INCIDENTE STRADALE/ Ss106, Reggio Calabria: scende dalla macchina e viene travolta, muore 33enne

- Dario D'Angelo

Incidente stradale, 9 gennaio 2018: una donna di 33 anni è morta a Reggio Calabria, sulla ss106, dopo essere stata investita mentre scendeva dalla sua macchina. 

incidente_stradale_triangolo_pixabay_2017
Pesaro, esce e si imbatte nell'incidente mortale del figlio (Pixabay)

La ss106, conosciuta anche come la strada della morte, fa una nuova vittima. Come riportato da Stretto Web, una donna di 33 anni è morta in seguito ad un incidente avvenuto intorno alle 13 e 30 di ieri al km 38+100 in località Condofuri, in provincia di Reggio Calabria. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, pare che la donna fosse scesa dalla sua automobile, una Lancia Y, dopo essersi fermata sul lato destro della carreggiata quando è sopraggiunta un’altra vettura, pare una Peugeot, che l’ha centrata in pieno. A chiarire la dinamica dell’incidente che ha portato alla morte della 33enne, deceduta sul colpo a causa della violenza dell’impatto, sarà la sezione stradale della Polizia di Reggio Calabria sotto le direttive della dirigente la sezione Polstrada di Reggio Calabria dottoressa Milli Maria Grazia.

DOPPIO SCONTRO IN BRIANZA

Nella serata di ieri altri due incidenti stradali hanno avuto luogo in Brianza. Il primo, come riferisce giornaledilecco.it, ha avuto luogo poco dopo le 21 a Calco, lungo via Nazionale. Sono rimaste coinvolte due donne rispettivamente di 30 e 31 anni, che hanno ricevuto sul posto le cure dei volontari della Croce Rossa di Olgiate. Soltanto una delle due, però, è stata trasferita in codice giallo al Mandic di Merate. L’altro incidente si è verificato invece intorno alle 22:30 e ha riguardato una caduta di moto avvenuta a Casatenovo. Nello scivolone, verificatosi in via Giovenigo, è rimasto ferito un centauro di 40 anni. A prestargli soccorso sono stati i volontari della Croce Bianca di Besana, che hanno poi provveduto a trasportare il paziente, in codice giallo, anche in questo caso al Mandic di Merate.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori