PREPARARE I CRISTIANI ALLA PERSECUZIONE/ Corsi su come affrontarla: “Formazione biblica per aiutare a capirla”

- Emanuela Longo

Preparare i cristiani alla persecuzione: i corsi in Medio Oriente e in Africa del Nord per formare biblicamente e aiutare a comprendere le eventuali persecuzioni.

Bibbia_wikipedia
Immagine da Wikipedia

Come rispondono i Cristiani al timore di essere perseguitati? E quali sono le occasioni in cui ciò avviene? Queste domande sono state poste da Nathan (nome di fantasia), un uomo che ha fatto del suo lavoro una vera missione, come ha raccontato a Oper Doors. Nathan ha il compito di preparare i cristiani ad una eventuale persecuzione, rivolgendosi soprattutto ai leader cristiani in Medio Oriente e nell’Africa del Nord. A loro fornisce durante i suoi corsi consigli pratici su come affrontare le eventuali persecuzioni quando sarà il momento attraverso una formazione biblica. Durante i suoi corsi, capita di domandare quali siano i momenti in cui i timori dei cristiani di essere vittime di persecuzioni si concretizzino in modo evidente. Ciascuno di loro fornisce ogni volta risposte differenti: c’è chi si sente perseguitato quando, prendendo un autobus, il conducente mette un CD con i versetti del Corano al alto volume, chi invece ha paura di parlare pubblicamente contro gli insegnamenti di un imam. In Medio Oriente, Nathan è solito svolgere una formazione di tre giorni preparando i cristiani alla persecuzione. “Lo scopo è aiutarli a dare un senso alla loro persecuzione, offrendo una teologia della persecuzione. Così sanno come capirla, biblicamente e storicamente”.

GLI INSEGNAMENTI DELLA BIBBIA

In Medio Oriente in modo particolare, i cristiani sono vittime di molte pressioni. Nel corso del suo operato nel ruolo di formatore, Nathan ha potuto comprendere come molto dipenda dalla regione e dal background dei vari partecipanti ai suoi corsi. Ad accogliere in modo molto positivo e costruttivo i suoi insegnamenti e consigli, avviati sin dal 2014, sono stati non solo alcuni pastori evangelici ma anche preti ortodossi e cattolici. Questi ultimi inizialmente avrebbero reagito con cautela ma poi si sarebbero aperti alla formazione: “Ciò che mi ha colpito per i sacerdoti è quanto siano reali, nel senso che non spiritualizzano tutto, ma stanno cercando risposte reali e speranze reali”. Durante i corsi si cerca di fornire ai partecipanti le risposte alle loro domande scavando in ciò che la Bibbia ha da dire sulla persecuzione. A tal proposito un passo importante lo ritroviamo nel Vangelo di Matteo, dove Gesù prepara i suoi seguaci ad essere perseguitati, odiati, scomunicati e persino uccise per averlo seguito. Proprio la Bibbia ed i suoi insegnamenti ha rappresentato per molti partecipanti una grande sorpresa. Ad esempio, sempre in Matteo si legge che “I nemici di una persona saranno quelli della sua famiglia”. Per molti credenti con un background musulmano in Medio Oriente, ciò può rappresentare una realtà quotidiana. “Quando incontri persone che hanno problemi familiari, usa questo passaggio! Mostra loro che Dio conosce la loro situazione e ci prepara a ciò che può accadere”, spiega Nathan. Anche la fuga per la Bibbia rappresenta una opzione alla persecuzione.

“NESSUNO SPEGNERÀ LA TUA VOCE”

Secondo Nathan, quando Satana agisce attraverso la persecuzione cristiana, in qualunque contesto, lo fa togliendo la voce al popolo di Dio. “ma la voce della chiesa non sarà mai tolta”, spiega Nathan. “Potrebbero riuscire a ucciderti, ma in qualche modo Dio farà risuonare la tua voce nel tempo”, aggiunge. Un messaggio, questo, che il formatore vuole indirizzare non solo ai cristiani in Medio Oriente ma anche in occidente. “Una delle risposte dell’Occidente al terrorismo islamico è quella di diventare più intolleranti verso tutte le religioni tra cui il cristianesimo. Già in alcuni paesi europei puoi perdere il tuo lavoro se indossi una croce. E poi c’è l’enorme afflusso di immigrati provenienti dal Medio Oriente. Le cose stanno cambiando e la chiesa si prepara meglio per questo”, ha spiegato Nathan. La formazione biblica e la diffusione della Bibbia aiutano i credenti a cambiare le loro vite e ad imparare loro come resistere alle persecuzioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori