Girolamo Perrone/ La sorella del 24enne fatto investire e uccidere dalla suocera: “Non sapevamo delle nozze”

- Silvana Palazzo

Girolamo Perrone, fatto investire e uccidere dalla suocera. La sorella del 24enne rivela: “Non sapevamo delle nozze”. I primi sospetti sono sorti ai funerali. Le ultime notizie

girolamo_perrone_mattino5
Girolamo Perrone, fatto investire e uccidere dalla suocera

Un incidente stradale pianificato per ucciderlo e lucrare sulla sua polizza assicurativa: il caso di Girolamo Perrone continua a far discutere. La suocera Anna Masciopinto è finita in manette: i carabinieri l’hanno arrestata insieme ad altre due persone, il fratellastro Vito D’Addabbo e il pregiudicato Rocco Michele Caringella. Tutti e tre avrebbero diviso il risarcimento della compagnia di assicurazione che sarebbe spettato alla moglie della vittima, rimasta vedova il giorno dopo le nozze, nell’ottobre 2016. La sorella del 24enne è intervenuta a Mattino Cinque scagliandosi contro la suocera del fratello e i suoi complici: «Devono marcire dentro, non c’è perdono, non c’è niente. Butterei proprio la chiave se è quello che hanno fatto, non si può perdonare». Poi ha insinuato un eventuale coinvolgimento della cognata: «Una ragazza si sposa dall’oggi al domani? Anche se non è indagata, lei sa. Sono sparite durante il funerale, non erano neppure al cimitero quando l’abbiamo seppellito». I primi sospetti sono sorti quando è emerso il nome di chi ha investito il fratello: «Abbiamo chiesto a loro se conoscevano Vito D’Addabbo, la mamma diceva di non conoscere nessuno. Come fai a dirlo, se è tuo fratello?».

24ENNE FATTO INVESTIRE E UCCIDERE DALLA SUOCERA: PARLA LA SORELLA

Girolamo Perrone è la vittima di un piano diabolico pianificato dalla suocera: questo è quanto finora emerso dalle indagini sulla sua morte, avvenuta nell’ottobre 2016, il giorno dopo le nozze con la figlia di Anna Masciopinto. «Mio fratello era molto ingenuo, si può dire che era un bambino», ha spiegato la sorella del 24enne a Mattino 5. Ma ha fornito la sua testimonianza anche a Storie Italiane, spiegando che la famiglia non era a conoscenza delle nozze: «Non c’era stato detto nulla del matrimonio, non sapevamo niente». Inoltre, Angela Perrone ha spiegato che non poteva aver raggiunto da solo il luogo dove è stato investito: «Sicuramente lo hanno portato lì, perché non aveva mezzi. Lui viveva a 28 chilometri dalla località dove è stato investito. Abbiamo saputo il 6 ottobre che era in coma. La suocera mi disse che era stato investito. Ora vogliamo giustizia». Storie Italiane ha provato a contattare la giovane moglie di Girolamo Perrone, che ha 18 anni, ma ha fatto sapere di voler restare in silenzio. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori