MATTARELLA/ Al Meeting: investire su giovani, istruzione e lavoro per non rinunciare al futuro

- La Redazione

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che lo scorso anno prese parte al Meeting di Rimini, ha inviato un messaggio di saluto ai partecipanti e agli organizzatori

Pubblicità

Nella giornata inaugurale del Meeting 2017 desidero rivolgere a loro e a tutti quelli che parteciperanno agli eventi di Rimini il mio saluto più caloroso e, insieme, l’auspicio che l’incontro produca buoni frutti, aiutando così l’intera società a rafforzare la propria coesione nello spirito dei valori propri alla nostra costituzione.

Il tema scelto per quest’anno — “quello che tu erediti dai tuoi padri, riguadagnatelo, per possederlo” — richiama le responsabilità nel passaggio generazionale. Responsabilità degli adulti, che non possono consumare in sovrappiù beni e opportunità sottraendoli ai propri figli. Responsabilità anche dei giovani, che sono chiamati a far proprie le storie e le cose per dare ad esse un futuro e divenire di questo protagonisti.

Abitiamo un mondo che oggi si è fatto più piccolo, e procede a velocità sempre più sostenuta. La globalizzazione da un lato, e lo sviluppo delle tecnologie dall’altro, mettono in discussione l’autonomia stessa della persona. L’idea di libertà, il senso di comunità, l’ambizione di fare storia, richiedono di essere continuamente riformulati, vissuti nel presente.

Pubblicità

I giovani possono e devono diventare artefici di questa trasformazione epocale. La crisi demografica appesantisce la nostra società e favorisce la tendenza a guardare a orizzonti limitati, dimenticando di preparare il domani. Compito delle forze vive lungimiranti è di tenere sempre viva l’attenzione sulle conseguenze delle scelte di oggi e di contrastare il campo corto di chi rinuncia ad alzare lo sguardo e progettare il futuro.

La consapevole responsabilità verso chi viene dopo di noi è come la solidarietà verso chi è più in difficoltà: senza queste spinte vitali non esiste continuità nella vita di una comunità, e le stesse capacità di sviluppo di una società vengono significativamente indebolite.

Pubblicità

La politica, le istituzioni, i soggetti economici, i corpi sociali, hanno tutti un peso nel determinare gli esiti dei cambiamenti in atto. Complessità e interdipendenza non sono alibi per un disimpegno. L’attenzione verso i giovani deve tradursi in occasioni concrete e innovazioni, che aprano le porte a una mobilità sociale vera e a una piena cittadinanza, a partire dal diritto al lavoro e alla istruzione, che sta alle radici della libertà delle persone e della società. Così, investendo sul futuro, una collettività ritrova fiducia e raddoppia la propria forza.

Sergio Mattarella

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori