AUTO CONTRO PIZZERIA IN FRANCIA/ Ultime notizie Parigi: l’aspirante suicida sotto l’effetto di droghe

- Fabio Belli

Francia, auto contro la pizzeria Cesena. Non è terrorismo, ma un tentativo di suicidio: una vettura si è schiantata deliberatamente contro il locale, morta una bimba di 8 anni

auto_francia_pizzeria_twitter_2017
Auto contro pizzeria in Francia (foto Twitter)

Ha cercato di suicidarsi, e non era la prima volta, e inoltre era sotto l’effetto di droghe e stupefacenti: il conducente dell’auto che si è schiantato contro la pizzeria Cesena a Parigi nella drammatica scena di ieri sera non è un terrorista, ma ha comunque provocato panico e terrore, oltre ad una ragazzina di 13 morta e 12 feriti di cui alcuni in serie condizioni. Le ultime notizie che filtrano dalla Francia provano a chiarire i rimanenti punti poco chiari: il viceprocuratore Eric de Valroger ha escluso definitivamente la pista terroristica, «molto probabilmente il conducente si trovava sotto effetto di stupefacenti e nell’auto non è stata trovata nessun’arma», spiega il procuratore. L’auto è ancora incastrata nella pizzeria per gli ultimi rilievi, mentre intanto la famiglia della ragazza 13enne si è recata verso l’ospedale per riconoscere il cadavere. Non solo, tra i feriti ci sarebbe anche il fratello più piccolo dell’adolescente rimasta uccisa. L’uomo avrebbe raccontato alla polizia di aver voluto togliersi la vita, come già successo altre due volte in passato, senza evidentemente essere mai riuscito completamente nell’intento, esattamente come avvenuto ieri sera nel folle gesto nella periferia di Parigi. (agg. di Niccolò Magnani)

TROVATE ARMI IN AUTO

Iniziano ad aumentare i feriti alla Pizzeria Cesena a Sept-Sors, nella regione di Parigi, dove un’auto si è schiantata contro il locale nella serata di lunedì. L’incidente è stato provocato da un 32enne che pochi giorni fa aveva tentato il suicidio, ma non è chiaro se fosse effettivamente questo il suo fine al momento di scagliarsi contro le persone all’interno della Pizzeria. Un atto che la polizia ha definito deliberato e volontario, ma quasi sicuramente non legato al terrorismo, anche se nella BMW dell’uomo sarebbero state trovate delle armi. Come detto, rispetto alle notizie trapelate inizialmente, si è aggravato il numero delle vittime con almeno 12 feriti e una ragazzina morta, non di 8 ma di 13 anni. Secondo la polizia, nessuno delle persone che si trovavano all’interno della pizzeria è riuscita ad evitare di essere falciata dalla macchina, che si è schiantata a tutta velocità sfondando la vetrina del locale e penetrando al suo interno. Si attendono notizie più dettagliate sulle condizioni di salute dei feriti.

CONDUCENTE DELL’AUTO ARRESTATO

Paura in Francia, nella cittadina di Sept-Sors, frazione di La Ferté sous-Jouarre, nella regione di Parigi. Un’automobile di grossa cilindrata si è schiantata contro la vetrata di un ristorante pizzeria, dalle prime informazioni volontariamente, causando ben 6 feriti e soprattutto una vittima, una bambina di otto anni. A riferirlo è il canale all news francese Bfmtv.com, spiegando come il conducente della vettura sia stato immediatamente arrestato dalle forze dell’ordine che si sono precipitate sul luogo dell’incidente. Si tratterebbe di un trentanovenne (di cui ancora non sono state diffuse le generalità) che alla guida di una BMW si è lanciato sulla vetrina del locale, schiantandosi contro alcuni avventori della “Pizzeria Cesena”. RTL France riferisce come l’uomo avrebbe dichiarato ai gendarmi di aver voluto tentare il suicidio, ma è stato arrestato in stato confusionale e non ci sarebbe certezza riguardo le sue reali intenzioni.

LA BMW ERA GUIDATA DA UN ASPIRANTE SUICIDA

Ovviamente si è pensato immediatamente all’incubo terrorismo, con la Francia ormai da due anni sotto attacco e il metodo di schiantarsi deliberatamente con delle automobili verso vittime inermi che è ormai mutuato e consolidato fra i terroristi. Secondo quelle che sono le prime informazioni trapelate ai media francesi, l’uomo sarebbe incensurato e soprattutto non sarebbe legato agli ambienti terroristici. Prende dunque piede la possibilità che l’uomo abbia davvero tentato il suicidio schiantandosi contro il ristorante, si ipotizza forse dopo aver assunto droghe o comunque essendo afflitto da gravi problemi psichici. La stessa polizia ha comunque parlato di atto difficilmente collegabile ad un attacco terroristico. Per ora l’unica dichiarazione ufficiale da parte delle forze di polizia è quella rilasciata con un tweet dalla Gendarmerie National, che ha affermato testualmente: “Operazione in corso a #SeptSorts. Si prega di osservare il perimetro di sicurezza e di non intralciare le operazioni di soccorso.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori