ATTENTATO A BARCELLONA/ Arcivescovo Omella:”Islam? Chi uccide in nome di Dio non ha religione”

- Dario D'Angelo

Attentato a Barcellona: l’arcivescovo Omella chiarisce in un’intervista a L’Avvenire che chi uccide in nome dell’Islam e di Dio, in realtà è un senza religione. 

attentato_barcellona_spagna_rajoy_felipeVI_lapresse_2017
Attentato a Barcellona (foto LaPresse)
Pubblicità

Juan José Omella, arcivescovo di Barcellona, nelle ore immediatamente successive all’attentato sulle Ramblas, ha commentato la carneficina commesso da un commando che sostiene di agire in nome di Dio e di una guerra santa che continua a mietere vittime innocenti. Da uomo di chiesa è difficile anche per il cardinale Omella spiegare il perché di un gesto simile ma, come dichiara a L’Avvenire, non c’è dubbio che gli autori dell’attentato non possano definirsi interpreti dell’Islam o mossi da vera fede religiosa. La motivazione è semplice:”La distruzione non è religione e non viene da Dio“. Secondo Omella “ogni atto terroristico è senza motivo, e tanto meno ha motivo che simili atti siano compiuti nel nome di una religione, in nome di Allah: perché sappiamo che Dio, Allah è misericordia, perché Dio è Dio della pace e della misericordia, e religione vuol dire cammino di fraternità e di costruzione di pace, non di morte e distruzione“. Anche l’arcivescovo di Barcellona, da cristiano, ci tiene a distinguere tra terroristi e musulmani:”Io dico sempre che una cosa è essere musulmani, fedeli discepoli di Allah, altra cosa è essere terroristi. Bisogna distinguere. Il terrorista può utilizzare il nome della religione musulmana ma non è un religioso perché attenta alla vita stessa del musulmano e attenta alla religione, alla vita religiosa. Non è umano e non è religioso“.

Pubblicità

NOS NO TENEMOS MIEDO” 

I passi da compiere per l’arcivescovo di una comunità come Barcellona, colpita da un attentato tanto sanguinoso come quello da giovedì, sono delicati e difficili da scegliere. Il cardinale Omella cos’ha fatto nelle ore seguite all’eccidio:”In plaza Catalunya noi vescovi ci siamo trovati insieme alle autorità governative e politiche per un incontro pubblico con la popolazione al quale sono stati presenti anche il presidente del Consiglio e il re di Spagna. Dopo il silenzio per le vittime, spontaneamente tutti insieme abbiamo cantato «Nos no tenemos miedo», noi non abbiamo paura. Con il primo ministro è prevista a una riunione. Noi come vescovi e come cittadini abbiamo la responsabilità di far recuperare la speranza. Domenica (domani, ndr) celebrerò la Messa per tutte le vittime e il loro familiari nella basilica della Sagrada Famiglia. Pregheremo per la pace chiedendo al Signore che cambi il cuore di pietra di questi terroristi e li trasformi in cuori di carne, perché si convertano da costruttori di morte a costruttori di pace“. In ogni caso il messaggio è quello di plaza Catalunya:”Non dobbiamo lasciarci strangolare dalla paura. La nostra fede deve costruire la convivenza e la pace, con le porte aperte a tutti. Noi tutti facciamo parte della medesima casa comune che è la terra. Siamo di differenti razze, culture e religioni ma tutti siamo fratelli, e siamo chiamati a costruire la fraternità nel mondo“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori