Negramaro, il chitarrista Lele Spedicato come sta?/ Fuori pericolo, i medici “Vigile e respira autonomamente”

- Davide Giancristofaro Alberti

Negramaro, il chitarrista Lele Spedicato fuori pericolo. I medici “Vigile e respira da solo, prognosi sciolta”. Buone notizie per il musicista ricoverato dallo scorso 17 settembre

lele_spedicato_negramaro_chitarrista_facebook_2018
Lele Spedicato, Negramaro (Facebook)

Il chitarrista dei Negramaro, Emanuele Spedicato, è ufficialmente fuori pericolo. A comunicarlo sono stati i medici dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce, dove il musicista è ricoverato da quasi un mese, precisamente dallo scorso 17 settembre, a seguito di un’emorragia cerebrale. «Non è più in pericolo di vita – fanno sapere – è vigile e respira autonomamente». Gli stessi professori che hanno curato Lele Spedicato hanno quindi comunicato che: «Dopo un’attenta e ponderata analisi hanno deciso di sciogliere la prognosi». Una splendida notizia per lo stesso Spedicato, nonché per la moglie che gli è sempre stata a fianco in questo mese, per gli amici e i migliaia di fan dei Negramaro sparsi per tutta l’Italia.

PROBABILE TRASFERIMENTO IN UN CENTRO SPECIALIZZATO

Come si legge nel bollettino medico che è stato diramato dall’Asl, Lele Spedicato: «Risponde bene agli stimoli e presenta valori buoni in tutti i parametri. Il quadro clinico neurologico – sottolineano i medici – ha mostrato evidenti progressi negli ultimi giorni, per cui è stato possibile staccare i macchinari per la respirazione automatica». Come prosegue lo stesso bollettino, i prossimi dieci giorni saranno fondamentali, con i sanitari che dovranno tenere sotto stretta osservazione l’evolversi delle condizioni fisiche del paziente, valutando un eventuale trasferimento «in un centro specializzato, così da poter avviare un adeguato percorso di riabilitazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori