Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora: Tripoli, scontri all’aeroporto, undici morti (15 gennaio 2018)

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: affonda petroliera nel Mar della CIna. Caso di violenza giovanile a Napoli. Scandalo del latte in polvere. Esplosione Sesto San Giovanni (15 gennaio 2018)

xi_jinping_1_cina_lapresse_2016
Xi Jinping (Lapresse)

TRIPOLI SCONTRI ARMATI ALL’AEROPORTO

Scontri in atto all’aeroporto internazionale di Tripoli dove due milizie si stanno combattendo fra loro dopo il tentativo di assalto alla prigione che si trova all’interno dello scalo. Al momento i morir sarebbero 11 e i feriti una quarantina, non si sa se siano rimasti coinvolti anche passeggeri. Entrambe le milizie sarebbero legate al governo di Accordo nazionale libico, la milizia Zamrina di Bashir Al Buqra e le forze di deterrenza speciali – Rada – di Tripoli di Hathem al Tajouri. Il traffico aereo è stato interamente soppresso, tutti i voli diretti a Tripoli sono deviati su Misurata (Agg. Paolo Vites)

PAPA, GUERRA NUCLEARE PUO’ SCOPPIARE PRESTO

In viaggio verso il Cile per il suo nuovo viaggio apostolico, papa Francesco ha distribuito ai giornalisti presenti a bordo l’immaginata che aveva riprodotto su twitter a Natale, quella del bambino giapponese che porta sulle spalle il fratellino morto ucciso dalla bomba atomica in Giappone. Argomento, quello della guerra, che il papa non ha mai cessato di sottolineare, dichiarando che stiamo già vivendo una terza guerra mondiale a pezzi. Alla domanda di un giornalista ha detto oggi: : “Si, ho davvero paura. Siamo al limite. Basta un incidente per innescare la guerra. Di questo passo la situazione rischia di precipitare. Quindi bisogna distruggere le armi, adoperarci per il disarmo nucleare”. Dopo il Cile il papa si recherà in Perù. è il sesto viaggio che compie in America Latina senza essere mai andato nel suo paese natale, l’Argentina (Agg. Paolo Vites)

RYAN AIR, VIETATO IL TROLLEY A BORDO

Biglietti basso costo, ma il modo per recuperare si trova sempre. Ryan Airha reso note le nuove regole per i cosiddetti bagagli a mano: siccome quasi tutti i passeggeri stipavano le loro cose i trolley da tenere con sé per non pagare di più, d’ora in avanti non si potranno più portare a bordo, solo borse e zaini che rientrino nelle dimensioni 35x20x20 centimetri. Solo chi ha pagato di più con il biglietto “pacchetto premium” potrà portare con sé il trolley. Inoltre il piccolo bagaglio dovrà essere infilato sotto al sedile davanti al passeggero. Chi non eseguirà l’ordinanza pagherà una multa di 50 euro. (Agg. Paolo Vites)

BAGHDAD, ATTACCO ISIS, 26 MORTI

Quasi trenta le persone rimaste uccise in un duplice attacco kamikaze nella capitale dell’Iraq, Baghdad, accaduto stamane nella centrale piazza Tayran nell’ora di punta. Si tratta del secondo attacco suicida nel giro di un paio di giorni e sulle responsabilità sembra non ci siano dubbi: miliziani dell’Isis. Nonostante la sconfitta sul campo infatti i terroristi rimasti in circolazione sono molti e quella degli attentati kamikaze è oggi l’unica loro arma rimasta (Agg. Paolo Vites)

AFFONDA UNA PETROLIERA NEL MAR DELLA CINA

Affondata la petroliera iraniana che lo scorso 6 gennaio era entrata in collisione con un mercantile nel mar della Cina. La petroliera carica con quasi 150.000 tonnellate di greggio si è inabissata dopo una forte esplosione. Nessuna speranza per i 29 marinai, tutti di nazionalità iraniana, imbarcati e inizialmente dati per dispersi, essi sono stati dichiarati ufficialmente morti anche dal ministro della marina mercantile iraniano. Nella zona di mare si nota dalle riprese aeree una piccola chiazza di greggio, le autorità cinesi sono sicuri però che nessun pericolo di disastro ambientale è possibile. La Sanchi era lunga oltre 250 metri e si era scontrata in dinamiche poco chiare con il mercantile CF Crystal battente bandiera di Honk Kong.

NUOVO CASO DI VIOLENZA GIOVANILE A NAPOLI

Non accenna a placarsi la violenza tra adolescenti nel capoluogo Campano. Dopo il caso che ha portato al ferimento di un quindicenne pestato dal branco nella periferia sud della città, stanotte un nuovo grave episodio. Questa volta il teatro è stato Pomigliano d’Arco popoloso comune ubicato a una decina di chilometri da Napoli. Qui ieri nella tarda serata due quindicenni sono stati attorniato da una decina di coetanei tutti armati di catene e spranghe. Prima gli insulti, poi le botte e infine il furto di un telefono cellulare di ultima generazione. I due poveri ragazzi di cui non sono state rese note le generalità, sono stati medicati al locale nosocomio, per fortuna non versano in gravi condizioni.

SCANDALO LATTE IN POLVERE

Allarme per il latte in polvere della Lactalis, stante il ritrovamento in alcuni campioni del bacillo della salmonella. La situazione confermata dallo stesso amministratore delegato dell’azienda Emmanuel Besnier porterà al ritiro di oltre 12 milioni di confezioni distribuite dall’azienda in ottantatré nazioni sparse per il mondo. Lo scandalo esploso dopo le centinaia di denunce presentate da genitori di bambini malati, ha portato a trentacinque casi di malattia conclamata in Francia, e almeno uno in Spagna. Ingenti i danni per l’azienda che fino adesso al saldo di eventuali class action riporterà presumibilmente danni per almeno un centinaio di euro, sconosciute ancora le cause della contaminazione.

ESPLOSIONE A SESTO SAN GIOVANNI, SEI FERITI

Si è sfiorata la tragedia a Sesto San Giovanni stamattina all’alba, quando attorno alle cinque del mattina due appartamenti sono andati letteralmente distrutti. L’esplosione per una presumibile fuga di gas ha interessato una palazzina tra via Villoresi e via Oslavia e ha portato a sei feriti, cinque dei quali in un unico appartamento. Massiccio l’intervento dei vigili del fuoco che immediatamente hanno proceduto alle verifiche statiche dell’agibilità dell’edificio. Il sindaco di Sesto San Giovanni, Roberto Di Stefano, sta valutando in tale contesto se revocare l’agibilità anche in un edificio vicino, i residenti nel frattempo saranno trasferiti in una struttura ricettiva individuata allo scopo, e rimarranno fuori di casa per un periodo minimo di un mese.

MONTELLA ANCORA KO

Vincenzo Montella va ancora ko e rischia l’esonero col Siviglia. La sconfitta per 1-0 di ieri contro l’Alaves per 1-0 infatti è la seconda su due partite disputate da quando è arrivato alla squadra spagnola. Il tecnico è arrivato comunque a margine di una stagione complessa dove Berizzo aveva messo in crisi l’identità della squadra l’anno scorso guidata da Sampaoli. Per Montella è arrivato il momento di provare il riscatto perché il Siviglia rischia di scivolare fuori dalla zona europea arrancata all’ultimo posto che vale i playoff di Europa League. Il club ha collezionato tra Berizzo e Montella appena un punto nelle ultime cinque partite giocate nella Liga spagnola.

NEL WEEKEND TORNA LA SERIE A

Una settimana di riposo, ma già da oggi si torna al lavoro perché nel weekend torna la Serie A. Non ci saranno però anticipi sabato, con il Napoli che aprirà la giornata in un complicatissimo match alle 12.30 allo Stadio Atleti Azzurri d’Italia contro l’Atalanta. Poco tempo fa proprio la Dea ha eliminato il Napoli dalla Coppa Italia andando a vincere 2-1 allo Stadio San Paolo. Alle 15.00 sono diverse le sfide interessanti su tutte la Lazio che ospita il Chievo Verona. Sono due i posticipi che si giocano domenica, infatti alle 18.00 il Milan va a Cagliari e alle 20.45 a San Siro si gioca il big match di giornata Inter-Roma. Si chiude con il monday night Juventus-Genoa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori