Metro B Roma, donna investita da treno/ Eur Fermi, è stata spinta: caccia all’uomo

- Niccolò Magnani

Roma, donna investita da un treno della Metro B alla stazione Eur Fermi: tentato suicidio, incidente fatale o spinta da qualcuno? Amputata una mano, è ricoverata con gravi ferite

metro_roma_sciopero_folla_stazione_lapresse_2018
Falso allarme bomba nella metro di Roma - LaPresse

E’ caccia all’uomo a Roma per riuscire a rintracciare il responsabile che ha spinto una donna di 47 anni, di origine peruviana, presso la stazione Eur Fermi della metropolitana linea B. La donna ha riportato gravissime lesioni nell’impatto contro il convoglio della metro, che l’ha investita facendola riportare l’amputazione di una mano oltre a diversi traumi. Le forze dell’ordine dopo aver visionato con attenzione il video che ritraeva l’incidente, stanno cercado di rintracciare in base alla descrizione a loro disposizione, anche se al momento non ci sono stati riscontri neppure in base alle testimonianze che sono state raccolte riguardo l’incidente. Inzialmente si era pensato ad un tentativo di suicidio, ma è stato chiaro dopo la visione del filmato che l’uomo ha deliberatamente spinto la signora peruviana, che ricoverata presso l’ospedale San Camillo sarà ascoltata dai poliziotti della squadra mobile non appena superato lo shock. (agg. di Fabio Belli)

UN VIDEO RITRAE L’UOMO CHE L’HA SPINTA

Non ha provato a suicidarsi, ma è stata spinta: prende forma questa inquietante ipotesi riguardo il caso della donna investita da un treno della metro alla stazione Eur Fermi a Roma. Una telecamera di sorveglianza avrebbe ripreso un uomo spingere la 47enne peruviana sui binari, poi si sarebbe allontanato tra la folla di passeggeri presenti in quel momento sulla banchina. Come riportato da Il Messaggero, qualcuno l’avrebbe indicato come responsabile, ma l’uomo è riuscito a scappare. Su questa vicenda stanno indagando gli agenti della squadra mobile di Roma. Va chiarito ad esempio se questo è il gesto di un folle o di una persona che conosceva la vittima, che è ancora ricoverata in gravi condizioni. La donna nell’investimento ha riportato l’amputazione di una mano e riportato diversi traumi. Intanto la linea della metro B nel tratto Magliana-Laurentina è rimasta chiusa dall’una fino a pochi minuti prima delle 16. (agg. di Silvana Palazzo)

IMPOSSIBILE RIATTACCARLE LA MANO AMPUTATA

Non è chiaro se intenzionalmente o nella calca, ma la donna di origine straniera finita sui binari della metropolitana della linea B, alla stazione Eur Fermi di Roma, potrebbe essere stata spinta. Sarebbe emerso questo dalle prime testimonianze raccolte sul posto dagli investigatori, quindi si esclude l’ipotesi di un tentativo di suicidio. Si stanno anche analizzando i filmati delle videocamere in queste ore. Per quanto riguarda la ripresa della circolazione dei treni, bisognerà attendere: il servizio della metropolitana è interrotto nella tratta tra Eur Magliana e Laurentina, ma è stato attivato un servizio con bus sostitutivi. Utilizzabili anche le linee 31, 771 e 780, che collegano appunto le due fermate. Stando a quanto riportato da La Repubblica, nonostante i tentativi dell’équipe chirurgica dell’ospedale San Camillo, non è stato possibile riattaccare la mano amputata a seguito dell’investimento. (agg. di Silvana Palazzo)

“FORSE È STATA SPINTA SUI BINARI”

Sono passate ormai tre ore dal gravissimo incidente avvenuto a Eur Fermi e per fortuna le condizioni della donna non sono peggiorate: non sono neanche migliorate purtroppo e per questo rimane ricoverata in urgenza con le gravi ferite e la mano amputata in seguito all’investimento del vagone della metro. Al momento la polizia pare escludere il tentativo volontario, dunque il suicidio, e in questo senso si apre invece la pista sempre più consistente della “spinta”. Resta da capire chi e perché possa aver fatto un gesto del genere: per capirlo si dovrà attendere la testimonianza delle persone presenti e le immagini della metro B all’interno della stazione Eur Fermi. Intanto la circolazione della linea da Eur Magliana fino a Laurentina è tornata regolare, con il recupero del ritardo accumulato e il ritiro delle navette sostitutive uscite per tamponare il disagio dell’incidente occorso sui binari della seconda linea metropolitana di Roma. 

INVESTITA SUI BINARI DELLA METRO B

Una donna è stata investita a Roma sui binari della Metro B alla stazione Eur-Fermi: è accaduto poco prima delle 13 e da quel momento la linea della seconda metro della Capitale è rimasto completamente paralizzato. Le dinamiche sono ancora sconosciute anche se il Commissariato ha acquisito le immagini delle telecamere sotterranee per capire cosa possa aver provocato l’improvvisa caduta della donna sui binari, dove poi è rimasta incastrata tra la banchina e il treno della metro in arrivo. Al momento le condizioni della donna sono gravi ma è comunque cosciente e si è salvata davvero per miracolo; secondo le prime informazioni date da Repubblica, le sarebbe stata amputata la mano all’ospedale San Camillo. Si valutano tutte le piste: il tentato suicidio, l’incidente fatale con scivolamento della donna ma anche, spiega il Messaggero, una possibile spinta di un altro passeggero. Secondo quanto riferito dalle autorità, la donna, che durante l’intervento dei soccorsi parlava, è stata estratta dai Vigili del Fuoco ed è cosciente anche se con ferite molto gravi.

TRAFFICO METRO BLOCCATO

«Interruzione metro B tratta Eur Magliana<->Laurentina/attivato servizio bus sostitutivi. Tra Eur Magliana ed Eur Fermi utilizzabili anche linee 31-771-780. Tra Eur Magliana e Laurentina utilizzabile anche linea 31»: questo si legge sul tweet dell’Atac che annuncia della temporanea interruzione della lunga tratta della Metro B proprio per permettere i soccorsi e per sistemare i convogli del tutto paralizzati dopo l’incidente. Sono state però attivate navette sostitutive. Utilizzabili anche le linee 31, 771 e 780, che collegano appunto le due fermate: un altro incidente gravissimo in Metro B dopo che solo qualche mese fa un’altra donna rimase incastrata nelle porte della metro e trascinata per metri rimanendo gravemente ferita prima che il macchinista potesse accorgersene.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori