SCIENTOLOGY IN ITALIA/ Viaggio nella Chiesa di Milano: come purificarsi e quanto costa diventare “iscritti”

- Emanuela Longo

Scientology in Italia: un interessante viaggio nella Chiesa di Milano, il più grande centro nel nostro Paese. Da cosa significa essere clear a quanto costa essere un “iscritto”.

scientology_wikipedia_01
Sede di Scientology (foto Wikipedia)

Di Scientology se ne è parlato spesso e tanto, molte volte in riferimento proprio ad uno dei suoi maggiori adepti, l’attore Tom Cruise, ma quanto si sa realmente di questo culto nel nostro Paese? La giornalista Marianna Baroli per il quotidiano “La Verità” ha deciso di vederci chiaro ed ha intrapreso un interessante viaggio partendo dalla chiesa di Scientology di Milano a pochi passi dalla fermata Bignami della metro Lilla. Ciò che ha sorpreso immediatamente la Baroli è stata l’immensa sede di cinque piani disposti su oltre 9000 metri quadri, il tutto circondato da telecamere e con la presenza di una guardia armata a controllare l’ingresso principale. L’interno è caratterizzato da un arredamento minimal poiché ad arricchire il resto ci pensano i mega schermi con la messa in onda senza sosta della vita di L. Ron Hubbard, fondatore di Scientology e scaffali pieni zeppi di un solo titolo, Dianetics, il libro scritto dallo stesso Hubbard e che nel mondo ha venduto oltre 25 milioni di copie. Dal punto informazioni la giornalista ottiene le prime risposte alle sue domande: solo in Italia sono in 10mila i fedeli, chiamati “iscritti” che si sono avvicinati a questo culto. Milano rappresenta il maggiore centro in Italia, nel quale gli adepti si incontrano anche quotidianamente per confrontarsi.

Il prossimo tassello di questo interessante viaggio dentro Scientology è legato alla sua iscrizione: come avviene? Per rispondere a ciò Marianna Baroli decide di fornire il suo nome e cognome finendo per restare sorpresa dal fatto che di lei sanno già tutto: dal lavoro alla residenza. Ne segue una sorta di visita guidata insieme a due rilassati scientologists che oltre a far conoscere la struttura spiegano come ogni iscritto sia in realtà anche ministro, quindi possa scrivere un proprio sermone che sarà poi letto nell’incontro della domenica. Quando la giornalista domanda cosa possa pensare Dio del loro culto, ne viene fuori una risata: “Qui noi non abbiamo un Dio. Dio sei tu”. Ma in cosa consiste realmente Scientology? Attraverso otto passi, gli iscritti raggiungono la loro purificazione. “Scientology è una religione molto pratica, aiuta ad affrontare meglio la vita”, le spiegano. Secondo il loro culto, dunque, Scientology offrirebbe gli strumenti per diventare puliti, “clear”. Tra questi strumenti figurano anche gli auditing, ovvero le consulenze spirituali. Stando ai dettami di questa organizzazione, la mente umana immagazzina le esperienze più dolorose in un lato oscuro del nostro cervello ma solo Scientology avrebbe la chiave per la purificazione.

E’ tutto bellissimo in ciò che gli adepti di Scientology hanno messo in luce nel corso della visita guidata nella Chiesa milanese, ma alla fine è arrivato il momento della domanda più spinosa: “Quanto mi costa?”. Ecco, in concreto, come è possibile diventare un “iscritto”. Prima di entrare ufficialmente a Scientology occorre fare un test chiamato Oca (Oxford Capacity Analysis). Una volta superata questa prova, per avere accesso alla purificazione, al libro ed audio libro di Hubbard e chiacchierare con un auditor è necessario pagare 1500 euro. Ma non finisce qui: una volta dentro occorre prender parte anche a vari corsi che aiutano a comprendere meglio il funzionamento ed i personaggi che ruotano attorno a Scientology, il tutto alla modica cifra di 35 euro ciascuno. I veri corsi, quelli che conducono verso la “libertà totale” sono altri e la differenza la si nota dal costo: in questo caso il prezzo da pagare è di 600 euro. Oltre ad un impegno economico richiedono anche impegno in termini di tempo, come se fosse una sorta di università. E’ finita qui, penserete voi? Neppure per sogno: ogni quindici giorni ci sono da affrontare le audizioni private, ovviamente a pagamento (800 euro all’ora per un minimo di 2 ore e mezza) per un totale di circa 2000 euro ogni 15 giorni e 6000 euro solo per il primo mese di iscrizione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori