Attacco a Newcastle/ Rilasciati gli ostaggi sequestrati: ancora barricato l’uomo con coltello (ultime notizie)

- Niccolò Magnani

Attacco a Newcastle, uomo armato di coltello prende ostaggi in un ufficio di collocamento. Ultime notizie, nessuna pista esclusa da terrorismo fino a caso isolato, gli aggiornamenti live

attentato_polizia_gran_bretagna_newcastle_terrorismo_allarme_twitter_2017
Polizia inglese

Stando alle notizie che filtrano dalla Polizia di Newcastle, l’uomo che ha preso in ostaggio un intero centro di collocamento nella periferia della cittadina inglese, avrebbe rilasciato pochi minuti fa tutti le 6 persone che ancora erano tenute sotto minaccia dal sequestratore. Come annuncia poi la polizia della Contea di Northumbria, «Negoziatori della polizia sul posto. La zona circostante è stata evacuata e la stazione della metropolitana chiusa». Gli uomini delle forze dell’ordine stanno cercando di convincere l’uomo ad uscire dal job center, dato che al momento rimane ancora asserragliato e barricato dentro la struttura nella periferia di Newcastle. Sembra sempre meno trattarsi di un attentato di stampo terroristico, per fortuna, dato che i dipendenti del centro di collocamento pare che abbiano in mente e conoscano l’uomo entrato in azione con almeno un coltello all’interno dell’ufficio. 

Nuovo allarme in Regno Unito, il giorno dopo il voto delle Elezioni: un uomo a Newcastle è entrato in un ufficio di collocamento (Job Center) e ha preso degli ostaggi essendo armato di coltello. La minaccia terrorismo ovviamente scatta di nuovo in Inghilterra dopo gli ultimi tre attentati avvenuti a Londra e Manchester: stando alle prime indicazioni che ci fornisce l’Agi, «Un uomo armato di coltello ha preso in ostaggio alcuni impiegati di un ufficio di collocamento a Newcastle. Lo riferisce la polizia, secondo quanto riportato dai media britannici». Andando però a controllare quanto la stessa polizia di Northumbria riporta sul suo canale ufficiale Twitter, si scopre che al momento non sembrano esserci feriti ne colpiti dal sequestratore che non avrebbe ancora rivendicato i motivi del suo gesto.

Tutte le ipotesi rimangono aperte, con i negoziatori che sono entrati in azione sulla scena del possibile crimine: area attorno al job center subito chiusa, e forze dell’ordine arrivate in massa anche per il grado di sicurezza che è rimasto “critico” dopo l’attentato di Londra al London Bridge. La Polizia è convinta si tratti di un caso isolato che non coinvolga il terrorismo, ma lascia ovviamente aperta ogni porta dato che il fatto è ancora in corso. Al momento, conferma ancora la Polizia con un comunicato qui sotto, non vi sono feriti e i negoziatori stanno parlando con il sequestratore di Newcastle.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori