ESPLOSIONE METRO LONDRA/ Video, Tower Hill: stazione evacuata dopo scoppio in un vagone (ultime notizie)

- Niccolò Magnani

Esplosione metro a Londra, stazione Tower Hill evacuata per rischio attentato: video e ultime notizie, si tratta di un falso allarme. È esploso un caricabatterie, fiamme in un vagone

esplosione_londra_metro_tower_hill_fiamme_twitter_2017
Esplosione in metro a Londra (Twitter)

Torna la paura a Londra con un’esplosone avvenuta nella metro di Londra, ancora una volta a poche settimane dall’attentato di Parson Green: questa volta però, i dubbi su un possibile attacco terroristico sorgono ancora di più dato le ultime notizie che filtrano dalla stessa polizia londinese. Prima i fatti: attorno alle 13.45 ore italiane, la stazione metropolitana di Tower Hill è stata evacuata per una esplosione avvertita all’interno di un vagone. Ci sono 5 feriti e in poco tempo il timore per un nuovo attentato ha preso piede tra i vari passeggeri scappati lontano dalle fiamme sprigionate all’interno del convoglio e che hanno colpito le persone vicino al punto d’origine dello scoppio. Secondo però i primi testimoni raccolti dopo l’evacuazione, pare che ad esplodere sia stato un caricabatterie in un borsa: subito dopo l’esplosione, ci sono state delle fiammate che provenivano proprio dalla borsa e si è pensato subito ad un altro attacco terroristico dopo Parsons Green.

ATTENTATO O SCOPPIO ACCIDENTALE?

L’Inghilterra è sotto choc da mesi ormai per i continui attacchi terroristici e attentati sia a Londra che a Manchester, e per questo motivi i livelli di sicurezza anti-terrorismo sono più alti che mai. Va dunque spiegato in questi termini l’azione avvenuta poco fa a Tower Hills: un caricabatterie, probabilmente difettoso, è esploso all’interno di una borsa e ha immediatamente riportato alla mente l’attentato di pochi giorni fa sempre in un vagone della metro londinese, ma a Parsons Green. Passeggeri terrorizzati sono scappati e la stazione è stata evacuato: nella ressa alcune persone sono rimaste contuse. Sui social sono circolate le foto di un oggetto in fiamme, come quella che vedete qui sopra, ma si tratta a questo punto di un falso allarme e non di un attentato. L’Isis questa volta non c’entra anche, se per vedere gli effetti di questi anni di terrorismo “casuale”, i falsi allarmi e la psicosi da attentati sono purtroppo l’esatta conseguenza della logica del terrore in cui lo Stato Islamico è sì completo protagonista.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori