Donna fatta a pezzi/ Verona, ultime notizie: l’incubo del serial killer

- Niccolò Magnani

Donna fatta a pezzi con una sega elettrica: identificata la vittima, ultime notizie. Verona, il giallo della 46enne marocchina trucidata in campagna, si cerca l’ex marito

donna_pezzi_verona_parco_campagna_carabinieri_omicidio_twitter_2018
Brescia, uomo sequestrato e nascosto a Gavardo

Il ritrovamento della donna nordafricana di 46 anni uccisa e fatta a pezzi, i cui resti sono stati ritrovati nella località di Gardoni a Valleggio sul Mincio, la popolazione del posto teme che ad aver commesso l’omicidio sia stato in realtà un serial killer. Come riportato da Il Corriere della Sera, infatti, a destare qualche sospetto è stata la macabra messa in scena architettata al momento di separarsi dei resti della donna. Sembra infatti che le parti del corpo siano state disposte in semicerchio, in un raggio di circa 4 metri: la testa era intatta e non mancava alcuna parte del corpo. La mente, per la gente di quei luoghi, corre inevitabilmente a Gianfranco Stevanin, il serial killer di Terrazzo che seppelliva le sue vittime nei campi. La vicinanza alla base militare abbandonata, diventata la tana di diversi cinghiali, potrebbe essere però il segnale che più che terrorizzare le persone del posto, l’omicida volesse semplicemente rendere più semplice per gli animali disfarsi del cadavere. (agg. di Dario D’Angelo)

IL RITROVAMENTO

Mentre proseguono le indagini e ricerche sull’ex marito della 46enne marocchina, emergono nuovi dettagli sull’omicidio: in particolare, la donna sarebbe stata uccisa in un altro luogo e poi trasportata nelle campagne di Gardoni Valeggio sul Mincio. Ancora non è chiaro però dove sia stata fatta a pezzi con la sega elettrica, se sul luogo del ritrovamento o su quello ancora sconosciuti del sadico omicidio. Non solo, la morte della donna 46enne sarebbe da attribuirsi circa 24-48 ore prima del ritrovamento e non sarebbe residente a Valeggio bensì nella periferia di Verona; «la donna, con indosso solo biancheria intima, sarebbe stata uccisa e fatta a pezzi in un’altra località, probabilmente sempre nel veronese, e scaricato nella frazione di Gardoni in un’area notoriamente poco frequentata», ha spiegato stamani il sito online de La Repubblica. 

IDENTIFICATA LA VITTIMA

È stata identificata la donna trucidata, uccisa e fatta a pezzi con una sega elettrica a motore nella provincia di Verona, precisamente a Valeggio sul Mincio: si tratta di una marocchina di 46 anni con regolare permesso di soggiorno in Italia e residente nella zona vicino a Verona. Come riporta l’Ansa – che non diffonde ancora il nome per motivi di indagini – viveva svolgendo lavori saltuari da ormai oltre 20 anni quando era arrivata nel nostro Paese: era principalmente badante e addetta alle pulizie e da tempo era anche separata dal marito. «All’identificazione i carabinieri sono giunti grazie agli indizi delle ricognizioni medico legali»: sono stati circa 10 i pezzi ritrovati della povera donna in piena campagna, sparsi dall’assassino che poco prima con l’uso di una sega a motore si era sbarazzato di quella povera vita funestata da una fine orrenda e che nessuno al mondo meriterebbe.

SI CERCA L’EX MARITO

Secondo le fonti del Corriere del Veneto, i carabinieri di Villafranca hanno identificato la donna uccisa e fatta a pezzi: a Valleggio sul Mincio lo choc è ancora moltissimo dopo il ritrovamento del corpo in parti e con l’incubo di un killer ancora in circolazione. Si cerca l’ex marito, primo indiziato per l’orrendo omicidio, anche se gli investigatori non hanno molti elementi ancora in mano per poter comprendere cosa davvero sia successo negli scorsi giorni nelle varie campagne del Veronese. Gli inquirenti stanno passando al setaccio le ultime frequentazioni della donna e anche quelle “storiche”, partendo dalle persone che le stavano più vicine, con la speranza di arrivare al killer. «E’ probabile che l’omicida conoscesse molto bene la zona e che abbia sparpagliato i resti proprio lì nella speranza che venissero divorati dai cinghiali», spiega l’Arena, edizione di Verona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori