ISIS, BIMBO DI 10 ANNI MINACCIA USA/ Video choc: “La battaglia finirà nelle vostre terre”

- Silvana Palazzo

Isis, bimbo di 10 anni minaccia gli Stati Uniti con un video choc: “La battaglia finirà nelle vostre terre”. Circolano una foto di un jihadista a New York e le minacce alle chiese europee

isis_bambino_usa
Isis, bimbo di 10 anni minaccia gli Stati Uniti

Un bambino americano di 10 anni minaccia gli Stati Uniti: «La battaglia finirà nel vostro territorio», dice rivolgendosi al presidente Donald Trump a nome dell’Isis. Lo rivela Site, spiegando che il piccolo è figlio di un soldato che ha combattuto in Iraq ed è poi immigrato con la madre. L’Isis è pronto a colpire ancora, ma l’ultima minaccia è ancor più agghiacciante delle precedenti, perché arriva dalla bocca di un bambino occidentale. Il video è stato diffuso dallo Stato Islamico e a darne notizia è il gruppo americano che monitora le attività online dei jihadisti. Site, che ha anche pubblicato alcuni fermi immagine del filmato in questione, ha mostrato anche un’immagine pubblicata su un canale Telegram vicino all’Isis in cui un individuo mostra la bandiera dello Stato Islamico sul suo iPhone in una strada di New York avvisando i “nemici”: «Siamo nelle vostre terre».

USA, LA MINACCIA È IN “CASA”: ISIS RECLUTA AMERICANI

In effetti nelle ultime ore era cresciuto all’interno dei servizi di intelligence il timore che l’Isis stia pianificando un attentato nelle chiese europee. Nell’ultimo numero del magazine Rumiyah è comparsa, infatti, una foto della cattedrale di Dresda. Del resto il piano originale della cellula spagnola che ha colpito a Barcellona era di colpire la Sagrada Familia. Il capo della polizia di Dresda ha confermato di aver ricevuto il dossier sulla minaccia Isis, che però è molto articolata. Lo dimostrano le varie minacce: nel mirino la Germania, gli Stati Uniti e l’Italia. Recentemente Al Hayat Media Center, uno degli organi di propaganda dell’Isis, ha lanciato dalle Filippine minacce al Vaticano e a Roma



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori