TERREMOTO OGGI/ Ingv ultime scosse: sisma M 2.6 ad Amatrice (6 giugno 2017, ora 18:39)

- Morgan K. Barraco

Terremoto oggi, scossa di 2.0M in provincia di Macerata. Continua la perturbazione in alcune regioni d’Italia. Previsti rovesci sparsi e temporali al Centro e NordEst

meteo_nuvole_1_lapresse_2017
Meteo, immagine repertorio, LaPresse
Pubblicità

Un terremoto di magnitudo 2.6 sulla scala Richter si è verificato alle ore 12:01 di oggi ad Amatrice, in provincia di Rieti. La scossa, che ha visto il proprio epicentro nel punto di coordinate geografiche 42.65 di latitudine e 13.31 di longitudine, secondo il bollettino diramato dall’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) ha avuto origine ad una profondità nel sottosuolo di 12 km. L’elenco completo dei centri abitati situati nel raggio di 20 km dall’origine del movimento tellurico è il seguente: Amatrice (RI), Accumoli (RI), Campotosto (AQ), Cittareale (RI), Arquata del Tronto (AP), Capitignano (AQ), Montereale (AQ), Acquasanta Terme (AP), Cortino (TE), Crognaleto (TE), Valle Castellana (TE) e Rocca Santa Maria (TE). (agg. di Dario D’Angelo) 

Pubblicità

Un terremoto di magnitudo 2.6 sulla scala Richter si è verificato alle ore 3:33 di oggi nel Mar Tirreno. La scossa, come riportato dalla sala sismica di Roma dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanonologia (INGV), ha visto il proprio epicentro nel punto di coordinate geografiche corrispondenti a latitudine 38.88 e longitudine 14.98, con ipocentro individuato ad una profondità nel sottosuolo di 383 km. Il terremoto ha interessato in particolare il versante meridionale del Mar Tirreno e la città più popolosa rispetto alla sua origine è stata Messina, posta a 92 km di distanza dall’epicentro. Ben più vicino all’origine del movimento tellurico il complesso delle Isole Eolie: tra queste in particolare Ginostra, anche nota come Isola di Stromboli, e poi Santa Marina Salina, Filicudi Porto, Alicudi Porto, Acquacalda e Lipari. La scossa, vista la distanza dalle coste, non è stata avvertita dalla popolazione dell’arcipelago. (agg. di Dario D’Angelo)

Pubblicità

Ancora tranquilla la situazione tellurica in tutto il mondo, dove l’ultimo sisma risale alle 22.51. Una scossa di 3.6M ha infatti colpito l’area centrale dell’Alaska, individuata a latitudine 63.05 e longitudine 149.60, ipocentro ad 84 km di profondità. Situazione identica anche in Italia, dove invece l’ultimo sisma, pari a 2.0M, risale alle 22.23. La zona colpita è in provincia di Macerata, a 3 km da Castelsantangelo sul Nera. Il Centro Nazionale Terremoti ha localizzato l’epicentro a latitudine 42.92 e longitudine 13.16, ipocentro ad 8 km di profondità. Interessate anche Ussita, Visso, Bolognola, Preci, Acquacanina, Fiastra, Montemonaco, Fiordimonte, Montefortino, Norcia, Monte Cavallo, Pieve Torina, Amandola, Pievebovigliana, Sarnano, Sellan e Arquata del Tronto. Nell’ultima ora non si registra alcuna scossa al di sopra del livello critico nel nostro territorio.

Di nuovo freddo nel Nord Italia, a causa della perturbazione atlantica che ha colpito il nostro Paese già da ieri. Nella giornata di oggi le previsioni metereologiche rivelano un peggioramento progressivo che interesserà anche le regioni a NordEst e le aree alpine. Nel resto del territorio non sono previste invece precipitazioni importanti, nonostante l’alta pressione della scorsa settimana abbia subito un significativo indebolimento. Secondo Meteo.it, l’alta pressione ritornerà a donare sole e bel tempo già da domani, permettendo alle temperature di alzarsi ai valori vicini alla norma. Un aumento progressivo che nei prossimi giorni lascerà spazio nuovamente al caldo africano. Attesi nella giornata di oggi temporali e rovesci locali anche in Emilia, Sardegna e Lombardia, per quanto riguarda la fascia mattutina. Possibili temporali e rovesci si potrebbero verificare inoltre nelle aree interne del Centro, Sicilia e Calabria nelle ore pomeridiane.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori