Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora: Donald Trump perde un altro pezzo (22 luglio 2017)

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: Donald Trump perde un altro pezzo della sua amministrazione. Anche l’Ungheria non vuole i migranti in Italia. Forte sisma in Grecia. (22 luglio 2017). 

Donald_Trump_2_lapresse_2017
Melania Trump operata a un rene, come sta? - La Presse

DONALD TRUMP PERDE UN ALTRO PEZZO

Importante defezione all’interno dell’amministrazione di Donald Trump, con il presidente eletto da meno di un semestre che ieri deve sopportare la fuga del suo portavoce, Sean Spicer. Spicer che di fatto rivestiva il ruolo di cuscinetto con i media, ha rassegnato le sue “irrevocabili” dimissioni in aperto contrasto con il capo dell’esecutivo, stante la sua volontà di nominare a responsabile della comunicazione il controverso finanziere e suo grande amico Anthony Scaramucci. Il ruolo era stato adocchiato da Spicer, e probabilmente almeno a sentire le fonti giornalistiche Spicer si è dimesso per la mancata promozione, soprattutto in virtù del fatto che egli di fatto era il capo della comunicazione, avendo assunto ad interim l’incarico dopo le improvvise dimissioni di tre mesi fa di Mike Dubke.

ANCHE L’UNGHERIA NON VUOLE I MIGRANTI IN ITALIA

Dopo le affermazioni choc di ieri del ministro degli esteri austriaco, ieri è stata la volta dell’Ungheria, che tramite il suo primo ministro ha reso nota una missiva indirizzata al capo del governo Paolo Gentiloni. La lettera sottoscritta anche da Polonia, Slovacchia e Repubblica Ceca chiede al nostro paese di mettere in atto tutto quanto in sua possibilità, onde evitare il trasferimento dei migranti nei paesi del centro Europa, paesi che rischiano un importante sovraffollamento di extracomunitari. La missiva al di la del contenuto del tutto opinabile, fa capire come all’interno del gruppo dei 28 esista una fronda abbastanza numerosa che nn si vuol far carico dei problemi dei paesi rivieraschi, lasciando di fatto paesi come Italia e Grecia a superare quella che di fatto assomiglia sempre di più ad una migrazione biblica.

SISMA TRA GRECIA E TURCHIA

Una scossa di terremoto di magnitudo di 6.7 è stata avvertita ieri notte in Grecia e Turchia. La scossa che ha provocato forti danni nel piccolo paesino di Kos, dove purtroppo si registrano anche due morti. La scossa è stata localizzata a circa 10 chilometri sotto la superficie del mare, e nella sua evoluzione ha provocato un piccolo maremoto nelle coste turche, che per fortuna non ha provocato danni. Oltre i due morti, una cittadina svedese e un turco, sono oltre 200 i feriti, alcuni in gravi condizioni ma per fortuna non in pericolo di vita. L’unione Europea per bocca del suo portavoce ha immediatamente offerto aiuto ai paesi colpiti dal sisma.

SEQUESTRATI TRE IMPIANTI DEL PETROLCHIMICO DI SIRACUSA

La procura aretusea agendo di iniziativa e dando corso a una serie di esposti dei cittadini e delle associazioni ambientalistiche, ha ordinato il sequestro preventivo di tre stabilimenti facenti parte del polo petrolchimico di Siracusa, uno dei più grossi dii tutta Europa. I magistrati hanno ritenuto fondate le motivazioni che lamentavano un peggioramento della qualità dell’aria, peggioramento dovuto alle esalazioni sprigionate in maniera continuativa dagli impianti. Gli stabilimenti sequestrati sono quelli della Esso e gli stabilimenti Isab Nord e Isab Sud. La magistratura nell’ordinanza di sequestro ha dato tempo due settimane alle industrie di ottemperare ad alcune specifiche prescrizioni, provvedimenti concordati insieme ad un pool di esperti, e che di fatto dovrebbero portare una minore emissione di agenti inquinanti nell’atmosfera siracusana.

CALCIOMERCATO SERIE A, GLI ULTIMI MOVIMENTI

Leonardo Bonucci è ufficialmente un calciatore del Milan. Il giocatore ha apposto la firma sul contratto in diretta Facebook, come da consuetudine per il nuovo corso Milan. Al suo fianco c’era l’ad Marco Fassone e il direttore sportivo Massimiliano Mirabelli. Oltre alle ‘cose formali’, frase tormentone dell’estate milanista, Bonucci ha anche chiarito la questione del numero 19, ringraziando Franck Kessie per avergliela ceduta ed elogiandone la sua sensibilità, mettendo a tacere le voci circa un possibile momento di tensione. Con l’acquisto di Bonucci il Milan di Vincenzo Montella acquisisce all’interno dello spogliatoio un leader carismatico, che consentirà inoltre all’allenatore di passare alla difesa a 3 o a 4 in qualsiasi momento. Federico Bernardeschi è un nuovo calciatore della Juventus. L’estroso centrocampista offensivo della Fiorentina passa alla Vecchia Signora con una spesa di 40 milioni di euro più bonus. Un acquisto importante per i bianconeri, che mettono così a segno il secondo colpo di calciomercato dell’estate, dopo aver ufficializzato nei giorni scorsi l’arrivo di Douglas Costa. Bernardeschi partirà per la tournée che vedrà la Juve impegnata nell’International Champions Cup 2017, dove affronterà anche la nuova Roma di Eusebio Di Francesco. Negli ultimi giorni, Bernardeschi era stato preso costantemente di mira dai tifosi viola, con diversi striscioni contro l’ormai ex talento della Viola. Dopo che il trasferimento alla Juventus è saltato per via di un problema riscontrato durante le consuete visite mediche, per Patrick Schick, attaccante in forza alla Sampdoria del presidente Ferrero, sembra si siano spalancate le porte dell’Inter. Attualmente il calciatore doriano si sta riposando nel suo Paese, ma un suo passaggio in nerazzurro è sempre più probabile.

TOUR DE FRANCE, FINALMENTE BOASSEN HAGEN

Dopo aver sfiorato il successo in due occasioni, Boassen Hagen finalmente coglie il suo primo successo in questa edizione del Tour de France, che sembrava stregata per il ciclista della Dimension Data. Il norvegese, dopo aver perso due sprint al fotofinish, stavolta ha deciso di scattare quando al traguardo mancavano 2 chilometri. Un’azione fantastica, che gli ha permesso di trionfare tutto solo sul traguardo della Provenza. Invariata la situazione in classifica generale, con Chris Froome che, a meno di 24 ore dalla cronometro individuale di Marsiglia, è primo con 23 secondi di vantaggio su Bardet e 29 secondi su Rigoberto Uran. Quinto l’italiano Fabio Aru, che ha perso definitivamente qualsiasi speranza di salire sul podio di Parigi dopo la due giorni no sulle Alpi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori