RAPINA AL TWIGA DI BRIATORE E SANTANCHÉ/ Versilia, assalto all’orario di chiusura: bottino di 20mila euro

- Silvana Palazzo

Rapina al Twiga di Briatore e Santanché: assalto in Versilia all’orario di chiusura. Bottino di 20mila euro per due malviventi, cioè l’incasso della serata. Le ultime notizie 

flavio_briatore_porta_vespa_lapresse_2017
Flavio Briatore (LaPresse)
Pubblicità

Il Twiga beach club, celebre locale di Flavio Briatore e Daniela Santanché, è stato preso d’assalto da due malviventi. È stato rapinato all’alba di oggi, domenica 20 agosto: i due assalitori hanno infatti rubato l’incasso della serata, circa ventimila euro. Stando alle prime ricostruzioni della polizia, la rapina è stata messa a segno alle 6.30 circa del mattino, quando il locale di Marina di Pietrasanta stava chiudendo. I dipendenti stavano effettuando le pulizie e mettendo in ordine all’interno del locale che offre musica e intrattenimento fino a tarda notte. Due uomini hanno approfittato del momento per introdursi all’interno del Twiga, attraverso una porta sulla spiaggia, quindi hanno raggiunto gli uffici, individuando quello dell’amministrazione, dove c’era la cassa. Uno di loro, con il viso coperto da un paio di occhiali da sole, avrebbe minacciato in italiano e con una pistola in pugno un dipendente del locale che stava contando proprio in quel momento l’incasso della serata. Gliel’avrebbe puntata alla testa, intimandogli di consegnare il denaro.

Pubblicità

RAPINA A MANO ARMATA AL TWIGA: RUBATO L’INCASSO

LE INDAGINI

La rapina al Twiga beach club di Flavio Briatore e Daniela Santanché è durata pochi minuti. Poi i due malviventi sono usciti di corsa dal noto locale della Versilia e si sono allontanati insieme ad un complice su un’auto parcheggiata su lungomare. Gli impiegati hanno lanciato l’allarme, quindi sono intervenuti gli agenti del commissariato di polizia di Forte dei Marmi che hanno subito avviato le indagini. Le immagini delle telecamere di videosorveglianza del Twiga potrebbero rivelarsi molto utili per individuare i responsabili della rapina a mano armata. Non è da escludere che ci sia stato un terzo bandito, ma i dipendenti hanno spiegato di averne visti soltanto due.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori