MALTEMPO SARDEGNA, MORTA DONNA NEL CAGLIARITANO/ 70 evacuati, chiusa per frana Statale 125

Maltempo Sardegna, donna dispersa nel cagliaritano. Video ultime notizie, 49 persone evacuate, crolla ponte. Gravi danni nel sud dell’isola: ecco le ultime

10.10.2018 - Davide Giancristofaro Alberti
crollo_capoterra_2018
Maltempo Cagliari, crolla ponte sulla 195: strada tagliata in due

Non mancava la chiusura di cinque strade primarie in Sardegna, ora purtroppo il maltempo costringe le autorità sarde a bloccare anche la nuova strada statale 125 – la Orientale Sarda – per una frana avvenuta al km 42, circa verso nord di Muravera (Cagliari). Secondo quanto riporta l’Ansa, «sono circa 1500 i metri cubi di detriti che hanno occupato la carreggiata davanti a una galleria». Al momento l’Anas è all’opera per provare a liberare al più presto ogni ostacolo presente sulle strade della Regione devastata dal maltempo, in particolare con camion e ruspe per cercare di liberare la sede stradale che potrebbe nuovamente essere percorribile entro la mattina di domani. Sul fronte del traffico, i veicoli di ogni tipo vengono dirottati tutti sulla vecchia statale 125 inevitabilmente ingolfata di traffico nelle ultime ore. A livello politico nazionale, interviene la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni che chiede al premier Conte lo stato di calamità in Sardegna: «A causa delle forti perturbazioni, la Sardegna sta vivendo una situazione molto drammatica: esondazioni, allagamenti, un ponte crollato e una donna rimasta vittima nel tentativo di mettersi in salvo con la famiglia. Fratelli d’Italia chiede il tempestivo intervento delle Forze Armate e di attivare subito lo stato di calamità naturale: la Sardegna ha bisogno di aiuto e noi abbiamo il dovere di agire. Una preghiera per la donna e un forte incoraggiamento al popolo sardo». (agg. di Niccolò Magnani)

DISPERSO UN PASTORE

Violento maltempo in queste ore in Sardegna, dove una donna è morta, molto probabilmente travolta dalla furia delle acque. La vittima, Tamara Maccario di anni 44, era in auto con il marito e le tre figlie quando sono stati investiti dall’acqua: il resto della famiglia è riuscita a salvarsi e a venire soccorsa dalla protezione civile, ma non la donna, che prima è stata data per dispersa e poi dichiarata morta dopo che il suo cadavere è stato ritrovato questa mattina. C’è apprensione anche per un pastore che abita nella zona di Castiadas, colpita dal maltempo: l’uomo ha fatto perdere le tracce di se ormai da diverse ore, e le autorità lo stanno cercando. Si registrano inoltre 70 persone evacuate, alcune delle quali accolte nelle strutture comunali mentre restano chiusi tutti gli uffici comunali e regionali, nonché le scuole, i parchi, i cimiteri, le biblioteche, i musei e gli impianti sportivi cittadini. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

MORTA LA 44ENNE SCOMPARSA

E’ morta la donna di cui si era persa traccia nella giornata di ieri in Sardegna. La 44enne era rimasta bloccata in auto con il marito e le tre figlie, poi la famiglia era scesa dal mezzo e si è purtroppo divisa. La donna, come riferisce Rai News, è stata ritrovata morta poco fa, come fanno sapere fonti della protezione civile. Il gruppo si trovava nei pressi della località Cortexandra, fra le statali 130 e 131: padre e figlie erano stati recuperati non lontano dalla vettura, mentre la donna era data per dispersa fino alla tragica notizia degli ultimi minuti. Il maltempo miete quindi una nuova vittima in Italia, dove la Sardegna sta subendo un’ondata di pioggia e temporali devastante, che ha causato anche l’evacuazione di 57 persone situate nei comuni di Uta, Castiadas e San Vito. Nel pomeriggio di ieri era invece crollato un viadotto fra Cagliari e Capoterra, fortunatamente chiuso in anticipo dalle autorità. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

PROSEGUONO LE RICERCHE DELLA DONNA SCOMPARSA

Arrivano nuovi aggiornamenti sulla scomparsa di una donna nel Cagliaritano in seguito al maltempo che si è abbattuto sulla Sardegna con allagamenti. Si chiama Tamara Maccario la 44enne di Assemini scomparsa da ieri sera: le ricerche continuano, i subacquei hanno rintracciato l’auto della donna e stanno iniziando le operazioni di recupero, come sottolineato dal Tg1. Possibile altro disperso: sud-est della Sardegna, non si hanno notizie da ieri di un pastore. Si stanno facendo verifiche in questi minuti per capire se sia in un rifugio al sicuro o meno. A Cagliari si è riunito il Centro Coordinamento Soccorsi, sottolinea l’Unione Sarda, Ed è grande emergenza a Capoterra, con l’esondazione del rio Santa Lucia che ha completamente allagato la cittadino. Il paese è isolato, sottolinea l’Ansa, con alcune persone che sono rimaste bloccate in casa. (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

DONNA SCOMPARSA NEL CAGLIARITANO

Sono ore di paura in Sardegna. Anche questa notte il maltempo non ha dato tregua, in particolare nel sud della regione, dove ha piovuto ininterrottamente. A Uta, paese in provincia di Cagliari, sono state evacuate 49 persone, mentre ad Assemini, sempre nel cagliaritano, le strade sono diventate dei fiumi, ed è rimasto isolato un rifugio per animali. Ad Assemini, inoltre, una donna di circa 60 anni è dispersa dalle ore 3 del mattino: era in auto assieme al marito e a tre figlie, quando il loro mezzo è rimasto bloccato a causa dell’acqua che ha invaso le strade. I cinque hanno abbandonato in fretta e furia l’automobile, esclusa la donna che ancora non si trova e che viene cercata con squadre a terra con il supporto di un elicottero. Le operazioni di soccorso non risultano però essere semplici a causa del violento maltempo che si è abbattuto. Decine le chiamate ai vigili del fuoco, che sono dovuti intervenire in svariate occasioni. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

CHIUSI GLI UFFICI COMUNALI E LE SCUOLE

La Regione Sardegna ha ufficialmente disposto la chiusura degli uffici regionali del capoluogo Cagliari anche per la giornata di giovedì 11 ottobre, fatta eccezione per quelli che erogano servizi essenziali. Anche scuole e strade resteranno chiude nella zona del crollo dl Ponte a Capoterra. La forza del maltempo ha aumentato considerevolmente la lista dei danni e dei disagi culminati nel crollo del Ponte della Statale 105, e anche in diverse zone saranno chiuse le scuole, come nelle limitrofe zone di Uta e Castiadas: scuole chiuse, ponti sbarrati, strade interrotte e diversi evacuati. Anche il traffico all’aeroporto di Cagliari-Elmas ha subito pesanti ripercussioni, e i voli diretti verso l’hub sardo sono stati ritardati o annullati. (agg. di Fabio Belli)

ANAS PRONTA ALL’INTERVENTO

Il presidente della Regione Sardegna, Francesco Pigliaru, è arrivato sul posto in compagnia dell’assessore ai Lavori Pubblici Edoardo Balzarini e assieme al sindaco di Capoterra, per un sopralluogo nel luogo del crollo del Ponte a Capoterra sul rio Santa Lucia, lungo la statal 195 che porta a Cagliari. L’Anas però dopo le prime verifiche in loco ha fatto sapere che: “Le due opere non hanno subito danni strutturali e abbiamo incaricato la ditta di manutenzione che interverrà sul posto domani, compatibilmente con la situazione meteorologica e per avviare gli interventi il prima possibile.” L’allerta meteo in Sardegna si protrarrà infatti anche nella giornata di domani, e prima di partire con eventuali interventi sulle strutture si cercherà di valutare eventuali ulteriori rischi di crolli. (agg. di Fabio Belli)

SARDEGNA SOMMERSA DA ACQUA E FANGO

Una vera e propria allerta maltempo che ha fatto scattare il livello di criticità massimo in Sardegna, dove in seguito all’esondazione di un fiume è crollato il ponte sul rio Santa Lucia, lungo la statale 195 che collega Cagliari a Capoterra. La forte pioggia che si è abbattuta sull’isola nelle ultime ore ha provocato l’ingrossamento del fiume che ha a sua volta distrutto il ponte dividendo così la statale in due. A farne maggiormente le spese è il comune di Capoterra, nel Cagliaritano, dove le piogge torrenziali ed il vento molto forte hanno causato allagamenti e numerosi disagi. Dalle immagini che arrivano dall’elicottero dei vigili del fuoco, l’area nei pressi del comune sardo risulta completamente sommersa da acqua e fango. Intanto, come rivela Repubblica.it, un tratto di strada della statale 195 dove è avvenuto il crollo del ponte, qualche chilometro prima era stato chiuso in seguito ad una grande voragine che si era venuta a creare. In seguito al crollo però, la statale risulta letteralmente sezionata in due. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

STATALE SPACCATA IN DUE FRA CAGLIARI E CAPOTERRA

Pesanti danni in Sardegna causati dai violenti acquazzoni che si sono abbattuti in queste ore in quella zona dell’Italia. Il ponte sul rio Santa Lucia è crollato lungo la statale 195, strada che collega Cagliari a San Giovanni Suergiu, passando da Capoterra e Pula. Fortunatamente, come si apprende da Repubblica, l’Anas aveva già chiuso il tratto di strada diverse ore precedente il crollo, intuendo il disastro che stava per accadere: in tal modo si sono evitati feriti o addirittura vittime. Francesco Pigliaru, presidente della Sardegna, si è recato poco fa sul luogo del crollo, assieme all’assessore ai Lavori Pubblici Edoardo Balzarini, accompagnati dal sindaco di Capoterra. E proprio a Capoterra si temono i danni peggiori, visto che esattamente dieci anni fa, il 22 ottobre, morirono quattro persone per via dell’acqua e del fango, e le piogge di questa notte stanno facendo temere il peggio. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

CROLLA PONTE SULLA STATALE 195

Allerta rossa sulla Sardegna dopo una violenta ondata di maltempo che si è abbattuta da questa mattina. Una serie di acquazzoni che hanno falcidiato in particolare la zona di Cagliari, dove è crollato completamente il ponte che attraversa il rio Santa Lucia, nei pressi della statale 195 che collega il capoluogo regionale a Capoterra. La zona risulta essere inagibile e qualche chilometro prima del crollo del Capoterra, era già venuto giù un tratto di strada vicino al pontile della Rumianca, con conseguente voragine che ha costretto i vigili urbani ad interdire la viabilità. Come riportano i colleghi dell’Unione Sarda, è inaccessibile anche la strada per Pula, sempre a causa del maltempo.

STATALE TAGLIATA IN DUE

La statale è di fatto tagliata in due, a causa del crollo a Capoterra, con il fiume che è esondato e che scorre sotto la strada proprio nei pressi del crollo. Lanciato l’allarme sono giunti sul luogo i vigili del fuoco, i carabinieri e la protezione civile, che stanno cercando di mettere in sicurezza il tratto di strada. Domani, chiusi gli uffici della regione Sardegna presenti in quel di Cagliari, nonché le strutture comunali e tutte le scuole: «Per gli uffici regionali situati nelle diverse sedi periferiche, i direttori generali – il comunicato della Regione – dovranno verificare l’esistenza di analoghe ordinanze emanate dai sindaci competenti al fine di disporne la relativa chiusura». Anche a Carbonia, Decimoputzu, Maracalagonis e San Giovanni Suergiu, le scuole rimarranno chiuse.

I commenti dei lettori