Bimbo di 5 anni morto per sepsi batterica/ La Spezia, sospetta meningite: esame del liquor in corso

- Silvana Palazzo

La Spezia, bimbo di 5 anni morto per sepsi batterica. Sospetta meningite: esame del liquor in corso. Le ultime notizie e gli aggiornamenti sul decesso del piccolo

chirurgia_ospedale_pixabay
Ospedale (Foto: Pixabay)

Un bimbo di cinque anni è morto per meningite all’ospedale Sant’Andrea di La Spezia. A provocare l’infezione sarebbe stato un ascesso, ma l’ipotesi è ancora da confermare. Il piccolo comunque è deceduto poco dopo le sei di mattina. Stando a quanto riportato dal Secolo XIX, il bambino era arrivato in ospedale già in condizioni molto gravi. I genitori avevano chiamato i soccorsi dopo che nella notte il figlio si era aggravato. Si erano rivolti quindi alla Guardia Medica, poi hanno chiamato l’ambulanza. Il bambino aveva la febbre molto alta e difficoltà respiratorie, quindi è stato ricoverato subito per sospetta meningite. Però non ha avuto scampo. In queste ore sono ancora in corso gli accertamenti di rito, ma si ipotizza che la meningite possa essere di origine meningococcica. Se gli esami confermassero questa ipotesi, dovrebbe essere pianificata la profilassi ad ampio spettro, a partire dalla famiglia e da chi è stato a contatto con il bimbo.

BIMBO MORTO PER SEPSI BATTERICA: IPOTESI MENINGITE

Stando al comunicato diffuso dall’Asl, il bambino di cinque anni è stato ricoverato in Rianimazione, ma nel giro di poco tempo si è ulteriormente aggravato e le condizioni di salute sono precipitate fino al drammatico epilogo. I medici che hanno subito effettuato i primi esami hanno ipotizzato subito una sepsi batterica, cioè un’infezione di tipo batterico, e tra le ipotesi al vaglio c’è anche quella che possa trattarsi di meningite da meningiococco. Si attendono però i risultati degli esami per avere certezze sulle cause del decesso. Intanto sono state avviate tutte le misure previste per i casi di questo tipo. Lo specifica il comunicato dell’Asl, che forse parla di «sepsi batterica» come causa di morte per non creare allarmismo. La situazione è al vaglio dei medici, che poi comunicheranno l’esito delle indagini cliniche. È in corso infatti l’esame del liquor.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori