AUGURI BEFANA 2018/ Epifania, immagini, frasi, video e Gif: le origini della festa

- Fabio Belli

Auguri Befana 2018: Epifania, le mete migliori per festeggiare. Come sfruttare al meglio il weekend del 6 gennaio: ecco le iniziative più interessanti in giro per l’Italia

Epifania_Befana2_jpg
Befana

L’abitudine di scambiarsi doni per l’Epifania affonda in realtà le radici nella tradizione dei Re Magi che portano i doni al Bambino Gesù. Nasce successivamente la tradizione della vecchina che sorvola i cieli lasciando nella calza doni e dolciumi per i bambini buoni e carbone per i bambini cattivi. La Befana viene scelta come figura femminile in grado di propiziare il raccolto, e per questo viene considerata di buon augurio per il resto dell’anno. C’è stato però un lungo periodo in cui l’Epifania viene messa da parte, soprattutto in epoca romana in cui i riti pagani erano stigmatizzati ed anche duramente perseguiti. Col tempo la tradizione è tornata in auge, e si è afficata l’iconografia della Befana, immaginata come una vecchia con i vestiti rattoppati sulla sua scopa voltante, un grosso naso aquilino e soprattutto un grosso sacco di regali, dolciumi e carbone da mettere nelle calze di tutti i bambini. (agg. di Fabio Belli)

A URBANIA LA FESTA NAZIONALE

Il paese della Befana è Urbania, nelle Marche, che anche quest’anno celebra la Festa nazionale giunta alla sua 21esima edizione. Qui è ufficialmente atteso, questa notte, l’atterraggio della Befana sulla sua scopa, ma come ricorda l’agenzia di stampa Ansa, saranno numerose le iniziative che verranno presentate nelle prossime ore. Si parte dalla presentazione della calza record, la più lunga del mondo, con i suoi ben 50 metri. Ci sarà poi la corsa ad ostacoli per la città tra befane e la visita alla nuova casa della Befana, compreso il suo Ufficio Postale. Sono circa trenta gli eventi tra musica, spettacoli, narrazione di favole, laboratori anche per i più piccoli e degustazioni di prodotti tipici del luogo. Sono tre le giornate che, fino a domenica, inonderanno di dolciumi e caramelle la cittadina di appena 7 mila anime, inaugurate dall’atterraggio con la sua scopa dalla torre campanare, per un volo di 36 metri, il tutto accompagnato dallo sfondo musicale di Befana Bande da una serie di giochi di luce. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

A REVERE LA FESTA CON L’INCENDIO ALLA TORRE

Una Befana 2018 “incandescente” quella di Revere, dove per l’Epifania si organizza il tradizione “Rogo della Vecia”. Nell’antica piazza Castello domani alle 18 si potrà assistere al tradizionale incendio della torre con un show di fuochi, luci e colori. A Porto Mantovano, invece, ci sarà il tradizionale “Buriel della Befana”: si svolgerà in località Malpensata 2, in fregio a strada Tezze. Il falò comincerà a bruciare alle 19, poi si potrà gustare vin brulé, the, cioccolato, ceci caldi e panini. Se le condizioni meteo saranno proibitive, verrà rinviato a domenica 7 gennaio. Appuntamento con il falò anche a Guidizzolo, dove si terrà il Buriel di Livio Bombana. Verrà acceso alle 18.30 in via Monaci Olivetani. Ed è previsto il rinfresco. In località Santa Maria di Castiglione delle Stiviere, in direzione Desenzano del Garda, verrà acceso il secondo grande falò alle 19.30. Prevista una ricca merenda a base di dolce e salto e vin brulé gratuito per i partecipanti. (agg. di Silvana Palazzo)

A NAPOLI UNA “VECCHINA” DA RECORD

Sta per arrivare l’ultima festa con la quale si chiuderanno definitivamente le vacanze natalizie. Caramelle e dolciumi vari saranno per i più piccoli una magra consolazione, in quanto segneranno il ritorno agli impegni di sempre, scuola compresa. Eppure, se vi trovate nei pressi di Napoli in occasione del primo week end di gennaio, potrete godervi gli ultimi festeggiamenti grazie al Napoli Christmas Festival, in scena dal 5 al 7 gennaio, durante il quale la celebre “vecchina” a cavallo di una scopa di legno, accoglierà grandi e piccini nel parco della Mostra d’Oltremare. Come anticipa NapoliToday, si preannuncia un tre giorni ricchissimi di appuntamenti, dove a dominare sarà una pioggia di caramelle che saranno regalate ai bimbi più buoni. Nel giorno della Befana, sabato 6 gennaio, il Festival sarà aperto per l’intera giornata, dalle 11 a mezzanotte. Di mattina, i bimbi potranno intrattenersi con le befanine e gli elfi, mentre nel pomeriggio i più grandi potranno gustarsi la partita del Napoli. Alle 16:00, poi, appuntamento con l’attesa Befana Parade dove sfileranno 5 befane/pupazzi in gommapiuma, alte 3 metri, segnando un vero e proprio record almeno ion altezza. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

PROVERBI E FILASTROCCHE

Sono tante le frasi per fare gli auguri della Befana, ma potreste puntare per il 2018 su proverbi e filastrocche. In occasione dell’Epifania non dovete sbizzarrirvi solo per preparare le dolci calze da regalare ai più piccoli, ma anche nella preparazione della cartolina di auguri. «Per la Pasqueta, Carnvèl a bacheta», si dice in Emilia Romagna (“Per l’Epifania Carnevale a tutto spiano”). «Sopra i tetti, pian pianino/ va la vecchia e, dal camino,/ poi si cala e giù rimbalza/ per riempire la tua calza/ di carbone o di dolcetti/ di arance e di giochetti./ Poi risale, se ne va/ e un altr’anno tornerà!», questo è invece il testo di una bella filastrocca. «Zitti, zitti bimbi buoni,/ presto, presto giù a dormire:/ la Befana è per venire/ col suo sacco pien di doni», è il testo di un’altra filastrocca da usare per gli auguri della Befana 2018. Ma la più celebre resta questa: «La Befana vien di notte/ con le scarpe tutte rotte/ con le toppe alla sottana:/ Viva, viva la Befana!». (agg. di Silvana Palazzo)

LE METE MIGLIORI PER FESTEGGIARE

Vi state preparando agli auguri della Befana? L’Epifania 2018 cade di sabato, ci sarà dunque la possibilità di vivere pienamente un weekend dedito alle celebrazioni per il 6 gennaio (anche se in molti avrebbero preferito un giovedì o un venerdì per riuscire a sfruttare il ponte). Due giorni in cui le iniziative in giro per l’Italia per festeggiare quello che di fatto sarà l’ultimo giorno delle festività natalizie, abbonderanno. Si possono dunque scegliere mete ad hoc per vivere al meglio l’atmosfera della Befana. Si parte dalla provincia di Pesaro e Urbino che viene considerata un po’ la capitale della Befana, visto che ogni anno ad Urbania va in scena la Festa Nazionale della Befana, con le strade addobbate e piene di allestimenti artistici, senza dimenticare la “Casa della Befana” dove si potrà incontrare la vecchina in carne ed ossa. A Comacchio, in una tradizionale meta per vacanze e weekend, andrà in scena una splendida festa delle luci, ma il piatto forte sarà la tradizionale “marcia delle Befane” denominata La Tamplà.

AUGURI BEFANA 2018, FESTE IN PIAZZA E PUPAZZI BRUCIATI 

A Verona l’evento per l’Epifania si chiama “Brusa la Vecia”, letteralmente “Brucia la Vecchia”, in cui un enorme pupazzo della Befana, fatto di stracci di stoffa e legna, verrà dato alle fiamme mantenendo un’antica tradizione popolare. Per gli amanti del cinema, nel parco a tema romano “Cinecittà World”, ci sarà l’anteprima del film di animazione “Leo da Vinci, Missione Monna Lisa”, un appuntamento che potrà fare senz’altro piacere ai più piccoli. A Montelepre, la Sagra della Sfincia è una vera e propria superclassica dell’epifania, una frittella fatta di acqua, farin, zucchero e miele che nella provincia di Palermo rappresenta il modo classico per salutare le feste. Da sud tornando a Nord, a Faenza la Befana chiude il classico palio citadino, il Niballo, festa che si chiude bruciando il guerriero Niballo in piazza e bevendo il tipico Vin Brulé di Faenza, il Bisò: per questo l’evento viene chiamato “Nott de Bisò”. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori