Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora: G-20, guerriglia ad Amburgo, crollato palazzo a Napoli (8 luglio 2017)

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: crolla un palazzo a Torre Annunziata, pesantissimo il bilancio. Guerriglia urbana ad Amburgo. Assolta Daniela Poggiali. Fognini ko. (8 luglio 2017). 

attentato_manchester_terrorismo_polizia_lapresse_2017
Ultime Notizie - La Presse

Si è accartocciata su se stessa come fosse un giocattolo buttato via da un bimbo, la palazzina che stamani all’alba è crollata a Torre Annunziata, un popoloso centro alle porte di Napoli. L’edificio che forse è crollato a causa delle vibrazioni dei treni che passano sulla vicina strada ferrata, era un palazzo datato di quattro piani, al suo interno almeno due famiglie, per un totale di otto persone. I soccorsi immediatamente confluiti finanche dal capoluogo di regione, hanno scavato per tutta la giornata a mani nude, altissimo infatti il rischio che le macerie possano causare ulteriori danni. Già recuperate le salme dei due degli occupanti, mentre gli altri sei risultano al momento dispersi, anche se con il passare delle ore le speranze che siano ritrovate in vita si abbassano considerevolmente.

Una vera e propria guerriglia urbana, quella che nella giornata di ieri si è scatenata ad Amburgo, città della Germania che sta ospitando l’atteso vertice dei 20 paesi più industrializzati del mondo. Durante gli scontri, che hanno portato a una cinquantina di arresti, oltre 150 gli agenti di polizia feriti dai manifestanti, tra i contestatori invece sono almeno 100 le persone che hanno dovuto fare ricorso alle cure dei sanitari, almeno una quarantina inoltre le autovetture date alle fiamme. Gli scontri hanno interessato la periferia della città teutonica, con le forze dell’ordine che hanno dovuto fare ricorso al massiccio uso di idranti e spray urticanti. La “cancelliera” Merkel ha manifestato il suo dissenso, soprattutto per un modo di manifestare che a sua detta non ha nulla di civile.

La corte di Assise di appello di Bologna ha ribaltato la sentenza con la quale l’ex infermiera Daniela Poggiali era stata condannata all’ergastolo, per la morte di Rosa Calderoli, un anziana di 78 anni morta all’ospedale di Lugo di Ravenna. I giudici togati hanno assolto la Poggiali con una formula molto ampia, ritenendo che di fatto il reato non sussista. Alla lettura della sentenza la Poggiali che era in aula ha esultato, si sono allontanati molto stizziti invece i familiari della vittima. In primo grado l’ex infermiera era stata condannata all’ergastolo, perché ritenuta colpevole di aver iniettato una dose letale di potassio nelle vene dell’anziana paziente, potassio che aveva causato l’improvvisa morte della Calderoli.

È stato condannato all’ergastolo Raimondo Caputo, l’uomo che il 24 giugno del 2014 ha ucciso gettandola nel vuoto la piccola Fortuna Loffredo, scaraventandola da una finestra dell’ottavo piano di un condominio di Caivano, un popoloso centro alle porte di Napoli. la sentenza è arrivata dopo una lunga camera di consiglio da parte dei giudici della Corte di assise di Appello di Napoli, e ha visto anche la condanna a 10 anni per l’ex compagna di Caputo, rea secondo i giudici di non aver fatto nulla per impedire gli abusi perpetrati dal suo ex compagno alle allora figlie minorenni. Soddisfazione è stata espressa dalla mamma di Fortuna, che finalmente può archiviare una delle vicende italiane più triste dell’ultimo tempo.

E’ stato un ko pesante per Fabio Fognini che esce da Wimbledon nella sfida valida per i sedicesimi di finale contro il numero uno al mondo Andy Murray. Una vittoria dello scozzese arrivata in due ore e mezzo di gioco e non senza sofferenza. Dopo aver vinto agilmente 6-2 al primo era infatti scivolato 4-6 al secondo. Nel terzo Murray aveva ristabilito le gerarchie con un 6-1 di assoluto livello e grande intelligenza. Nel quarto però è Andrea Fognini a gettare la gara dopo che si era portato avanti 5-1 per poi subire la rimonta dello scozzese ed uscire sconfitto. Staremo a vedere come proseguirà il torneo di Murray, quello di Fognini però è finito qui.

Si è spento ieri il piccolo Bradley Lowery il tifoso del Sunderland che è stato purtroppo sconfitto da un brutto tumore. Aveva commosso il mondo del calcio e trovato la pronta risposta della sua squadra del cuore che si era mossa per lui, con manifestazioni d’affetto come Jermaine Defoe. Questi infatti si era impegnato per questo bimbo colpito da neuroblastoma e costretto a delle cure veramente difficili da sopportare. Si era lavorato molto sulla raccolta dei fondi per questa terribile malattia che ogni anno colpisce tantissimi bambini. Sono stati tantissimi i messaggi nei confronti di questo bimbo che ha dimostrato un cuore incredibile e che non sarà dimenticato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori