ULTIME NOTIZIE/ Di oggi, ultim’ora: auto sulla folla a Parigi, nessun ferito (29 giugno 2017)

- La Redazione

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: si valuta l’ipotesi di chiudere i porti per l’emergenza clandestini. Caos Pd. Morbillo, una vittima a Roma. Ultime su Garlasco (29 giugno 2017).

matte_renzi_consip_portaporta_lapresse_2017
Indagati genitori di Matteo Renzi (LaPresse)

Un uomo di origine armena ha tentato di scagliarsi con il suo fuoristrada contro un capannello di persone fuori una Moschea a Parigi, nel quartiere di Creteil. Dopo il tentativo di falciare più persone possibili, l’automobile si è allontanata in fretta, con le forze dell’ordine che non sono riuscite a bloccarla. La macchina però è stata identificata e l’uomo è stato arrestato in casa sua, dove ha seguito i gendarmi senza opporre resistenza. Alla richiesta sul perché avesse compiuto questo gesto potenzialmente in grado di compiere una strage, ha affermato di aver voluto tentare di vendicare “il Bataclan e gli Champs Elysées.” Fortunatamente, dopo le prime rilevazioni, si è rapidamente compreso come il tentativo del folle sia andato a vuoto e nessuna delle persone assiepate al di fuori della Moschea di Creteil è rimasta ferita. (Agg. di Fabio Belli)

Il corpo di Yara nel campo dove venne scoperto nel febbraio 2011, a gennaio non era lì. Lo sostengono gli avvocati difensori di Massimo Bossetti citando una foto satellitare che risale al 24 gennaio 2011 dove si vede il campo di Chignola d’Isola dove in seguito venne trovato il corpo della ragazzina. Per l’avvocato Salvagni la sentenza va riscritta perché l’accusa sostiene che il cadavere di Yara venne portato in quel campo subito dopo essere stata uccisa, il 26 novembre 2010 restandovi dunque per tre mesi. La difesa chiede anche una maxi perizia su altri elementi, domani comincerà a Bergamo il processo di secondo grado nei confronti del Bossetti, condannato in primo grado. (Agg. Paolo Vites)

E’ stata individuata la persona che avrebbe ucciso Pietro Sanna, il giovane italiano di 23 anni residente a Londra trovato morto nel suo appartamento ucciso a coltellate. Il fermato è una ragazza 25enne originaria del Bangladesh, Hasna Begum che secondo alcune testimonianze viveva insieme a lui, secondo altre era una vicina di casa. Le ragioni dell’omicidio non sono ancora state comunicate, forse un raptus improvviso dopo una lite fra i due. (Agg. Paolo Vites)

Papa Francesco ha concesso la sospensione e un periodo di aspettativa al cardinale australiano Pell accusato di abusi sessuali sui minori e che pertanto dovrà comparire davanti al tribunale di Melbourne il prossimo 18 luglio. George Pell, già arcivescovo di Strasburgo e di Sydney e attualmente prefetto degli affari economici del Vaticano è accusato di abusi su minori quando era sacerdote tra il 1976 e il 1980 e poi arcivescovo di Melbourne tra il 1996 e il 2001. Il cardinale si è dichiarato innocente: “Rifiuto in blocco le accuse contro di me. Sono false. Aborrisco la sola idea degli abusi sessuali”. Le indagini sul suo conto sono iniziate nel 2012 ed è già apparso davanti ad apposita commissione per aver protetto sacerdoti accusati di pedofilia. (Agg. Paolo Vites) CLICCA SU QUESTO LINK PER LA NOTIZIA APPROFONDITA

Un passo formale e pesante nei contenuti, quello effettuato dal rappresentante italiano a Bruxelles, il quale oggi ha chiesto all’unione europea in maniera decisa un intervento per affrontare la situazione clandestini. Gli ultimi massicci arrivi, hanno convinto l’esecutivo Gentiloni di minacciare la chiusura dei porti italiani, alle navi non battenti la nostra bandiera che salvano i migranti, migranti che a quel punto dovrebbero essere trasportati in altre nazioni. I numeri d’altronde parlano chiaro, oltre 12.000 persone sono sbarcati tra ieri e oggi nelle città costiere italiane, sbarchi che hanno portato a + 13% gli arrivi dal primo gennaio ad adesso. La situazione è stata affrontata finanche dal capo dello stato Mattarela, che in visita ufficiale in Canada ha affermato che a questi ritmi la situazione è “veramente ingestibile”.

Un partito quello democratico che non riesce a trovare pace, e che giorno dopo giorno viene dilaniato dalle crisi interne. Oggi nuove pesantissime affermazioni della minoranza interna, con i suoi rappresentanti che in ordine sparso attaccano Matteo Renzi. Il pretesto è il secondo turno delle amministrative, elezioni che di fatto hanno fatto risaltare l’inadeguatezza del partito tra i cittadini. A difendere il segretario, da poco rieletto, gli uomini di governo, con in prima linea il ministro dello sport Luca Lotti, grande amico del ex sindaco di Firenze. Per Lotti Renzi è stato votato da oltre due milioni di italiani, una cifra più che sufficiente a evitare qualsiasi discussione, a stretto giro di posta arriva la risposta di Franceschini che sottolinea come la discussione interna sia appena iniziata.

Una piccola bambina di 9 anni è morta a Roma per le conseguenze del morbillo. La piccina era ammalata di cromosomopatia e per scelta dei genitori non era stata vaccinata. Il decesso comunicato solamente oggi risale alla fine del mese scorso, ma la sua morte è stata resa nota solamente oggi dal presidente della Sip, la società italiana di Pediatria, Alberto Villani, primario di Pediatria all’ospedale pediatrico romano. Il dottore durante la chiacchierata con i giornalisti ha evidenziata la fragilità del fisico della bambina, una bambina che però poteva essere salvata se non fosse stata colpita dalla malattia esantematica. Per Villani è stato infatti il morbillo a innescare una infezione multi organo, infezione che ha portato all’arresto cardiocircolatorio e di conseguenza alla morte.

Respinge la tesi della difesa la sezione penale della Cassazione e di fatto conferma la pena inflitta a Alberto Stasi, ritenuto colpevole dell’omicidio della fidanzata Chiara Poggi, omicidio per il quale è stato condannato a 16 anni di reclusione. I supremi giudici con il loro pronunciamento hanno di fatto detto no alla riapertura del processo, una riapertura che per i legali della difesa era necessaria al fine di ascoltare 19 nuovi testi. Soddisfazione è stata espressa dalla famiglia della vittima che tramite il loro legale hanno affermato di aver sempre avuto la massima fiducia nelle giustizia.

Il futuro commissario tecnico della Nazionale Under 21 non sarà più Gigi Di Biagio. Il ct non è stato confermato sulla panchina degli azzurrini. La scelta ricadrà con tutta probabilità su Alberigo Evani oppure Vanoli. Quest’ultimo, dopo aver allenato l’Under 19, è stato promosso all’interno dello staff tecnico del ct Giampiero Ventura per la Nazionale maggiore. Invece Alberigo Evani è l’attuale commissario tecnico dell’Under 20, reduce dallo storico terzo posto ottenuto agli ultimi Mondiali Under 20. Al momento, i favori del pronostico degli addetti ai lavori sono tutti per l’ex calciatore del Milan.

Pellegrini, dopo la fine degli Europei Under 21, tornerà alla Roma, nel club che lo ha cresciuto, dopo la breve parentesi con il Sassuolo. Anche l’agente ha confermato che nella prossima stagione il suo assistito giocherà nella nuova Roma di Eusebio Di Francesco (e il direttore sportivo Monchi). Torna di stretta attualità il caso Donnarumma. Ogni giorno può essere quello giusto per il rinnovo del portiere con il Milan, dopo il caos scoppiato durante gli Europei, in occasione della prima fumata nera dopo l’incontro tra Raiola e Fassone. Anche il direttore sportivo Mirabelli ha di fatto spalancato le porte. Sempre il Milan ha messo a segno in questa giornata un colpo a sorpresa, acquistando l’attaccante del Sunderland, ex Roma, Fabio Borini. Tornando in casa Roma, colpo di scena per quanto riguarda la trattativa per Manolas allo Zenit. Quando sembrava essere tutto fatto, ecco arrivare la clamorosa decisione di Manolas di non presentarsi per le visite mediche per il club russo. Dietro tale scelta potrebbe esserci l’interessamento del Chelsea di Antonio Conte.

E’ pronto ad iniziare il Tour de France 2017. La corsa inizierà da questo weekend (sabato 1 luglio) ma già dalla giornata di venerdì, su Rai Sport, potrà essere seguita a partire dalla 18.00 la presentazione della corsa transalpina, la gara a tappe più famosa al mondo, anche più del Giro d’Italia. Ai nastri di partenza ci saranno i migliori corridori del mondo, tra cui il sardo Fabio Aru, pronto a mettere a frutto l’esperienza accumulata in questi anni, dopo le partecipazioni al Giro e allo stesso Tour.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori