SCONTRO TRA STUDENTI/ Video, ragazzi degli istituti tecnici assaltano un liceo: botte e lacrimogeni

- Morgan K. Barraco

Assalto al Liceo Copernico di Pavia ad opera di alcuni studenti dell’Istituto tecnico adiacente. Tre feriti, di cui uno studente di 17 anni, che hanno riportato contusioni

copernicopavia_ilsussidiario_2017
L'assalto al Copernico di Pavia

Scontri fra due Istituti di Pavia, in cui il bilancio riporta tre feriti, di cui uno studente 17enne. Una tradizione annosa che vede il Liceo scientifico Copernico e l’Istituto Tecnico Industriale impegnati in diversi rimbrotti, solitamente di matrice scherzosa, e che invece questa volta è sconfinato fino all’aggressione ed all’assalto. Quello che doveva essere solo uno scherzo, alla fine si è tramutato in tutt’altro.

A Pavia, alcuni ragazzi dell’Itis avrebbero preso di mira il “rivale” Liceo armati di fumogeni nella tarda mattinata di ieri. Un modo forse per concludere l’ultimo giorno di scuola all’insegna della goliardia e che ha provocato invece paura e scompiglio fra ragazzi ed adulti. Immediata la risposta da parte dei coetanei liceali, che hanno reagito al tentativo di ingresso di alcuni studenti con spintoni e botte. I video pubblicati dalla Provincia Pavese mostrano chiaramente il climax di aggressività che si è sviluppato fra le mura scolastiche. Clicca qui per vedere il video dell’assalto al Copernico di Pavia

Immagine drammatiche, viste dall’esterno, quelle che sono state immortalate dalla videosorveglianza del Liceo Copernico di Pavia. Uno dei video mostra infatti l’attivo in cui i vetri vengono infranti, complice il lancio di un cartello stradale da parte degli allievi dell’Istituto tecnico. Clicca qui per vedere il filmato. Vano il tentativo da parte del personale e dei docenti presenti, che hanno cercato di sedare l’assalto e che hanno portato al ferimento di tre insegnanti ed uno studente. Una situazione degenerata in pochi attimi e che ora è finita al centro delle indagini delle forze dell’ordine, intervenute sul posto. Si analizzeranno i filmati, sottolinea La Repubblica, nel tentativo di individuare con chiarezza chi siano i responsabili. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori