessun caso essere portate in strada. Questo per evitare possibili disordini come quelli che si sono visti nella tragica notte di Torino durante la finale di Champions vista sul maxischermo in piazza San Carlo. Anche se sicuramente la folla a Roma per la festività di San Pietro e Paolo sarà sicuramente meglio distribuita fra i vari eventi in città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori