Suora Detective/ Suor paola a caccia di prove per fare nuovi Santi: i casi di Antonietta e dei coniugi Gheddo

- Fabio Belli

Suor Paola, detective a caccia di Santi. Nel Monferrato l’archivista dell’ordine di Maria Ausiliatrice cerca le tracce di santità di personaggi del passato racchiusi tra libri, dischi e foto

suora_preghiera_pixabay_01
Immagine dal web

Una suora detective in grado di indagare fra le tracce degli archivi piemontesi per scoprire le prove dell’attività dei Santi. Accade a Nizza Monferrato e la particolarissima Suora è Suor Paola Cuccioli, che lavora nell’archivio di Maria Ausiliatrice. Da quattro anni, è stato trasferito nel Monferrato l’archivio delle nove ispettorie piemontesi. La vastità dell’archivio impressionante, con 110 metri tutti da percorrere dall’inizio alla fine con faldoni e testi, spartiti musicali, anche materiale audio con oltre 1000 cassette e dischi. Qualcosa che può essere scandagliato scoprendo un enormità di materiale, compreso anche il primo computer in assoluto appartenuto a delle suore. Suor Paola Cuccioli ha compreso come attraverso questo sconfinato tesoro culturale, possa ricostruire una vera parte di storia e non solo limitarsi al lavoro da archivista. E soprattutto, va a caccia di santità, alla scoperta di atti che possono dimostrare come dei Santi abbiano operato all’interno dell’ordine di Maria Ausiliatrice.

SUOR PAOLA, SUORA DETECTIVE A CACCIA DI SANTI

LE RICERCHE NEL MONFERRATO NELL’ARCHIVIO DI MARIA AUSILIATRICE

Suor Paola afferma candidamente di lavorare per passione e di non ritenere che spetti a lei dare vita ai processi di beatificazione. Ma il materiale da lei riscoperto merita approfondimenti: come la storia di Antonietta Bohm, missionaria negli anni Trenta, che ha lavorato in Sud America e in Messico portando la parola di Dio e per la quale Suor Paola è convinta di aver trovato le prove della sua santità. Suor Antonietta ha vissuto 101 anni, morendo nel 2008, ed è stata trovata la registrazione in cui si parla di una grazia che ha salvato un uomo ormai condannato a morte, che Suor Paola ha mandato in Messico come testimonianza della Santità di Suor Antonietta. Ma Suor Paola ha incontrato sulla sua strada anche la storia dei coniugi Gheddo, a suo parere due veri santi laici, vercellesi, capaci di vivere la loro vita insieme (breve, visto che lei morì giovane di polmonite) costantemente al servizio dei poveri. E le ricerche di Suor Paola vanno avanti: chissà che grazie a lei, qualche nuovo Santo non venga ufficializzato.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori