Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora: Tennis, Sara Errani positiva all’antidoping? Indiscrezione choc (7 agosto)

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: sparatoria in una chiesa in Nigeria. Sollevazione militare in Venezuela. Italia divisa in due dalle condizioni meteorologiche. (7 agosto 2017). 

nigeria_attentato_chiesa_donne_islam_polizia_terrorismo_cristiani_lapresse_2017
Nigeria, foto La Presse

SARA ERRANI POSITIVA A CONTROLLO ANTIDOPING

Se confermate, l’indiscrezione diffusa oggi dal Corriere della Sera rappresenterebbe una vera e propria bomba: la campionessa azzurra di tennis, Sara Errani, sarebbe risultata positiva ad un test antidoping risalente ai primi mesi del 2017. Nelle urine della tennista sarebbero state trovate tracce di Arimidex, un principio attivo farmacologico rientrante nella categoria degli “stimolatori ormonali e metabolici”, ovvero degli stimolatori anabolizzanti, normalmente utilizzato per i carcinomi al seno. In assenza di prescrizione medica è considerato doping. Al fianco della Errani, chiamata ora a difendersi dalle pesanti accuse, si è prontamente schierata la Federtennis. Stando ai primi rumors, i risultati dei test parlerebbero di una possibile contaminazione da integratori e uno squilibrio metabolico, ma sarà la campionessa azzurra a chiarire tutti i dettagli attraverso un’attesa conferenza o un comunicato ufficiale. Sono 15 ad oggi i precedenti nel mondo di positività ed in tutti i casi gli atleti sono sempre stati sanzionati, come accaduto all’italiano Niccolò Mornati alla vigilia di Rio 2016, al quale furono inflitti 4 anni di stop (poi divenuti 2 in Appello) dal Tribunale nazionale antidoping. Ora alla Errani l’arduo compito di dimostrare la sua totale estraneità. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

VOLONTARI DEI VIGILI APPICAVANO INCENDI A RAGUSA

E’ un’accusa gravissima quella contestata dalla Polizia di Stato di Ragusa a 15 uomini volontari dei vigili del fuoco, indagati per truffa e incendio. L’intera squadra di pompieri ausiliari, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa Ansa, avrebbe appiccato roghi e simulato richieste di soccorso al 115 per guadagnare 10 euro l’ora, ovvero il guadagno previsto per i volontari dei Vigili del fuoco. Il capo del gruppo sarebbe finito ai domiciliari mentre l’intera squadra è stata iscritta nel registro degli indagati. Secondo quanto emerso in fase di indagini, il capo del gruppo era solito assentarsi nel corso del suo turno come volontario, appoggiato dai suoi colleghi, per poi andare ad appiccare incendi, uscire con l’autobotte a spegnere le fiamme ottenendo così le indennità. A dare il via alle indagini della squadra mobile di Ragusa sarebbe stata una segnalazione da parte del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Ragusa che aveva sottolineato alcuni sospetti ed anomalie in merito al numero di interventi realizzati dalla squadra ora indagata rispetto alle altre. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

SPARATORIA IN UNA CHIESA IN NIGERIA

Almeno 50 morti e più del doppio di feriti, questo il primo bilancio di una sanguinosa sparatoria in una chiesa cattolica nigeriana, chiesa che era molto affollata stante la celebrazione della messa. A sparare sui fedeli inermi un solo uomo, dalle prime ricostruzioni sembrerebbe che l’assalitore cercava un uomo ben specifico e dopo averlo ucciso, ha aperto il fuoco in maniera indiscriminata per potersi coprire la fuga. La polizia della città dove si è svolta la strage non ha rilasciato dichiarazioni, e nell’unico comunicato stampa ha sottolineato come il sacerdote che stava officiando il servizio religioso è “rimasto illeso”.

SOLLEVAZIONE MILITARE IN VENEZUELA

Dopo l’annuncio della creazione della nuova costituente oggi in Venezuela si è registrato una sollevazione dei militari contro Maduro. La sollevazione è stata resa nota tramite un video che in queste ore circola sui social, video nella quale appaiono una ventina di uomini armati, che tramite un piccolo discorso rendono nota l’intenzione di voler “ripristinare la legalità” nello stato centro americano. Nessuna dichiarazione è giunta dal presidente Maduro, ma un suo stretto collaboratore Diosdado Cabello ha evidenziato che la “situazione irregolare” sta tornando nei binari della “legalità”. Nei giorni scorsi molte polemiche internazionali avevano colpito il Venezuela, paese nel quale ormai sono acclarati i “brogli elettorali” che hanno portato alla nomina della nuova assemblea costituente.

ITALIA SPACCATA IN DUE DAL METEO

Continua l’afa al sud ma arrivano i primi devastanti temporali al nord, questa la situazione di questa prima domenica di agosto nel bel paese. Le regioni settentrionali sono state infatti colpite da furiosi temporali già da questa notte, temporali che hanno portato ingenti danni e un morto nella Marmolada. In Alta Val Pusteria soprattutto nella zona di Braies e Dobbiaco quelle che sono state vere e proprie tempeste d’acqua hanno bloccato la circolazione ferroviaria, con un regionale rimasto bloccato sulla strada ferrata per alcune ore. Alcune persone sono state salvate dai vigili del fuoco di Ferrara dopo che la loro abitazione è stata invasa dal fango. Al sud invece ancora temperature africane con massime vicine ai 40° in Sicilia, Puglia e Sardegna.

MOTOGP, MARQUEZ ALLUNGA

Una strategia perfetta e fortunata, questa la domenica motociclistica di Marq Marquez che lo ha confermato leader della classifica piloti nel moto mondiale. Partito malissimo a causa di una gomma totalmente azzardata scelta su pista bagnata, lo spagnolo ha anticipato il cambio moto e nonostante uscito ultimo si è avvantaggiato in maniera importante sugli avversari. A fare da contraltare alla perfetta strategia della Honda c’è stata la Yamaha di Valentino Rossi, che non è riuscito ad interpretare al meglio le condizioni della pista. Il pesarese uscito dai box quattordicesimo è stato autore di una pregevole rimonta che lo ha portato a ridosso del podio. Per la cronaca secondo è arrivato Pedrosa, terzo Vinales, tutti piloti che possono ancora mettere le mani sul titolo iridato, in quello che sembra uno dei mondiali più aperti dell’intera storia del motociclismo moderno.

NEYMAR E IL SUO ARRIVO AL PARCO DEI PRINCIPI

Neymar viene osannato al Parco dei principi con tutto il pubblico che osannava il nuovo acquisto del Paris Saint Germain, che fino a questo momento non può ancora esordire dal momento che la società precedentemente citata non ha ancora ricevuto i documenti necessari. 220 milioni di euro è costato Naymar, e viene accolto come un re che per potersi conquistare un posto nella capitale francese ha ignorato un po’ il farplay finanziario. Naturalmente, data la cifra spesa per l’ex giocatore del Barcellona, il PSG dovrà rinunciare a qualche atleta della rosa, in modo da poter recuperare il denaro speso (passaggio obbligatorio da effettuare necessariamente entro la fine del calcio mercato estivo, in modo da evitare le sanzioni che la Uefa ha già promesso al PSG in caso non dovesse ottemperare alle richieste ricevute).

MILANESI ALLA RIBALTA

La squadra dell’Inter sembra che durante questa stagione estiva, e nello specifico in Agosto, sembra che stia guadagnando notevoli successi. La rosa di campioni allenata da Spalletti è attesa a Milano per disputare un match contro una squadra brasiliana. Il calciomercato della squadra milanista punta a conquistare nuovi giocatori per poter rinnovare l’organico, senza chiudere al passato e al ritorno di qualche vecchia gloria. I dirigenti che gestiscono la fase estiva del calcio mercato non alludono a nessun giocatore del passato, e qualsiasi decisione verrà presa dopo ferragosto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori