Isis: ora attacchiamo l’Italia/ Su Telegram la minaccia, lo riferisce Site: siamo il prossimo obiettivo

- Paolo Vites

Italia prossimo obbiettivo dei terroristi islamici? Lo rivela il sito americano che monitora l’attività dell’Isis. Intercettato un messaggio in cui si annunciano attentati

isis_califfo_al_baghadi_terrorismo_califfato_daesh_moschea_lapresse_2017
Il "Califfo" Al Baghdadi (LaPresse)
Pubblicità

Secondo il sito americano Site, che si occupa di seguire l’attivista dell’Isis sul web, i terroristi islamici hanno lanciato l’attacco al nostro paese: “Il prossimo obbiettivo è l’Italia”. Non è la prima volta naturalmente, spesso in passato, attraverso i suoi organi di comunicazione, il califfato aveva lanciar minacce indicando come obbiettivo primario ovviamente la città di Roma, capitale mondiale della cristianità, o dei “crociati” secondo loro. Ma erano altri tempi, esisteva ancora lo stato islamico e si trattava di pura propaganda per infiammare i combattenti. Adesso invece che il terrorismo di lupi solitari o di piccole cellule sta colpendo tutta l’Europa, la minaccia spaventa di più. Anche la Finalndia, come abbiamo visto, è stata colpita.

Pubblicità

Proprio oggi il ministero degli interni ha espulso due marocchini e un siriano, accusati di sostenere l’Islam radicale e l’Isis. A Roma è riunito da stamane il gruppo che si occupa di terrorismo in Italia, a cui ha preso parte anche il capo del governo Gentiloni, per discutere le misure di sicurezza da adottare. A Milano già oggi sono comparse barriere di cemento in Piazza del Duomo, all’ingresso della galleria Vittorio Emanuele, in Corso Como, sulla Darsena e sui Navigli, tutti possibili obbiettivi di terroristi a bordo di furgoni che vogliano falciare la folla. L’Italia fino a oggi è stata considerata un paese con basso rischio di attentati, sia perché le comunità islamiche sono abbastanza integrate, sia per l’ottimo livello delle nostre forze di polizia e dei servizi segreti abituate a combattere il terrorismo sin dagli anni 70 e quindi molto più esperte di quelle di tanti paesi europei che sono stati presi di sorpresa dall’ondata di attacchi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori