ESORCISMO COME CURA PER LE MALATTIE MENTALI/ La proposta del capo della Chiesa ortodossa russa

- Emanuela Longo

Esorcismo come cura per le malattie mentali, ultime news: il capo della Chiesa ortodossa russa, Cirillo I, lancia la proposta durante un suo recente intervento.

patriarca_cirillo_russia_chiesa_ortodossa_wikipedia
Patriarca Cirillo I, capo della Chiesa ortodossa russa (Wikipedia)

E’ possibile curare i problemi mentali con l’esorcismo? Secondo il Patriarca Cirillo I, capo della Chiesa ortodossa russa, proprio la pratica di scacciare i demoni potrebbe rivelarsi utile per la guarigione delle persone affette da malattie di natura mentale. Lo ha rivelato lo scorso lunedì l’agenzia di stampa RIA Novosti, che ha ribadito il punto di vista del Patriarca russo: scacciare i demoni potrebbe aiutare nei casi più gravi in cui gli psicologi professionisti falliscono. Solitamente, gli psichiatri di professione affrontano i casi di malattia mentale impossibili da spiegare da un punto di vista prettamente scientifico. E’ quanto ha spiegato il Patriarca Cirillo I in visita a un convento di Veliki Novgorod, poco distante da San Pietroburgo. In quell’occasione, il capo della Chiesa ortodossa russa ha avanzato la possibilità che possa esserci di fatto un legame tra le forze del male ed i problemi di natura mentale che spesso colpiscono molte persone e che gli psichiatri, attraverso le loro conoscenze ed il loro lavoro difficilmente riescono a spiegare e soprattutto a guarire.

“Il potere demoniaco è reale e chiunque può cadere vittima a meno che non sia protetto dalla Chiesa”, ha sostenuto il Patriarca, che ha così replicato agli scettici che considerano “non scientifica” la tradizione della Chiesa di scacciare i demoni. Cirillo I ha quindi evidenziato che chiunque abbia mai preso parte ad un esorcismo, effettivamente ha anche testimoniato come spesso i sacerdoti siano capaci di sconfiggere quelle “terribili forze del male”. La sua proposta, quasi certamente sarà destinata a far discutere ma anche riflettere.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori