Terremoto oggi/ INGV ultime scosse: Sicilia, sisma M 2.6 a Catania (ore 13.29, 22 gennaio 2018)

- Emanuela Longo

Terremoto oggi, 22 gennaio 2018: una scossa di magnitudo 2.2 sulla scala Richter si è verificata nella provincia di Fermo; scossa di M 2.3 a Rieti (dati INGV in tempo reale)

terremoto_09_pixabay
Terremoto oggi nelle Marche

La terra torna a tremare in Sicilia dove oggi, poco prima delle 13:00 è stata avvertita una scossa di magnitudo 2.6 a 11 km a Nord di Ragalna, in provincia di Catania. Il nuovo evento sismico è stato registrato precisamente alle 12:53 dalla Sala Sismica INGV – OE di Catania ed ha avuto le seguenti coordinate geografiche: 37.73 di latitudine e 14.94 di longitudine, ad una profondità di 0 km. Il terremoto è stato localizzato a 24 km a Nord Ovest di Acireale, a 28 km a Nord Ovest di Catania ed a 75 lm a Sud Ovest di Messina, coinvolgendo i seguenti Comuni prossimi all’epicentro: Ragalna (CT), Biancavilla (CT), Bronte (CT), Adrano (CT), Santa Maria di Licodia (CT), Maletto (CT), Nicolosi (CT), Zafferana Etnea (CT), Belpasso (CT), Milo (CT), Pedara (CT), Paternò (CT), Randazzo (CT), Trecastagni (CT), Santa Venerina (CT), Sant’Alfio (CT), Camporotondo Etneo (CT), San Pietro Clarenza (CT), Viagrande (CT), Maniace (CT) e Mascalucia (CT). L’ultimo sisma nella medesima zona era stato registrato all’alba di ieri, precisamente a Mazzarrone ed aveva avuto magnitudo pari a 2.3. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

SISMA M 2.2 A MORESCO (FERMO)

L’ultimo terremoto oggi, lunedì 22 gennaio, è stato avvertito in piena notte, alle 3:57 a Moresco, piccolo centro di poco più di 500 anime in provincia di Fermo, nelle Marche. Il sisma, stando ai dati riferiti dalla Sala Sismica INGV di Roma, ha avuto magnitudo pari a 2.2 ed è stato localizzato nelle seguenti coordinate geografiche: 43.1 di latitudine e 13.74 di longitudine, ad una profondità di appena 10 km. Il nuovo evento sismico è stato localizzato a 49 km a Nord di Teramo, a 61 km a Sud Est di Ancona ed a 73 km a Nord Ovest di Montesilvano ed è stato avvertito in molti Comuni entro i 20 km dall’epicentro. Tante le località rientranti nella cosiddetta “zona rossa”, ovvero Monterubbiano (FM), Lapedona (FM), Altidona (FM), Montefiore dell’Aso (AP), Ponzano di Fermo (FM), Campofilone (FM), Massignano (AP), Fermo (FM), Petritoli (FM), Carassai (AP), Pedaso (FM), Monte Giberto (FM) e Monte Vidon Combatte (FM). Fortunatamente non sono stati riferiti danni a cose e/o a persone.

SISMA M 2.3 A CITTAREALE (RIETI)

Poco prima delle 3:00 della passata notte, precisamente alle 2:56, una nuova scossa di terremoto ha invece riguardato la provincia di Rieti, nel Lazio, e precisamente Cittareale, piccolo centro già ampliamente colpito dai forti eventi sismici dei mesi scorsi. La nuova scossa ha avuto magnitudo di 2.3 ed è stata individuata dagli esperti dell’INGV nelle seguenti coordinate geografiche: 42.58 di latitudine e 13.2 di longitudine, ad una profondità di 11 km. Il terremoto è stato localizzato a 30 km a Nord Ovest di L’Aquila, a 42 km a Ovest di Teramo ed a 46 km a Est di Terni. Ecco i Comuni prossimi all’epicentro e rientranti nella cosiddetta “zona rossa”: Cittareale (RI), Montereale (AQ), Amatrice (RI), Borbona (RI). Poco fuori si collocano i comuni di Capitignano (AQ), Posta (RI), Accumoli (RI), Cagnano Amiterno (AQ), Campotosto (AQ), Barete (AQ), Pizzoli (AQ), Micigliano (RI) e Leonessa (RI). Nella tarda serata di ieri, alle 22:50, un terremoto di magnitudo 2.0 era stato avvertito nella medesima zona, e precisamente a 5 km a Ovest di Accumoli ma anche in quel caso non erano stati segnalati danni degni di nota.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori