INCIDENTE STRADALE/ Lecce, cade con la moto e muore in pieno centro (oggi, 25 luglio 2017)

- Dario D'Angelo

Incidente stradale, 25 luglio 2017: a Preseglie un motociclista ha invaso l’altra corsia forse nel tentativo di prendere la curva troppo larga, le sue condizioni sono gravi. 

incidente_stradale_triangolo_pixabay_2017
Pesaro, esce e si imbatte nell'incidente mortale del figlio (Pixabay)

Ennesimo incidente stradale in questo martedì 25 luglio 2017: teatro del tragico impatto è stata Lecce, dove ha perso la vita il 39enne Emanuele Marsano. Come riportato da lecceprima.it, Marsano era alla guida della sua moto Honda in viale Grassi, all’altezza di un incrocio, quello con via Vecchia Carmiano, considerato tra i più rischiosi in assoluto, quando intorno alle 8 di questa mattina è entrato in collisione con la Lancia Y guidata da una donna sulla trentina. L’impatto frontale tra i due mezzi è stato quanto mai violento: con il centauro che ha finito per schiantarsi sulla fiancata destra dell’automobile prima di rovinare sull’asfalto. Immediati i tentativi sul posto di rianimare l’uomo e la chiamata dei soccorsi, che nulla hanno potuto per evitare il decesso di Emanuele Marsano. Sostanzialmente illesa, al contrario, la donna alla guida dell’automobile interessata dallo scontro. (agg. di Dario D’Angelo)

INCIDENTE STRADALE, ULTIME NOTIZIE 25 LUGLIO

CATANIA, INVESTE PEDONE E SCAPPA

Un incidente stradale si è verificato a Catania, nei pressi della circonvallazione della Cittadella universitaria, quando erano circa le ore 21:30 di ieri. Come riportato da Catania Today, ad avere la peggio è stato un pedone investito da un pirata della strada mentre era intento ad attraversare la strada in prossimità del semaforo. L’automobilista, dopo aver centrato il pedone, ha abbandonato in fretta e furia la scena dell’incidente lasciando l’uomo per terra sanguinante. Alla scena hanno assistito diversi automobilisti, che hanno subito soccorso il pedone, un giovane, allertando il 118. Sul posto sono intervenuti anche i vigili urbani, che hanno tentato di mettersi sulle tracce del pirata della strada, attualmente senza successo. Per quanto riguarda il ragazzo centrato in pieno dall’automobile, dall’ospedale non sono state rilasciate informazioni sul suo stato di salute. 

PRESEGLIE, GRAVE MOTOCICLISTA

Un grave incidente stradale è andato in scena a Preseglie, in provincia di Brescia, intorno alle ore 16:30 di ieri. Sfortunato protagonista un motociclista 54enne residente a Nave, che in quel momento stava percorrendo la SS237 del Caffaro. Il centauro, secondo la ricostruzione fornita da Brescia Today, forse nel tentativo di prendere una curva troppo larga, ha invaso l’altra corsia andando a scontrarsi con due automobili che viaggiavano in direzione opposta. Queste le prime informazioni filtrate dalla Polizia Stradale e dalla Polizia locale che stanno indagando sul caso e secondo cui le cause dell’incidente sarebbero da rintracciare in un semplice quanto pericoloso errore umano. Il 54enne, subito dopo l’impatto, è stato soccorso sul luogo dell’incidente da ambulanza e automedica, prima di essere trasferito d’urgenza in ospedale con l’elicottero. Le sue condizioni attualmente sono gravi, ma l’uomo non è in pericolo di vita. 

LATINA: MORTI PADRE E FIGLIO

Ancora più tragico il bilancio di un incidente stradale avvenuto ieri a Latina, dove padre e figlio di 5 anni sono rimasti uccisi nello schianto tra due auto a Prossedi. Come riportato da L’Unione Sarda, l’auto su cui erano a bordo, per motivi ancora da accertare, si è resa protagonista di un impatto frontale con un altra vettura mentre percorreva la Monte Lepini. Per il momento è stato reso noto soltanto il nome del papà del piccolo, tale Alberto Notarberardino, 52enne originario di Palestrina, in provincia di Roma. I due, immediatamente soccorsi, sono deceduti poco dopo l’intervento dei sanitari sul luogo dell’incidente. Decisamente meglio è andata all’altra figlia di Notarberardino, anche lei a bordo, e al conducente dell’altra automobile: i due sono feriti e ricoverati all’ospedale di Frosinone. Entrambi, però, non sono in pericolo di vita. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori