PISTORIUS HA AVUTO UN ATTACCO CARDIACO?/ In ospedale per dolori al petto, poi dimesso: è tornato in carcere

- Silvana Palazzo

Pistorius ha avuto un attacco cardiaco? In ospedale per dolori al petto, l’ex campione paralimpico è stato dimesso oggi ed è tornato in carcere. Le ultime notizie sull’ex atleta

oscar_pistorius_wikipedia
Oscar Pistorius (Foto: da Wikipedia)

Oscar Pistorius è stato portato ieri in ospedale a causa di dolori al petto. L’ex campione paralimpico, condannato a sei anni di carcere per l’omicidio della fidanzata Reeva Steenkamp, è stato trasportato in ambulanza all’ospedale Kalafong di Pretoria, dove è stato ricoverato per accertamenti. L’ex atleta sudafricano ha avvertito forti dolori al torace mentre si trovava nella sua cella nel carcere di Atteridgeville, quindi è stato sottoposto a delle analisi per capire se è stato vittima di un attacco cardiaco. Logan Maistry, portavoce del dipartimento correzionale dove Oscar Pistorius sta scontando la pena, non ha fornito ulteriori dettagli, in virtù della legge sulla privacy. Non è la prima volta che l’ex campione paralimpico ricorre alle cure ospedaliere: l’anno scorso fu soccorso per alcuni tagli ai polsi, che si era procurato secondo le autorità penitenziarie cadendo in cella. A quanto pare, non si sarebbe trattato di un problema grave per Oscar Pistorius, visto che dopo aver trascorso la notte sotto osservazione è stato dimesso. Poco fa è infatti stato annunciato il suo ritorno in carcere.

OSCAR PISTORIUS RICOVERATO IN OSPEDALE E POI DIMESSO

IN CARCERE PER L’OMICIDIO DI REEVA STEENKAMP

Il 30enne è in carcere per l’omicidio della fidanzata: il 14 febbraio 2013 fu uccisa a colpi d’arma da fuoco nella sua casa di Pretoria. L’ex atleta ha sempre dichiarato di aver agito così perché l’aveva scambiata per un intruso nella sua abitazione, per questo nel 2014 venne condannato a cinque anni di prigione. Secondo il Tribunale superiore di Pretoria non voleva uccidere la donna. La Corte suprema d’appello annullò la condanna nel 2015, dichiarandolo colpevole di omicidio volontario. Il Tribunale superiore di Pretoria lo ha poi condannato a sei anni di detenzione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori