UCCIDE IL MARITO CON IL MATTARELLO/ Terranuova Bracciolini, lite in casa: la moglie confessa, la ricostruzione

- Dario D'Angelo

Uccide il marito con il mattarello: Terranuova Bracciolini, una donna di 58 anni ha commesso il delitto probabilmente al culmine di una lite. A ritrovare il corpo è stata la figlia

ascensore_carabinieri_sigilli_palazzina_lapresse_2017
Carabinieri (LaPresse)

L’intera comunità di Terranuova Bracciolini è sotto shock: nessuno pensava che la 58enne Clara Sannini sarebbe mai potuta arrivare ad uccidere il marito a colpi di mattarello. Come riportato da Il Corriere di Arezzo, la vittima, Enzo Canacci di 62 anni, era già stato presidente dell’Avis di Terranuova e in Valdarno era molto conosciuto. Da qualche tempo, però, era andato in pensione in seguito ad un ictus che lo aveva parecchio segnato nel fisico. Ed è stata probabilmente questa sua condizione precaria, che lo costringeva ormai ad avere continua assistenza, ad aver piagato il rapporto con la moglie, impiegata, che ieri al culmine di un litigio ha deciso di prendere il mattarello dalla cucina e di colpire alle spalle il marito. Il fatto che la testa dell’uomo sia stata fracassata è sintomo della particolare violenza con cui la donna ha colpito, decisa evidentemente ad uccidere e, chissà, a porre fine a quella condizione di infelicità che aveva investito il marito e lei di conseguenza.

IL TENTATO SUICIDIO

A trovare il corpo del padre riverso in una pozza di sangue tra il bagno e il corridoio è stata la figlia 25enne, di ritorno dalla festa del Perdono. La ragazza, come riportato da Il Corriere di Arezzo, ha immediatamente allertato i soccorsi, pensando ad una caduta. Subito si è recata in cerca della madre per casa, trovando la donna stesa sul divano. La 58enne, in quei frangenti era totalmente assente: aveva infatti assunto dei farmaci nel tentativo di togliersi la vita. Affidata ai sanitari, le sue condizioni non destano preoccupazione: Clara Sannini ha confessato l’omicidio del marito, ucciso con un colpo di mattarello alla testa, e adesso si trova in carcere ad Arezzo. Il corpo della vittima è stato composto nella notte all’obitorio in attesa dell’autopsia disposta dal pm Angela Masiello, intenzionata a capire se davvero un semplice bisticcio tra i due coniugi abbia potuto portare la donna ad una decisione tanto grave e irrimediabile. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori