Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora: arrestato terrorista Isis per stragi di Parigi e Bruxelles (15 agosto)

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: il governo valuta sostituzione navi Ong. Italiano ucciso in Spagna. Frana uccide oltre trecento persone in Sierra Leone. (15 agosto 2017). 

attentato_parigi_terrorismo_2_lapresse_2017.jpg
Lapresse

ARRESTATO RICERCATO PER STRAGI DI PARIGI E BRUXELLES

Una notizia passata forse in sordina nei grandi network internazionale, riveste importanza capitale nella lotta al terrorismo a livello internazionale. È stato oggi arrestato in Turchia, ad Istanbul, un terrorista dell’Isis ricercato dal 2014 e presunto responsabile degli attentati di Parigi e Bruxelles tra il 2015 e il 2016, dove l’Isis mise “mano” per le prime volte al terrorismo su scala mondiale scatenando l’emergenza ancora aperta in questo 2017. L’uomo, a partire dal 2014, avrebbe svolto attività di reclutamento e coordinamento di foreign fighters di madre lingua francese per conto dello Stato Islamico, prima entrare nella lista dei ricercati dell’Interpol a seguito delle stragi avvenute in Francia e Belgio. Come spiega Rai News, l’uomo è stato identificato dopo un lavoro dell’intelligence di mesi in una abitazione nel quartiere molto popolare di Fatih ad ovest di Istanbul, e ora dovrà rispondere dell’accusa di stragi e terrorismo jihadista internazionale, con un ruolo ancora tutto da scoprire nella duplice strage Isis tra la Francia e il Belgio. (agg. di Niccolò Magnani)

TRE MORTI CARBONIZZATI NEL BARESE

Un tragico incidente o forse qualcosa di più: è mistero nel Barese rispetto alle ultime notizie che arrivano dall’Ansa, riguardo lo scontro tra due auto sulla Statale 16bis tra Trani e Boccadoro (a circa 40 km nord da Bari). Due donne e un uomo di cui ancora non si conoscono i nomi, sono stati ritrovati stamani letteralmente carbonizzati dopo l’incidente che ha coinvolto le due auto, per cause ancora tutte da accertare. Pare infatti che un’auto ha tamponato quella che la precedeva, e a quel punto uno dei veicoli è finito addirittura fuori strada, prendendo fuoco. Intervenuti i vigili del fuoco, ancora non si sa che fine abbiano fatto i passeggeri della prima auto e soprattutto se vi siano motivi precedenti che possano spiegare l’incidente così drammatico in piena notte. (agg. di Niccolò Magnani)

IL GOVERNO VALUTA LA SOSTITUZIONE DELLE NAVI ONG

Il governo italiano per bocca del suo premier Gentiloni, sta valutando un piano di emergenza allo scopo di sostituire le navi delle organizzazioni non governative, che da ieri hanno abbandonato il salvataggio dei migranti. L’idea è quella di sostituire i vascelli fin ora impegnati, con alcune navi militari all’interno del dispositivo “Triton”, un dispositivo i cui costi sono direttamente sopportati dall’unione europea. Intanto oggi il comandante della Guardia Costiera Libica ha sottolineato che nessuna minaccia è stata fatta alle navi civili impegnate, l’affermazione presuppone che il ritiro sia da riconfigurarsi al codice di condotta, voluto fortemente dal nostro governo. Interessante la stima degli sbarchi nel mese di Luglio, sbarchi che per il Viminale sono diminuiti del 57%.

ITALIANO UCCISO IN SPAGNA

È stato letteralmente ammazzato di botte un ventiduenne fiorentino in vacanza sulla costa spagnola, e precisamente a Lloret de Mar. L’episodio si è consumato in una discoteca, li si trovava Niccolò Ciatti un ragazzone di Scandicci si godeva le ferie dopo una stagione passata sui banchi del mercato ortofrutticolo, li il nostro connazionale ha reagito ad una spinta datagli per cause ancora da stabilire da un uomo russo, e per questo si è ritrovato a dover combattere con 3 ceceni. Niccolò è stato messo in mezzo dai 3, poi arrestati, nessuno a difenderlo, massacrato a calci e pugni, il suo corpo non ha resistito alle fratture multiple ed il decesso è arrivato all’ospedale. Sull’episodio indaga la procura catalana, con l’amministrazione cittadina che oggi ha voluto un minuto di silenzio per ricordare il giovane fiorentino.

OLTRE 300 MORTI IN SIERRA LEONE PER UNA FRANA

Un frana si è abbattuta sulla capitale del Sierra Leone, Freetown, ed ha distrutto oltre 100 abitazioni, provocando almeno 300 morti e più del doppio di feriti. Lo smottamento è stato causato dalle abbondanti piogge, piogge che di fatto hanno fatto crollare una montagna alle cui pendici è costruita la città. Immediate le operazioni di soccorso, con moltissimi parenti ed amici degli abitanti della zona che si sono riversati sul luogo, ostacolando a volte le operazioni di recupero. Nelle immagini trasmesse dalla televisione nazionale l’acqua arriva ad oltre un metro e mezzo, essa frammista al fango non lascia scampo soprattutto ai minori, moltissimi di quest’ultimi sono infatti tra le vittime. Il bilancio è purtroppo destinato ad aumentare, stante il numero dei dispersi che allo stato attuale è attorno alle 500 unità.

CHAMPIONS LEAGUE, PER IL NAPOLI È VIGILIA

Per il Napoli di Maurizio Sarri è tempo di vigilia in vista dei preliminari di Champions League. Si gioca infatti domani la gara d’andata contro il Nizza e ci sono anche diverse notizie positive. La prima è l’assenza allo Stadio San Paolo di Napoli di Wesley Sneijder e Mario Balotelli che sono i pezzi pregiati della squadra francese. La seconda è sicuramente la possibilità di poter sfruttare il fattore campo. La gara di domani sera infatti è una grande opportunità per cercare di andare a giocare a Nizza con la tranquillità di chi ha già mezza qualificazione in tasca. Contro ci sarà una squadra su cui peseranno queste due assenze, ma anche quelle delle stelle cedute in questa sessione di calciomercato. Il Napoli si gioca molto e stasera non può proprio sbagliare nulla.

5 GIORNATE DI SQUALIFICA PER CRISTIANO RONALDO

E’ stata una notte complicata quella dell’altro ieri per Cristiano Ronaldo espulso nella gara di andata della Supercoppa di Spagna. Il calciatore portoghese si porterà dietro gli strascichi della sua simulazione con tanto di spinta all’arbitro dopo la sanzione. Questo gli costerà in tutto ben cinque giornate di squalifica che lo porteranno a saltare non solo la gara di ritorno contro il Barcellona di Valverde, ma anche le prime quattro giornate della Liga. Nulla di irrecuperabile per i due volte Campioni d’Europa, ma sicuramente un momento in cui c’è la necessità di gestire con calma un nervosismo ingiustificato per un campione amatissimo da tutti e in un momento di massima espressione della sua carriera. Staremo a vedere se ci saranno le sue dichiarazioni dopo questa pesante sanzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori