AUTOVELOX NASCOSTO/ Legge per togliere i segnali: perchè? Pericolosi, la gente rallenta all’improvviso

- Silvana Palazzo

L’autovelox non verrà segnalato: Decreto Legge in arrivo per far sparire i cartelli, a causa della loro pericolosità. Le ultime notizie sull’idea che rivoluzionerà la mobilità stradale

Autostrada_alto_lapresse
Immagini di repertorio (LaPresse)

Le segnalazioni preventive di Autovelox e Tutor potrebbero diventare illegali. È questa la rivoluzione per la mobilità che si sta preparando attraverso un decreto legge. Le segnalazioni dunque dovranno sparire da tutte le strade, dai navigatori, dalle applicazioni e dai siti. L’idea di introdurre questo divieto nasce dalla convinzione che le segnalazioni siano diventate pericolose, perché gli automobilisti ogni volta frenano con decisione davanti ai cartelli, mettendo così a rischio la circolazione e provocando tamponamenti, cambi di carreggiata improvvisi e manovre azzardate. Spesso si tratta di azioni inutili perché sono compiute a una delle porte del Tutor o del Virgilius che rilevano la velocità media, rendendo ininfluente la velocità di passaggio sul “ponte”. Il Tutor comunque può funzionare come autovelox, registrando anche la velocità istantanea di passaggio sulla “porta”.

La segnalazione con anticipo rende peraltro illogico il controllo di polizia e quindi il pattugliamento. «Levare queste segnalazioni preventive rimetterà legalità sulle nostre strade: deve passare il concetto che gli automobilisti devono sempre viaggiare entro i limiti di velocità, non solo quando ci sono i controlli», ha dichiarato Giovanni Salvi, procuratore generale di Roma, a Repubblica. L’uso intensivo del Tutor in autostrada ha dimostrato infatti che gli automobilisti rispettano i limiti solo nelle zone controllate.

Provare a nascondere un autovelox o radar è comunque inutile, perché per legge bisogna segnalarli, quindi la zona è sempre preceduta da un cartello. Le cose sono pronte a cambiare con questo decreto legge, ma non è ancora chiaro quando. Il percorso è noto, non la tempistica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori