COPPA COBRAM / Firenze: maxi raduno per la gara tragicomica che celebra Fantozzi

- Silvana Palazzo

Coppa Cobram a Firenze: maxi raduno per la gara tragicomica che celebra Fantozzi. I fan di Paolo Villaggio hanno riproposto l’infernale sgambata di uno dei suoi film

coppa_cobram
Coppa Cobram

Uno degli episodi più divertenti dei film di Fantozzi è stato riproposto ieri a Firenze: grazie alla mitica Coppa Cobram sui colli fiorentini è stata vissuta una domenica speciale. L’Associazione Rondinella del Torrino ha organizzato con la pagina Facebook Coppa Cobram e Uisp Firenze la tragicomica gara ciclistica aziendale del film “Fantozzi contro tutti”. Tantissimi si sono presentati ai nastri di partenza dopo aver tirato fuori dalla soffitta improbabili abiti da ciclista ante-guerra. In tanti hanno voluto imitare l’abbigliamento di Fantozzi, indossando giacca marrone e cappello. Altri invece hanno dato più spazio alla fantasia: c’è infatti chi ha associato alla propria bicicletta una nuvoletta, quella che perseguitava Fantozzi, realizzando anche lo scroscio di pioggia. La giornata si è conclusa degnamente con una cena a cui hanno preso parte tutti coloro che hanno partecipato alla corsa: si sono ritrovati nella fantomatica trattoria “Al Curvone”. L’arrivo comunque è stato particolarmente suggestivo: incombeva il tramonto al piazzale Michelangelo.

Durante la corsa ovviamente non sono mancate le principali gag del film: un tifoso ad esempio ha dato una secchiata d’acqua ad un concorrente, rievocando il momento in cui nel film si vede il ciclista truffaldino agganciarsi alla bici di Fantozzi per arrivare al traguardo. La manifestazione è riuscita anche quest’anno ed è stata “benedetta” anche dal Comune, visto che vi ha preso parte anche l’assessore allo Sport Andrea Vannucci. Non sono mancati gli ospiti speciali, come riportato da La Nazione: c’è stata anche la contessa Serbelloni Mazzanti Vien dal Mare, un altro mitico personaggio del film di Fantozzi. Paolo Villaggio avrebbe gradito. Se volete rivedere la scena del film, di seguito il video.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori