BIMBE PICCHIATE/ Partinico (Palermo), arrestata la madre: “morsi e lesioni gravi alle due figlie”

- Niccolò Magnani

Bimbe di 2 e 1 anno picchiate a Partinico, Palermo: arrestata la madre che soffre di problemi psichici, “lesioni gravi e morsi alle due figlie”. Il caso, le ipotesi e le ultime notizie

violenza_bambini_pixabay_2017
Immagine di repertorio (Pixabay)

È stato confermato l’arresto della madre di Partinico, accusata di aver picchiata e inferto gravi maltrattamenti riterati verso le proprie figlie di 2 e 1 anno (clicca qui per l’intero caso in dettaglio): la donna è anche incinta, il che complica non poco il quadro già piuttosto desolante per questa donna accusata dell’abominevole percossa continua verso le due figliolette. Dai primi interrogatori, spiega Il Giornale della Sicilia, sarebbero emersi i gravi problemi psichici della donna, madre anche di un’altra bambina di due anni e mezzo ricoverata a sua volta da poco tempo in ospedale per fratture alle braccia, che si considerano ora molto probabilmente non frutto di un incidente, ma delle percosse da parte della donna. Avrebbe commesso «reiterati maltrattamenti e lesioni gravi nei confronti delle figlie minori» e per questo motivo è scattata la decisione del fermo. La nonna, che ha portato la nipotina in ospedale ha dato la stessa spiegazione della figlia, ovvero che le piccole si erano fatte male cadendo in diversi momenti mentre giocavano nel cortile: evidentemente, dopo gli esami strumentali dell’ospedale di Partinico, qualcosa non tornava.

Per la prima sorella, la madre non avrebbe voluto portarla in ospedale per non far scoprire i motivi delle sue fratture, ma poi anche l’altra sorellina è rimasta vittima delle angherie della madre (secondo l’accusa degli inquirenti), con diverse lesioni in testa, tra le quali fratture all’arcata dentale, tumefazioni, escoriazioni multiple e morsi in svariate parti del corpo, spiega l’Ansa. A quel punto il trasporto forzato in ospedale e la triste scoperta sulle cause d’origine. Le condizioni di salute delle due piccoline è seria ma per fortuna non in pericolo di vita: la più piccola è ancora ricoverata a Palermo, mentre la più grande è temporaneamente affidata alle cure della nonna materna almeno fino a processo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori