SCIOPERO OGGI 30 GENNAIO 2018/ Telecom, Poste Italiane e Magistrati: chi partecipa (ultime notizie)

- Dario D'Angelo

Sciopero oggi, 30 gennaio 2018: mobilitazione nazionale per quanto riguarda i dipendenti di Telecom Italia e Poste. Anche i Magistrati protestano: i motivi della mobilitazione…

giudice_tribunale_pixabay
Pixabay
Pubblicità

Giornata di scioperi importanti a livello nazionale in questo martedì 30 gennaio 2018. Si parte dalla mobilitazione dei dipendenti di Telecom Italia che, come riporta il portale della Commissione di Garanzia Sciopero, riguarderà il personale 119 Full Time e Aoa-Tecnici On-Field e interesserà gli ultimi 120 minuti a fine turno oltre che il blocco delle prestazioni straordinarie e aggiuntive. Il restante personale incrocerà le braccia gli ultimi 90 minuti a fine turno. I dipendenti Telecom, fino al 2 di febbraio, non copriranno le prestazioni di lavoro supplementari, straordinarie, franchigie e reperibilità. Il tutto per vedere riconosciuti il loro diritto all’intervallo. Nel frattempo è stato cancellato lo sciopero dei dipendenti Rai previsto per oggi e domani sempre per il mancato rispetto della regola dell’intervallo. 

Pubblicità

POSTE E MAGISTRATI

Gli scioperi a livello nazionale più importanti della giornata di oggi, martedì 30 gennaio  oltre a quello di Telecom Italia riguardano il settore delle Poste e la magistratura. Per quanto concerne Poste Italiane, i dipendenti – in ragione del mancato rispetto della regola dell’intervallo – osserveranno uno sciopero del lavoro straordinario in ogni settore, prestazioni in flessibilità operativa ed aggiuntive nel settore recapito. A rappresentare le istanze dei dipendenti di Poste Italiane rispetto all’azienda è la sigla sindacale Cobas Pt-Cub-Usb. Ovviamente diverse le modalità di sciopero dei giudici di pace, rappresentati da Unione Nazionale Giudici di Pace e Associazione Nazionale Giudici di Pace, che in opposizione al Ministero di Giustizia fino al 4 del mese prossimo si asterranno dalle udienze. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori