Morgan Mikenas/ Video, “non mi depilerò mai più: i peli mi rendono libera, la bellezza non è maschilista”

- Roberto Barelli

Una fotomodella esperta di fintess, stanca di curare la propria immagine, ha deciso di non depilarsi più da oltre un anno e ha postato i risultati sul suo blog, ecco la foto

morgan_mikenas_fb
Morgan Mikenas

La bellezza sta negli occhi di chi guarda, diceva il poeta, ma insomma la bellezza è più che altro oggettiva. Il Monte Bianco nella sua maestosità si impone come qualcosa di bello per tutti, no? Anche a che preferisce il mare. Così è la bellezza del corpo umano, ma attenzione che qui in realtà si nascondono molti pregiudizi. La società contemporanea ad esempio con le sue pubblicità, i suoi film, i suoi idoli ci ha imposto l’idea che la bellezza ha delle regole precise che ben sappiamo e soprattutto che dovremmo tutti adeguarci a certi canoni estetici. Ma c’è chi dice no, e fa bene. Il modo con cui combatte il pregiudizio della bellezza a senso unico può però essere discutibile.

Infatti la reazione che si ha a prima vista della foto di una blogger americana, Morgan Mikenas, specializzata in fiitness, è piuttosto quella del disgusto. Saremo mica razzisti e dal pensiero unico anche noi? Boh. La ragazza, “oggettivamente” molto bella di viso, ha deciso di non depilarsi più le gambe da un anno. Oddio,  già le femministe degli anni 70 per combattere certi stereotipi si rifiutavano di radersi le ascelle e vabbè, per lo più quelle restano nascoste. La foto che invece ci accoglie sul suo blog ci sciocca. Gambe da uomo super peloso, tanto che qualcuno pensa a un fotomontaggio perché va bene non depilarsi da oltre un anno, ma accidenti che peli… Lei dice che lo sta facendo per imparare ad accettarsi per quello che è, con una bellezza naturale che possa compiacere solo se stessa.

Ha anche pubblicato un video su Youtube in cui dice: “Non mi depilo da più di un anno e non tornerò mai indietro. L’obiettivo di questo video non è far vergognare chi si depila; voglio solo spiegare quanto mi abbia aiutato a sentirmi più a mio agio con me stessa, e magari ispirare anche altre persone a fare qualcosa per avere più fiducia in loro stessi.” Si tratta di un discorso di autostima, spiega. “Ho smesso di depilarmi perché era una perdita di tempo. Non aveva senso. Mi sembra un atto di sottomissione alla cultura maschilista in cui viviamo. Voglio prendere decisioni ragionate per quanto riguarda il mio corpo, e voglio che abbiano come fine ultimo il mio benessere. Depilarmi le gambe mi fa sentire senza voce in capitolo. Quando lasci che siano gli altri a prendere decisioni per te, in particolare decisioni che li spingeranno a vederti in un certo modo, un modo che la cultura ha deciso sia il più “sexy e intrigante,” vuol dire che non hai minimamente voce in capitolo”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori